Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


17 What a wonderful world
AGO Travel Log: Isole Azzorre
Càpitano, quei momenti nella vita unicamente perfetti, precisi in ogni dettaglio, istanti magici dove ogni cosa è esattamente al posto nel quale deve essere, in equilibrio assoluto e quasi impercettibile, ed è importante coglierli, accorgersene, congelare l’attimo, assorbirlo, non lasciarlo fuggire, lasciarlo penetrare sotto pelle, farlo proprio, viverlo e respirarlo fino in fondo.

Come quella volta ad O’ahu, al tramonto, sull’autostrada per Honolulu. O sul volo di ritorno dalle Canarie, coi ragazzi ancora piccoli, rientrando dal mio primo vero viaggio da solo con loro al di fuori dei confini mediterranei, Leonardo che dorme con la testa appoggiata su di me, Carola concentrata sul suo disegno.

Càpitano, sì. Come qualche sera fa in mezzo all’Atlantico, dopo una bella cena a Praia da Vittoria, guidando verso la nostra strana casa a Terceira, la luna che si rispecchia perfettamente sull’oceano scuro illuminandolo completamente, noi quattro finalmente insieme, i ragazzi dietro felici, l'autoradio che passa una splendida cover di What a wonderful world di Louis Armstrong interpretata da Ben Caplan, il resto del mondo distante migliaia di chilometri di mare e aliseo, e l’unica cosa che vorrei è accostare la macchina sul ciglio della strada in quel punto preciso, fermare il tempo, l’universo tutto e non avanzare un istante in più nella vita, perché la perfezione di ogni cosa è esattamente quella e non è possibile migliorare nulla di quel che c’è dentro quell’istante, l’avanzare di un solo secondo o metro sposterà l'angolo di prospettiva e anche la luce proiettata dalla luna non sarà più nel posto corretto, la canzone finirà, arriveremo a destinazione, saremo qualche istante più vicini a casa, quella vera, e questa curva sarà alle spalle, come tutto il resto.

Così mi concentro sull'attimo prima di perderlo per sempre e di ogni altra cosa.
Poi arriveranno via via le fotografie, i tramonti sul vulcano e le balene di Pico, i colori di São Miguel, la lava di Faial, le scogliere vertiginose di São Jorge, le foreste di Terceira, le onde lunghe dell'oceano navigando verso Graciosa e tutto il resto.
A me basta anche solo questo.

Azzorre_01
Azzorre_02
TAG: azzorre
17.59 del 17 Agosto 2019 | Commenti (0) 
   
21 Rotta verso l'Atlantico
LUG Travel Log: Isole Azzorre, Spostamenti
Quindi, dopo le Canarie nel 2013 e Madeira nel 2017, torniamo nell'Atlantico e questa volta è finalmente il turno delle Azzorre, a lungo inseguite negli ultimi anni e per una ragione o per l'altra sempre rinviate.
Sul mio personale ruolino di marcia annoto anche che, almeno secondo la classificazione del CIGV, con le Azzorre completo definitivamente l'album dell'Europa, inanellando il 55° territorio del nostro continente (le capitali le avevo già completate nel 2015 con il weekend a Vienna), e il 103° paese della mia carriera di viaggiatore. Per curiosità - e naturalmente anche per disturbo ossessivo compulsivo - ho inoltre verificato che le isole portoghesi saranno il ventesimo arcipelago in cui metterò piede in giro per i sette mari, il decimo nell'Oceano Atlantico (contando anche l'Islanda).
Insomma, fin qui le statistiche.

Sarà finalmente una vacanza lunga, vera, che ce n'è un gran bisogno. Nei piani, almeno cinque delle nove isole dell'arcipelago.
Andiamo innanzitutto a caccia di balene per l'ennesima volta, e speriamo che questo sia il giro buono: io le vidi nel 2011 alle Hawaii, ma non sono mai riuscito con Lorenza e i ragazzi. A parte un fugace avvistamento da lontano nel 2014 in Sudafrica, missione fallita alle Canarie nel 2013, missione fallita alle Farøe nel 2014 e in Islanda nel 2015 (del resto eravamo fuori stagione), e missione nuovamente fallita a Madeira nel 2017.
Dicono che le Azzorre siano tutto l'anno un paradiso terrestre per l'avvistamento dei cetacei, soprattutto in estate. Metto a punto l'attrezzatura fotografica e incrociamo le dita.

E poi vulcani, natura, l'oceano e le colonie portoghesi che un po' per caso sembrano il fil rouge di quest'anno, nel quale sono stato fra l'altro anche in Brasile e a Goa. Per farne un progetto vero ci vorrebbe almeno una puntata in Angola ed una a Macao: l'enclave in Cina potrebbe quasi scapparci come rapida estensione di una prossima nuova trasferta di lavoro a Shanghai e Singapore, per l'Angola direi che quest'anno la vedo più complicata.

Batterie in carica, valigie quasi chiuse, equipaggiamento da trekking incluso. Nemmeno un mese che sono a terra e di nuovo in volo verso occidente, finalmente non da solo.

AzMap1
AzMap2
TAG: Azzorre
14.14 del 21 Luglio 2019 | Commenti (1) 
   


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2019 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo