Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


14 Sono stati (I) giorni grandi
SET Alta quota, Segnalazioni
Ciao Walter. Sono cresciuto (anche) con te. E credo che domenica sarò a Lecco a salutarti.
TAG: bonatti, k2
16.26 del 14 Settembre 2011 | Commenti (1) 
 
04 Personas
GIU Web e tecnologia, Segnalazioni
Così mi vede il web. Ora devo capire perché se lo lancio due volte di fila dia risultati così differenti. E, soprattutto, perché mai nel primo caso religion abbia lo stesso peso di professional, books e sports.

Personas
Personas2
TAG: personas
11.26 del 04 Giugno 2011 | Commenti (0) 
 
12 Non lo commento, no
APR Alta quota, Mal di fegato, Segnalazioni
questo.
TAG: monte bianco, ambiente
12.11 del 12 Aprile 2011 | Commenti (5) 
 
04 Ché quando ho visto i tuoi soci nell'89 tu non c'eri...
APR Viaggi fra le note, Segnalazioni
Io, comunque, ho strappato al volo gli ultimi due disponibili e il 6 luglio sono in primo anello. Mi spiace per voi (a meno che non siate in posizione più favorevole, nel qual caso vi odio).

thewall
TAG: roger waters, the wall, pink floyd
11.34 del 04 Aprile 2011 | Commenti (0) 
 
30 Magari li metto in libreria a fianco di Richard Dawkins
MAR Segnalazioni
Scopro per caso in un piccolo ed isolato autogrill che Jacopo Fo, figlio del celebre premio Nobel per la letteratura, già noto ai più per la sua battaglia in favore del biodiesel derivato dall'olio di colza (in merito al quale può valer la pena leggersi qualcosina qui), è a sua volta uno scrittore piuttosto prolifico.

Se il talento e la lucidità analitica sono all'altezza del padre, direi che c'è da fiondarsi immediatamente alla cassa.

JacopoFo
12.32 del 30 Marzo 2011 | Commenti (0) 
 
13 The big picture
MAR Segnalazioni, Prima pagina
Come in altre occasioni, nulla più delle immagini di Boston.com raccontano quello che le parole non sono in grado di raccontare.

TsunamiBoston.com
TAG: tsunami, giappone, boston.com, big picture
13.55 del 13 Marzo 2011 | Commenti (0) 
 
02 Da ribadire ad oltranza
MAR Politica, Segnalazioni, Prima pagina
Wittgenstein oggi. E sottoscrivo in toto, dalla prima all'ultima parola:

[...] Ci sono ottime scuole private in cui ottimi insegnanti educano ottimi studenti che ne escono ottime persone. Cosa di cui essere lieti, nei casi in cui avviene: ma non da celebrare come grande conquista della scuola privata, che conosce anche casi di mediocri scuole con mediocri insegnanti che insegnano a mediocri studenti, o che li rendono tali. È insomma, per la comunità, un’impresa privata che offre un’alternativa a un servizio delicato e importante, che è tenuta a soddisfare.
Poi c’è la scuola pubblica, che offre lo stesso servizio a partire da un’idea di responsabilità pubblica di un paese nei confronti dell’educazione e della crescita dei propri cittadini. Non a partire da un’idea di supplenza a favore di coloro che non si possano permettere educazioni più costose. La differenza è rilevantissima. La scuola, per l’Italia e per la sua Costituzione è un impegno, un progetto e una necessità sociale: esaurienti e soddisfacenti. Lo sono stati per molto tempo, non è un’utopia irrealizzabile.
Nei casi in cui non lo siano, questo è molto grave e lo si deve affrontare rendendoli esaurienti e soddisfacenti con le iniziative e gli investimenti necessari [...]

TAG: scuola, governo, italia
10.48 del 02 Marzo 2011 | Commenti (2) 
 
13 Stasera, magari, i Vanzina va'
FEB Viaggi fra le immagini, Segnalazioni
Allora. Ho visto Buried e confermo, parola per parola, quel che ne scrisse tempo fa Matteo Bordone: "La retorica di un regista indipendente catalano che spiega le contraddizioni della guerra in Iraq tramite le telefonate di un tizio sepolto vivo con aguzzino, direttore del personale, moglie, agente dei servizi segreti è ben oltre la soglia di sopportazione di gente che non frequenta da tempo le assemblee di istituto."
In sintesi: per me, Buried, è una cagata pazzesca (nel senso, appunto, non puoi fare un film di un'ora e mezza con uno sepolto vivo dentro ad una cassa per poi rifilare allo spettatore il bubbone politico e sociologico della guerra in Iraq. Non c'è venuto per quello a vederlo, il tuo film).

Mi son mangiato focaccia genovese e salame e già dopo venti minuti speravo che gli si scaricasse il telefonino, tirasse le cuoia e la finissimo lì, ché avevo altro da fare. E considerate che son claustrofobo da ricovero, io.

Poi (anzi, prima) ho visto 127 ore, di Danny Boyle, che è quello di Trainspotting e The millionaire per intenderci e che, a differenza di Buried, è basato su un fatto realmente accaduto. Di nuovo, c'è uno che per un'ora e mezza di film è bloccato in fondo ad un canyon stretto un metro, da solo, con un coltellino, una borraccia, un po' di corda, una videocamera ed un solo braccio libero di muoversi, essendo l'altro rimasto schiacciato sotto ad un masso enorme.

Sulla carta i due film si assomigliano molto. Entrambi non suonano particolarmente terapuetici per gente che soffre di claustrofobia come me, in entrambi c'è un tizio, uno solo e sempre lui, che per tutta la durata del film è bloccato in uno spazio chiuso e stretto, senza alcuna probabilità di essere rintracciato ed aiutato, e son cazzi suoi.

Solo che il secondo dei due è tutta un'altra storia. Scopro ora per caso che è candidato ad otto premi oscar.
Se vi piace Danny Boyle non mancatelo. Se non vi piace siete un po' strani. Comunque portatevi del Plasil, ché può far comodo.

Io, comunque, la prossima volta che vado in montagna da solo mi porto il tracciatore satellitare e spammo i mille contatti della mia rubrica con le coordinate di ogni mio spostamento.
TAG: buried, 127 ore, danny boyle
16.30 del 13 Febbraio 2011 | Commenti (0) 
 
07 La prossima volta provo con Piero Angela
FEB Segnalazioni, Coffee break
Emporio Daverio fa schizzare le visite di Orizzontintorno, nemmeno avessi parlato di gnocca e molto più di quanto faccia prendersela con Berlusconi.
Pensa, alle volte.

Va da sé che scrivo questo solo per consolidare il trend.

[A proposito, oggi ho visto la puntata su Aosta e ho seriamente pensato di chiudere il mio Progetto 110, o perlomeno di cancellare il mio post. Daverio, portami con te /reloaded.]
TAG: emporio daverio, aosta
23.00 del 07 Febbraio 2011 | Commenti (1) 
 
25 Essere sul pezzo (a.k.a. Daverio, portami con te)
GEN Segnalazioni
L'ho evocato l'altro giorno ed eccolo lì: Philippe Daverio, nel corso del suo programma Emporio Daverio in onda su Rai5, mi serve sul piatto uno speciale su Biella, il biellese, i lanifici del biellese, lo shopping negli outlet del biellese, la campagna del biellese, le montagne del biellese, i ristoranti del biellese (imperdibile la cena di Daverio & soci all'Osteria dell'Oca Bianca di Cavaglià), i castelli del biellese, le cascine del biellese e i pastori del biellese. Non mancano naturalmente una lunga panoramica sul Piazzo e su Palazzo La Marmora (che io ho fotografato dall'esterno, ma nel quale non sono potuto entrare), ed una gita al santuario di Oropa.
Verifico con soddisfazione che le riprese del cameraman sono a tratti identiche alle mie foto, persino nelle luci e nei particolari, dalla luna piena dietro allo stesso campanile del Piazzo alla foschia del tramonto sulle colline attorno a Biella, inquadrate esattamente come nei miei scatti.

Emporio Daverio, che ormai è una delle mie trasmissioni preferite in assoluto, è di fatto una versione professionale e bellissima del Progetto 110. Da collezionare.

E dunque la preghiera scatta automatica: Philippe, per favore, portami con te e rivoluziona la mia esistenza quotidiana.
TAG: biella, philippe daverio, emporio daverio, rai5
14.27 del 25 Gennaio 2011 | Commenti (0) 
 
<< Pagina precedente Pagina successiva >>


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo