Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


07 Steam
DIC Running, Salute, Diario
Alla fine è solo matematica, questione di numeri appunto. È sempre stato così. Per questo conto.

Ho impiegato sedici settimane, che in realtà è un tempo sorprendente considerata la mia condizione all'inizio di questa nuova avventura e che pensavo di impiegare non meno di sette-otto mesi. Peraltro non ero nemmeno certo che ce l'avrei davvero fatta, anzi, ero un po' del mood tipo ultimo treno, adesso o mai più.
Ed eccomi qui. Sedici settimane dopo.

Mi ci ero avvicinato molto una decina di giorni fa: una sera avevo staccato un 1h00'00"6, correndo i primi 5km in salita con una temperatura prossima allo zero e sbagliando poi i calcoli in discesa. Coi battiti oltre soglia, negli ultimi due chilometri avevo rallentato un filo, giusto quel minimo per non esagerare e rimanere tranquillo, convinto ormai di avercela fatta.
Sei decimi. Un battito di ciglia, la tolleranza dello strumento di misurazione, una stupidata: fermo in mezzo alla strada, avvolto dal vapore del sudore che si disperdeva nel buio, guardavo il display illuminato del cronometro e sorridevo fra me e me.
Sei decimi su un'ora sono una beffa, un solo passo in meno sulla distanza, un respiro in meno prima di fermarmi.
Mi ero incamminato verso casa prima che il freddo penetrasse lo strato termico della maglia e mi ero dato appuntamento alla prossima occasione.

Martedì sera ero a San Martino, come sempre da un po' di mesi a questa parte. Temperatura attorno agli zero gradi, probabilmente qualche grado sotto in mezzo ai campi spogli.
La corsa come rimedio all'umore, come un tempo, come unico modo che conosco per scollegarmi da qualunque pensiero, per spegnermi. Freddo e umidità a sufficienza per non perdere tempo, per accelerare da subito, per fare in fretta a scaldarmi e darmi una mossa a rientrare in albergo, ché a San Martino dopo le ventuno e trenta è tutto chiuso e non si cena più. La provinciale cinquantadue buia come al solito e la pettorina fosforescente dimenticata a casa. La mia tuta termica aderente, nera come l'oscurità attorno, solo due sottili cuciture arancioni lungo le spalle, e il verde fluo delle scarpette.
E via.

Cinquantasette minuti. Tre minuti sotto. Un tempo che addirittura mi ha riportato all'improvviso molto vicino ai miei allenamenti regolari di otto anni fa.
Ho fissato il cronometro incredulo. Limare tre minuti in un colpo è un'enormità.
Nel 2008 impiegai sette mesi per scendere sotto l'ora e quasi un anno per portarmi su tempi paragonabili, partendo da una situazione decisamente migliore di quella dello scorso agosto (e con otto anni in meno di oggi sulle spalle). È incredibile come il nostro corpo e la testa conservino memoria delle esperienze passate e vadano a ripescarle all'occorrenza, sappiano riadeguarsi. Non è una questione solo fisica e metabolica, è proprio una condizione mentale.

E matematica, naturalmente. Numeri. Questa mattina, 77,3kg. Eccoli lì, quei tre minuti, disegnati sul diplay a cristalli liquidi della mia bilancia.
Come previsto. Sempre tutto come previsto. Inesorabile.
I numeri non mentono mai, l'esperienza non inganna, insegna.
Metafore.

Non so se continuerò, non so dove posso arrivare. Sono al traguardo che mi ero posto quattro mesi fa e l'ho tagliato molto prima di quanto pensassi. Non lo avevo previsto. Adesso non ho un piano, e sono smarrito: io ho sempre un piano.

So che ora viene la parte davvero difficile.
So che se smetto di correre non sarò capace di mantenermi facendo solo attenzione alla dieta. Mi conosco bene, non sono in grado. È un metodo che richiede una condizione mentale che non mi appartiene.
So che adesso ci vorrebbe un nuovo obiettivo e non ho voglia di ripercorrere strade già battute. Ne avrei, ma qualunque cosa abbia in mente richiede tempo, impegno, disciplina, motivazione fortissima, sacrificio. Soprattutto tempo.
Un conto è trovare un paio di volte a settimana un'oretta e mezza strappata alla sera, rimandando l'orario di cena; o mettersi un'ora sul tapis-roulant il sabato pomeriggio, in casa, mentre i ragazzi studiano o fanno altro, poi la doccia lì a fianco, andare a fare la spesa, metter su la pentola sul fuoco, le solite cose.
Un conto è trovare il tempo per un nuovo traguardo sfidante. Ad esempio ripreparare una maratona, o anche solo una mezza tirata, per buttar giù i miei tempi del 2010. O addirittura qualcosa di nuovo e davvero motivante, magari una grande classica come la Monza-Montevecchia, o la Monza-Resegone. Le conseguenti necessarie uscite regolari tre, quattro, fino a cinque volte alla settimana, i lunghi da almeno un paio d'ore, le ripetute, la tabella fissa di preparazione.
Non so se ho questa motivazione. Soprattutto, per quanto potrei trovare la voglia, sono piuttosto certo di non avere il tempo per questo.
E quindi?
Son sempre lì, davanti allo specchio, con le stesse domande.

Mi guardo: studio il nuovo me stesso, o meglio, studio il me stesso di una volta che non vedevo riflesso da anni e che pensavo non avrei mai più rivisto. Gli stessi pensieri. Sono sempre io alla fine.
Ho lo sguardo stanco. Il volto scavato, le guance attraversate dai solchi delle rughe comparsi evidenti come conseguenza del calo drastico di peso.

Mi sento molto meglio. Il cuore funziona (e dovrò capire prima o poi se continuare a prendere i betabloccanti), niente più gastroprotettori da mesi, la macchina ha ripreso a funzionare abbastanza bene.
Tendini, menischi, legamenti, piante dei piedi: tutto perfetto.
La schiena no: è evidentemente rimasta danneggiata dalla condizione dello scorso anno. Ho ripreso quasi del tutto la mia mobilità ordinaria, ma al mattino ho difficoltà ormai cronicizzate e ho un problema abbastanza importante e ben identificato in mezzo alla schiena, più in alto delle mie vecchie protrusioni in L4-L5 ed L5-S1. Qualcosa è successo. Dovrò decidermi a fare una nuova risonanza e capire come affrontare la questione, perché non è di facile gestione e non mi abbandona un solo giorno.

E quindi non so. Non ho risposte. Non le ho mai. Mi siedo sul marciapiede, lascio che evapori il sudore e riparta il flusso dei pensieri.
Però sì, è vero.
Bravo Carlo.

Running1000

io
San Martino di Lupari, 5 dicembre 2017
TAG: running, salute, corsa, cuore, dieta
13.00 del 07 Dicembre 2017 | Commenti (1) 
 
26 Un minuto sessanta secondi
OTT Salute, Running, Diario
Ne scrivo con cautela e in via quasi riservata, fra me e me, ché alla prova dei fatti, negli ultimi sette anni, qualunque tentativo è miseramente naufragato dopo poche settimane, giusto il tempo perché facessero a tempo a manifestarsi i primi risultati.
Poi nulla, di nuovo il buio.

Una sera tardi, qualche settimana fa, stavo rientrando al mio albergo lungo la Provinciale 52. In quella zona la strada corre diritta attraverso la campagna veneta, come tutte le strade lì attorno. Non c’era nessuno in giro, era buio e faceva freddo, anche se in quel momento non lo stavo già più avvertendo da un po’.
Come al solito, come facevo anni fa, contavo fra me e me per dimenticarmi del tempo, astrarmi dal contesto attorno e da me stesso, concentrarmi su altro e staccare la testa.
A un certo punto sono come riemerso dal mio stato di trance, come se avessi realizzato solo in quel momento e all’improvviso dov’ero e cosa stavo facendo, e - giuro - mi sono dato un pizzicotto. Me lo sono dato forte, sulla guancia. Da solo, lì in mezzo al buio, sul ciglio della SP52.
Volevo essere certo, assolutamente certo, che non fosse un sogno, che fossi davvero sveglio, perché negli ultimi anni troppe volte mi è capitato di trovarmi in una situazione analoga, esserne fermamente convinto, meravigliarmene, fare giusto a tempo a cogliere quell’attimo di sorpresa mista a felicità e poi ritrovarmi invece nel mio letto con gli occhi aperti, e constatare amaramente, una volta di più, che era tutto un sogno.
Ne avevo scritto anche qua dentro, tempo fa.

A voi magari sembrano tutte cazzate e in fondo lo sono, ma conoscete quella frustrazione che vi coglie ogni volta quando vi risvegliate da un sogno che vi sembra troppo bello per essere vero, nel quale percepite forte una distorsione spazio-temporale, la sensazione che in realtà nulla intorno a voi sia reale, e fate di tutto per dimostrarvi che invece lo è: verificate, fate esperimenti, vi toccate, mettete alla prova lo spazio attorno a voi, finché non siete convinti che è tutto vero.
E quindi vi svegliate. Ogni maledetta volta, come riemergere dal livello due o tre di Inception.

Così, mi sono dato un pizzicotto. E poi un altro ancora, più forte. Volevo svegliarmi a tutti i costi per azzerare sul nascere la frustrazione.
Venti minuti dopo ero nella mia camera d’albergo. Al caldo, sudato, felice. In piedi. E non mi ero appena alzato dal letto.

Ho ricominciato il 17 agosto, a tre anni di distanza dall’ultimo tentativo. Ho impiegato sei settimane per tornare a correre un’ora, sette settimane per tornare a correre dieci chilometri. Dieci settimane per riportarli vicino ai sessanta minuti. Dieci settimane per perdere (quasi) dieci chili.
Me lo ero promesso, ho (per ora) mantenuto la promessa fatta a me stesso. E no, non stavo sognando in effetti. Stavo davvero correndo da un’ora, senza sosta, al buio, lungo la SP52.
Coi battiti regolari, inchiodati fra i centotrenta e i centoquaranta.

Un anno fa di questi tempi ero alle prese con i problemi cardiaci di cui ho raccontato fra queste pagine. Lo scorso inverno, complici lo stress e l’inattività assoluta forzata (non potevo nemmeno più andare a camminare), ero arrivato a soglie di peso davvero inaccettabili per il mio fisico: avevo superato quota 93kg, la progressione sembrava inarrestabile e, cuore a parte, il mio sistema salute complessivo era in allarme.
Sono arrivato a inizio estate in una condizione disastrosa. Da una parte le terapie coi betabloccanti e i gastroprotettori tenevano a bada cuore e stomaco, ma la mia schiena non ce la faceva davvero più, ero in una situazione così critica da avere seri problemi di mobilità quotidiana, in difficoltà perfino a girarmi nel letto di notte. Qualunque movimento non controllato sulla colonna poteva mettermi in crisi. Se camminavo troppo a lungo avevo forti dolori ai piedi, se stavo troppo seduto andava in sofferenza tutta la schiena e avevo forti dolori al sacro, se stavo sdraiato avevo difficoltà a girarmi e a rialzarmi. Perfino le mie lezioni di pilates erano diventate un percorso a ostacoli e non avevano più alcun effetto benefico.

Ho aspettato di rientrare dalle vacanze estive, perché era chiaro che qualunque iniziativa avessi intrapreso sarebbe stata immediatamente vanificata dal periodo di ferie.
Non sono stati facili i giorni a Madeira: tutti i giorni ero alle prese con le difficoltà alla schiena e ai piedi. Nonostante questo, però, abbiamo camminato parecchio. Ci contavo. È servito a buttar giù un paio di chili, tanto per cominciare. I primi, piccoli, passi. Nel vero senso della parola.

Al rientro, ho approfittato della settimana a casa subito dopo ferragosto per uscire tutti i giorni a camminare un paio d’ore. Come obiettivo iniziale mi sono posto di mettere insieme il più chilometri possibile per cercare di riabituare al movimento tendini, menischi e legamenti. Nessuna forzatura. Camminare, veloce. Maglietta e pantaloncini, andatura regolare. Cuffiette, chilometri. Solo riabituare il fisico al movimento prolungato.
Mi sono anche installato una app sul telefono per il controllo delle calorie. Per la prima volta in vita mia mi sono messo seriamente a dieta. Non lo avevo mai fatto.
Peso registrato all’inizio, il 17 agosto, 90.6kg. Ho fissato l’obiettivo a 78kg, il peso che avevo nove anni fa quando per la prima volta ero riuscito a portare i 10km sotto ai cinquanta minuti. Progressione ipotizzata: mezzo chilo a settimana.
La app mi ha sfornato un limite di 1670 calorie al giorno, bilanciate fra carboidrati, fibre e proteine.
Mi sono bastati due giorni per capire che fino a quel momento la mia dieta “normale” stava probabilmente attorno alle 2500 calorie quotidiane, senza contare che era completamente sbilanciata sui carboidrati.

Non mi ero mai interessato di queste cose prima, mi ero sempre rifiutato. Non ne avevo mai avuto bisogno, o almeno me lo volevo credere.
Adesso, per la prima volta, avevo dei numeri davanti a me.

Millesettecento calorie scarse, per uno come me, sono pochissime.
Ti mangi una fila di Oro Saiwa alla sera, otto biscotti, così per noia davanti alla tv? Quasi duecento calorie.
Nel weekend pranzi annoiato con un panino, un caprino, un etto di speck, un “po’” d’uva davanti al PC? Novecento calorie.
A cena decidi di stare a “dieta” e ti fai due pomodori in insalata con una scatoletta di tonno e una mozzarella, e al massimo finisci con una banana? Più di mille calorie.
La mia pizza casalinga che faccio un sabato sì e uno no? Millecento calorie, senza contare la birra.
Un incubo.
All’improvviso tutta - tutta - la mia ordinaria alimentazione fino a quel momento, quella che negli ultimi anni avevo considerato un’alimentazione “abbastanza controllata”, è diventata un incubo.

Ho dovuto resettare tutto, reinventarmi completamente il mio modo di fare la spesa. Imparare che con determinati alimenti mi tolgo la fame riempiendomi e mantenendo il giusto bilanciamento dei macronutrienti. Che è meglio un panino che un pacchetto di cracker. Che sono meglio tre pere di un etto di uva. Che il formaggio è il mio nemico, che i cesti di pane al ristorante sono i miei nemici, che i dolci - qualunque dolce - sono armi di distruzione di massa.
Tutte cose che ho sempre saputo, per carità. Sapevo così, perché sono cose che sappiamo tutti, ma che non avevo mai tradotto in numeri prima, sotto ai miei occhi, confrontandomi con lo specchio.

Dieta, stretta. E chilometri.
Dopo una settimana di camminate ho iniziato a provare a correre qualche minuto ogni tanto, così, solo per vedere cosa succedeva. Camminavo dieci minuti, poi un minuto di corsa. Fiatone, gambe doloranti.
Attento al cuore. Attentissimo. In ascolto.
In questo modo, ho iniziato con sei, sette chilometri in un’ora.
Mi sono ricordato del mio Garmin nel cassetto e della mia fascia cardio, e li ho rispolverati.
Dopo un paio di settimane ho iniziato a darmi un metodo, come quando iniziai a correre dieci anni fa. Sono partito con l’obiettivo di completare dieci serie da 3’ di corsetta, alternate a 3’ di camminata. Sono così arrivato a fare circa 7,5-8km in un’ora, all’inizio con gran fatica e cuore in gola, poi piano piano, col passare dei giorni, più regolare.
Nel frattempo avevo perso due chili nelle prime due settimane, poi altri due chili nelle due settimane successive.

Col ritorno al lavoro e alle trasferte, e col rientro dei ragazzi dalle vacanze e l’inizio della scuola, ho dovuto arrangiarmi con l’organizzazione: ho ringraziato il cielo di non essere riuscito a vendere lo scorso anno il mio tapis roulant e, come anni fa, ho ricominciato anche a correre la sera tardi.
Torno alle otto di sera? Esco a correre e ceno alle dieci.
Fa freddo, piove, ho i ragazzi a casa? Mi metto sul tapis roulant per un’ora.
Sono in trasferta a San Martino? Metto le mie cose nel trolley e la sera, quando esco dall’ufficio, corro lunga la SP52 e i dintorni della campagna veneta.
Sei settimane, sei chili.
Otto settimane, otto chili. E nel frattempo, un passo alla volta, le dieci serie da 3’+3’ diventano sette serie da 6’+3’, poi tre serie da 20’+2’. Seguo sempre la mia vecchia regola: passo alla sequenza successiva solo quando riesco a fare la sequenza attuale senza affaticarmi.
Poi, finalmente, una sera a San Martino, un’ora intera senza sosta, 8.5km.
Tre giorni dopo a casa, sempre la sera dopo il lavoro, 10km in fila, un’ora e dieci.
A dieci settimane di distanza corro regolarmente i dieci chilometri, accorcio via via i tempi, mi sto avvicinando all’ora e corro con dieci chili in meno.
E dieta stretta, con qualche strappo, ché alla fine corro e la fame si fa sentire.

Una volta alla settimana ceno con un calice di vino, mi concedo un dolce nella mia trattoria preferita di San Martino, un piatto più ricco.
Ho imparato ad apprezzare ogni cosa che mi metto nel piatto. I momenti più rilassanti della giornata sono quando mi metto, finalmente, a tavola.
Ho tagliato tutti gli extra pasto. Tutti. Ho tagliato le doppie colazioni, a meno che la prima non sia alle sei del mattino e il pranzo sia previsto alle due del pomeriggio, con un viaggio in mezzo. E comunque, addio al croissant con la cioccolata in seconda colazione.

Vivo meglio. Sai che scoperta: facile all’improvviso vivere meglio con dieci chili in meno. Ma di più c’è che non prendo gastroprotettori da due mesi: il mio reflusso, cronicizzato da anni, è completamente scomparso.
La schiena sta bene, abbastanza. Ho l’impressione che il peso sopportato nell’ultimo anno abbia causato qualche nuovo danno permanente e ci sia (minimo) una nuova protrusione all’altezza del sacro, ma ho riguadagnato quasi del tutto la mia mobilità normale. Quando corro, come è sempre (misteriosamente) stato, la mia schiena riacquista tutto il suo assetto ed equilibrio normali.
I piedi non mi fanno più male e anche a pilates va tutto bene.
Ho guadagnato due-tre buchi nelle cinture, più di una taglia, e all’improvviso mi sono larghi tutti i pantaloni che ho comprato negli ultimi anni.
Passate le prime settimane, grazie alla progressione molto controllata che ho seguito, mi sono scomparsi anche tutti i problemi ai menischi, tendini e legamenti, che inevitabilmente si erano manifestati quasi subito all’inizio. Per ora non si segnalano nuovi fastidi: ho fatto tesoro delle passate esperienze degli anni scorsi per circoscrivere e limitare i problemi, speriamo che il periodo di grazia continui, perché interrompere ora sarebbe deleterio anche per la mia motivazione.

E il cuore?
Il cuore sta bene, sembra. La scorsa settimana, un po’ preoccupato, sono stato dal medico. Il fatto è che i betabloccanti continuano a fare il proprio lavoro e ho frequenze da zombie.
La sera, quando mi sdraio a letto, sto fra i 38 e i 42 battiti al minuto.
In condizioni normali, in movimento in casa, attorno ai 50.
Quando corro, all’apice della fatica, viaggio a 145 di massima, molto raramente oltre. Solo un paio di volte ho toccato i 150 e peraltro, più passano le settimane e più mi alleno, più ovviamente i battiti tendono ad abbassarsi.
Tre anni fa, durante il mio ultimo tentativo di ripresa dell’attività, correvo coi battiti a 165 circa.
Lo scorso anno, durante le crisi di fibrillazione, ero arrivato a 190.
Anche la pressione, che tengo sempre monitorata, è bassissima. Viaggio a medie di 55-85, ma mi è capitato, a un’ora di distanza dal termine dell’attività, di misurare un 47-75. Non ho più visto valori sopra i novanta di massima.
Dice il mio medico che lui ha la pressione massima a ottanta da anni e mi fa notare che è vivo.
Non so se sia una diagnosi, ma vivo è, in effetti. Almeno, pare.

E adesso niente, facciamo che non ne parliamo di nuovo più. Si vedrà.
Intanto stamattina ero a 81.4kg, ché da una parte significa ormai solo poco più di tre chili al mio primo obiettivo, ma anche che nelle ultime due settimane, complici qualche uscita in meno e un paio di strappi alla dieta per colpa del lavoro, la mia progressione lineare di questi due mesi ha improvvisamente frenato e ho perso “solo” nove etti rispetto a quindici giorni fa. Significa che non posso sgarrare. Che i confini fra dimagrire, riuscire a mantenere il peso e rimbalzare di nuovo sono sottilissimi. Che è un lavoro. Che non posso permettermi mai di distrarmi. Che ci vogliono motivazione, disciplina, costanza, esattamente come quando otto anni fa decisi di puntare alla maratona.

Voglio arrivare ai 78kg e riportare i 10km sotto all’ora. Mi mancano tre chili e cinque minuti. Le due cose vanno insieme. In quei tre chili stanno esattamente quei cinque minuti.
Intanto vedo di arrivare lì. Se ce la farò, quando ce la farò, ne scriverò qui.
Poi si vedrà.
Un passo alla volta. Sempre.
Contando, nella mia testa, per ingannare il tempo, farlo scorrere, distrarmi dalla strada che scivola via dietro di me.

Un minuto sessanta secondi, un chilometro sei minuti e qualcosa, al prossimo lampione sono centro metri, un’ora ottomila passi, il rettilineo seicento metri, trenta minuti è il cinquanta per cento…
TAG: running, salute, corsa, cuore, dieta
17.29 del 26 Ottobre 2017 | Commenti (0) 
 
02 Be still my beating heart
GIU Salute, Diario
E quindi, dopo sette mesi e

- sei visite cardiologiche;
- quattro analisi del sangue;
- tre elettrocardiogrammi a riposo;
- un ecocardiogramma;
- tre Holter;
- tre test ergometrici sotto sforzo;
- una cinerisonanza con mezzo di contrasto;
- una tomoscintigrafia a riposo;
- una tomoscintigrafia sotto sforzo;
- due terapie farmacologiche (una in corso);

pare che ci rivediamo fra un anno. Coi medici, intendo.

Gli ultimi test hanno di fatto confermato alcune cose. Uno: che probabilmente gli episodi a cavallo fra lo scorso autunno e l'inverno sono stati causati da un forte esaurimento da stress. Due: che il mio cuore non è malato; non è più quello di un ventenne, ma si difende ancora e anche le coronarie sembra si comportino abbastanza bene. Tre: che, assolutamente, adesso devo mettermi d'impegno e buttare giù peso, tanto. Tornare a fare attività, magari anche a correre come mi ero ripromesso se fossi uscito indenne da questa spiacevole faccenda.
Mesi di inattività totale e di sedentarietà mi hanno riportato a livelli del tutto insostenibili per il mio fisico e la mia salute, devo forzatamente correre ai ripari. Non so come, non so quando, ma devo, devo, devo trovare motivazione e tempo.

Non sono mai stato in una condizione così pessima. Mi guardo allo specchio e non mi riconosco, non sopporto di vedermi così.
Dieci anni fa, con dieci chili in meno, davanti alla mia immagine riflessa nel bagno di un hotel di Alba decisi che non ne potevo più di vedermi così e qualche sera dopo scesi in strada con una tuta e un paio di vecchie scarpette. Due anni dopo pesavo dieci chili in meno e correvo la maratona.
Non arriverò più a correre la maratona, ma oggi pagherei anche solo per riuscire a tornare perlomeno al livello di partenza di dieci anni fa.

Il mio medico di base un mesetto fa mi congedò dicendo che il fatto che io sia una persona a basso rischio non significa che non possa morire ora e che in realtà dipende essenzialmente da quanto sono sfigato. Incerto se ridere o legarmi alla ringhiera di ferro, mi preparavo ad affrontare qualche giorno dopo la tomoscintigrafia e un paio di nuovi esami, pregando in qualche modo che fossero tutti negativi.
Questa mattina gli ho portato gli ultimi risultati - tutti negativi - e l'ho salutato dicendogli "be', adesso spero di non vederla per almeno un anno". Mi ha risposto: "Dicono tutti così, ma tanto tornano tutti". Questa volta sono scoppiato a ridere.

Quindi.

Ho finalmente superato il test da sforzo dopo sei mesi. Non in modo brillante, anzi, e vorrei anche vedere come avrei mai potuto fare vista la mia condizione. Ma l'ho superato.
Ho una terapia che mi accompagnerà almeno per qualche anno e che va ad aggiungersi a quella che già seguo da tempo per il reflusso. E vabbè.
Ho una raccomandazione di rifare un giro di accertamenti fra un anno e tenermi monitorata la pressione.
Ho il via libera per tornare a condurre la mia vita normale e, soprattutto, per riprendere una qualunque attività sportiva, anche correre, volendo.

Adesso dipende tutto, solo, da me.

cuore-scinti
TAG: cuore, salute, scintigrafia
00.10 del 02 Giugno 2017 | Commenti (1) 
 
10 O magari divento spiderman
MAG Salute
Quindi domani mattina mi iniettano degli isotopi radioattivi e poi mi fanno fare una prova sotto sforzo. A digiuno dalla sera prima.

Io spero solo che gli isotopi compensino la mancanza di zuccheri, altrimenti al posto della prova sotto sforzo chiedo alla corte la fucilazione, che è più rapida e meno dolorosa.
TAG: cuore, salute, scintigrafia
21.56 del 10 Maggio 2017 | Commenti (0) 
 
16 Un passo dopo l'altro
APR Diario, Salute
Così, come mi ero promesso, oggi sono tornato un po' a camminare e mi sono fatto una quindicina di chilometri attorno a casa. Cuore non pervenuto, tutto bene come la scorsa estate.
Sono stato in giro un paio d'ore e mezza praticamente senza sosta, mi sono misurato le pulsazioni dopo un paio d'ore, mentre camminavo, e stavo attorno alle cento.

Insomma, tutto bene.
A parte le gambe, naturalmente.

200704161
200704162
200704163
TAG: camminare
22.07 del 16 Aprile 2017 | Commenti (0) 
 
14 Aprile
APR Diario, Salute
Questa sera dovevamo essere a Cagliari. In programma c'erano un po' di tappe del Progetto 110, da due anni in qua l'unica occasione di fuga rimasta, ché ormai da tempo latitano i mezzi per spiccare il volo altrove, così ci si arrangia come si può.
Invece l'aereo delle tredici e cinquanta è partito senza di noi. All'ultimo istante il fato - avverso una volta di più - ha deciso diversamente e così l'ultimo volo sul quale sono salito continua ad essere quello che ci ha riportato indietro da Londra un paio d'anni fa.

Ieri sono rientrato per la seconda volta in due settimane dal Veneto che sta piuttosto in là, rispetto al Veneto più prossimo al qua. Sembra che per un po' farò avanti e indietro fra qua e là.
Dopo diverso tempo di nuovo un pezzo di vita dentro il trolley, le serate nelle camere di hotel con l'aria condizionata troppo fredda, le cene da solo nei ristoranti semivuoti di luoghi troppo improbabili per essere una consuetudine deterministica settimanale, le colazioni in camicia con le maniche arrotolate e l'iPad.
C'è stato un momento che davvero pensavo di averla finita con questa vita, dopo aver lottato a lungo e con tutte le mie forze per lasciarmela alle spalle, ma forse è ora di arrendersi al fatto che ormai questa «è» la mia vita.
Averlo saputo, aver potuto, anni fa mi sarei perlomeno tenuto quella in cui (non) dormivo in aereo, invece di quella dove macino chilometri in auto scegliendo gli autogrill dove fare colazione e fermarmi a chiudere un po' gli occhi in una piazzola, per riposare.
A parte che mi pagavano molto di più, almeno una volta i viaggi me li rimborsavano, adesso devo farceli star dentro in qualche modo.
Le cose cambiano, sempre in salita.

Da novembre ho affrontato, in ordine sparso, cinque visite cardiologiche, quattro elettrocardiogrammi a riposo, due test ergometrici da sforzo, due holter, un ecocardiogramma, una cinerisonanza con mezzo di contrasto, quattro esami del sangue (se non ho perso il conto), due terapie farmacologiche.
Nelle prossime settimane dovrò fare due scintigrafie con TAC, una a riposo e una sotto sforzo, un nuovo test egometrico, un nuovo holter, nuove analisi del sangue e (almeno una) nuova visita cardiologica.
Mi hanno tolto l'amiodarone perché aveva troppi effetti collaterali sulla tiroide e mi hanno prescritto un betabloccante. Mi pare che dopo pochi giorni l'effetto sia un netto rallentamento dei battiti cardiaci, forse eccessivo, considerato che non ho mai avuto frequenze particolarmente elevate. Non ho comunque più avuto episodi significativi di palpitazioni, fibrillazioni e aritmie, ma mi sento un po' zombizzato, come dire.
Il mio albero delle possibilità prevede che in caso di esito positivo delle scintigrafie si passi alla coronografia perché il problema (almeno in parte) a quel punto sarebbe riconducibile alle coronarie. Nel caso di esito negativo, bisogna vedere cosa diranno il prossimo test ergometrico e lo holter. In particolare, se dovessero interrompere nuovamente il primo per problemi, a quel punto dovrò vedere uno specialista in aritmie; in caso contrario significherà che la terapia farmacologica funziona bene.
Anche se non mi è chiaro a quel punto quanto dovrei andare avanti a betabloccanti.

E quindi nulla, è Pasqua, quasi non me ne sono accorto e i prossimi giorni sarò a casa, ormai come al solito, e questa volta pure da solo. Cercherò di fare delle camminate invece di condannarmi sul divano per quattro giorni, anche perché dimagrire un po' continua ad essere l'unica cosa che mi prescrivono tutti i medici.
Devo finire di sistemare la nuova zanzariera di sala e dipingere gli spessori di legno che ho utilizzato per l'installazione.
Magari lavoro anche un po', che al solito ho da fare più di quanto tempo abbia a disposizione per farlo.
Finirò anche il libro che sto leggendo e ne inizierò uno nuovo.
Ho Netflix, ho un po' di foto da sistemare, qualche commissione, un po' di spesa da fare, ché non era previsto che 'sti giorni fossi a casa e ho il frigo vuoto.

Poi, a maggio, penserò al resto.
TAG: cuore, salute, lavoro
21.45 del 14 Aprile 2017 | Commenti (0) 
 
10 Heart of gold/2: ski edition
MAR Salute, Viaggi verticali, Diario
Così ho provato ad andare a fare due curve, almeno per bagnare le assi e timbrare anche la stagione 2016-2017, se non altro in modo simbolico. Missione compiuta.
Sono state due belle giornate, con tanta neve, caldo, sole, pochissima gente, quasi nessuno in giro. Mi sono reso conto di quanto ne avessi davvero bisogno solo quando ho agganciato gli scarponi agli attacchi degli sci e ho pensato che anche quest'anno era fatta, che non avrei saltato, che ero ancora in piedi e lì.

E insomma, come è andata? Il primo giorno non benissimo, probabilmente complice anche l'agitazione, qualche timore sulle mie reali condizioni, la disassuefazione alla quota, mesi di fatto di inattività totale.

Sono salito martedì sera e durante la notte avvertivo già qualche principio di fibrillazione, o almeno qualcosa che mi pareva tale. Al mattino me la sono presa con calma, son salito su col solito trenino e alle undici ero sulla neve a chiudere gli scarponi e prepararmi: pulsazioni attorno ai 140, irregolarissime, molto affanno. Mi sono preoccupato. Sono stato fermo un po' a cercar di capire come stavo, come andava. Dopo un quarto d'ora ho agganciato gli sci e mi sono deciso a muovermi davvero.
Ho sciato un paio d'ore, inizialmente molto piano, ascoltandomi. Fiato cortissimo, nervosismo. Poi ho preso via via un po' più di confidenza: la neve era bellissima, la giornata anche. Ero finalmente a casa.
A un certo punto ho provato a spingere un po' e ho tirato per cinque-dieci minuti, sciando quasi normalmente al mio ritmo consueto. E sono andato in crisi.

Per fortuna ero arrivato alla partenza di una seggiovia. Mi sono fermato per riprendermi, sentivo il ritmo cardiaco disordinatissimo, mi girava forse un po' la testa, non riuscivo a capire se era più per la preoccupazione o davvero per i battiti, che non mi sembravano molto accelerati, per quanto sicuramente assai disordinati.
Ho avuto una spiacevolissima sensazione. Frustrazione. Sono risalito con l'impianto - dovevo comunque tornare al punto di partenza - approfittandone per tranquillizzarmi e riprendere fiato, e una volta in cima, prima di affrontare le discese verso la baita dove sosto sempre a pranzo, mi sono fermato una buona mezz'ora per prudenza.
Sono stato lì, in piedi, sugli sci. Al sole. Così, a far nulla. A cercare di capirmi.
Poi, piano piano, pista, impianto, pista, baita. Pranzo. Pulsazioni irregolarissime, ma io meglio.
Sono stato quasi due ore alla baita a riprendermi prima di affrontare l'ultima discesa per tornare giù. Quando ho rimesso gli sci stavo decisamente meglio e ho deciso di fare un paio di piste in più.
Poi in hotel.

In serata la situazione è andata normalizzandosi e le fibrillazioni sono andate via via attenuandosi e scomparendo.

Il giorno dopo sono risalito, ho voluto riprovare di nuovo. Stavo bene, ho capito che non dovevo spingere. Questa volta, dopo essermi allacciato gli scarponi, avevo le pulsazioni a 98: quaranta battiti in meno del giorno precedente. Mi ha dato fiducia e mi sono avviato alla prima seggiovia.
Ho sciato di nuovo un paio d'ore, più rilassato, tranquillo, ho anche spinto un po' senza esagerare, mi sono divertito. Mi sono misurato i battiti spesso durante le soste e sono stati quasi sempre abbastanza regolari e mai sopra i 95. Gambe molli - e lo credo - in debito di ossigeno, ma tutto sommato bene, molto molto meglio.
Ho pensato che probabilmente il primo giorno hanno giocato molto il timore, l'ansia e la quota.

Il pomeriggio, rientrando a casa, la situazione si è del tutto normalizzata, battiti regolarissimi, sempre sotto i 60 a riposo, nessun disturbo, nessun malessere.
Stagione timbrata. Devo portare gli sci a rifare il fondo. Il nuovo casco mi dà fastidio. Non mollo.
La prossima settimana nuovo giro di accertamenti.

Madesimo2017
TAG: cuore, salute
15.01 del 10 Marzo 2017 | Commenti (0) 
 
22 Heart of gold (*)
FEB Salute
Dunque, parliamone (o meglio, scriviamone). Che magari serve anche a me a razionalizzare, esorcizzare e fare un po’ d’ordine.
Da qualche mese ho il cuore che fa i capricci. Fino all’estate scorsa facevo le lunghe camminate di cui ho raccontato, poi ho avuto un settembre molto difficile e infine a ottobre, evidentemente dopo anni psicologicamente molto impegnativi e difficili, qualcosa (in più) ha iniziato a girare male.

Scrivo “qualcosa in più” perché sono ormai cinque anni che convivo con un reflusso gastroesofageo che è andato via via cronicizzandosi. Ebbi il primo episodio a fine 2011, proprio sotto San Silvestro. Il 30 sera ero andato al pronto soccorso perché alcuni sintomi erano quelli dell’infarto e complici l’età, lo stress degli ultimi mesi, un po’ di vicende personali, mi ero allarmato.
Codice giallo, monitoraggio tutta la notte, dimesso la mattina dell’ultimo dell’anno con la prognosi del reflusso e la conferma che sì, molte volte i sintomi sono simili a quelli dell’infarto e che dunque avevo fatto bene ad andare.

Da lì in poi il compagno reflusso è andato peggiorando, complice lo stress continuo, fino a persistere in via definitiva. Ho fatto tutti gli accertamenti del caso, sono passato anche attraverso una spiacevole gastroscopia. Infine la terapia a base di pantoprazolo, inizialmente occasionale, negli ultimi tre anni diventata perpetua. Se smetto, ricominciano i disturbi. Dice il medico che è normale, nel senso che è comune. Che devo conviverci e un po’ rassegnarmi.
Da allora, pillola ogni mattina quando mi sveglio.

La scorsa estate stavo bene, nonostante tutto e gli avvenimenti recenti. Per un certo periodo avevo provato anche a sospendere autonomamente il pantoprazolo, con successo. Lunghe camminate, dieta, qualche chilo giù. Fiducioso nel futuro, a prescindere da qualunque considerazione a làtere.
Ma a settembre il panorama è cambiato, lo stress è salito ben oltre i livelli di guardia e a inizio ottobre sono arrivati i primi nuovi disturbi.

Fiato cortissimo, anche solo a salire una rampa di scale. Ansia fuori misura. Affaticamento costante. Poi i primi episodi significativi, sempre quando ero in giro durante il giorno, di solito mentre camminavo normalmente. Qualche battito a vuoto del cuore, sempre più frequente, sempre più fastidioso. Nervosismo. Accelerazioni cardiache inspiegabili, se non appunto imputandole allo stress e all’ansia.
I primi episodi seri sono iniziati a fine mese: cercavo di continuare a camminare un po’, sia all’ora di pranzo che alla sera, ma diventava ogni volta più difficile, avevo sempre più problemi. Dovevo fermarmi sempre più spesso anche solo dopo pochi passi, coi battiti accelerati, in preda all’ansia, appoggiarmi da qualche parte. Anche solo uscire per andare al lavoro, prendere la metropolitana era diventato un problema. Per un po’ mi sono ostinato nel cercare di ignorare la cosa, poi ho iniziato ad avere un po’ paura.
Misteriosamente, ma evidentemente - col senno di poi - nemmeno così tanto, i fenomeni regolarmente cessavano del tutto appena rientravo a casa, o in condizioni di estrema rilassatezza mentale, a prescindere dallo sforzo: ad esempio, durante le lezioni di pilates che seguo ormai da un anno e mezzo per la schiena (altro mio problema storico). Per quanti sforzi potessi sostenere a pilates, uscivo (ed esco) sempre freschissimo. Poi, il giorno dopo, mi incamminavo verso l’ufficio e di nuovo i battiti ripartivano a mille.

A novembre la situazione è peggiorata sensibilmente e sono capitati due episodi gravi. Una prima volta, un venerdì sera, uscendo dal cinema, alla fine di una settimana molto difficile. Feci due passi verso la fermata della metro e dovetti immediatamente fermarmi. Battiti a 180. Mi appoggiai a un muro. Lasciai passare del tempo. Pensai di chiamare il 118, ma la sola idea mi faceva ancora più paura, così aspettai per vedere se il fenomeno fosse rientrato.
Alla fine rientrò, ma per tornare a prendere l’auto al capolinea della metro dovetti ricorrere a tutto il mio self control e affrontare il “viaggio” con molta cautela, un passo alla volta. Arrivato a casa, fine di tutto…

Qualche giorno dopo un nuovo episodio. Uscito dall’ufficio, sceso in metropolitana (ormai non osavo più camminare per più di pochi passi, per paura), all’improvviso una nuova scarica con battiti oltre i 180. La testa che gira, fosse anche solo per il panico.
Mi siedo su una panchina. Aspetto. Cerco di calmarmi. Decido che è venuto il momento di vincere le paure, affrontare la cosa a viso aperto e andare da un cardiologo.

Sono passati tre mesi circa. Ho visto diversi medici, fatto due elettrocardiogrammi, un test sotto sforzo (interrotto quasi subito per battiti oltre 190; un altro l’ho in programma), due holter, una risonanza cardiaca con mezzo di contrasto (con buona pace della mia claustrofobia), un ecocardiogramma, tre esami del sangue. Ho temporaneamente smesso di sciare, dietro consiglio medico. Ho imparato a farmi all’occorrenza le iniezioni di eparina in pancia e solo superare questo passo mi ha fatto sentire capace di qualsiasi cosa, considerato il mio terrore precedente anche al solo sentirne parlare.

Non ho ancora una diagnosi certa e ho una terapia farmacologica, che ho iniziato a Natale e che sembra fare il suo lavoro, funziona insomma.
Ho un lieve “prolasso della valvola mitrale”, una cosa diffusa, conosciuta, ampiamente protocollata, comune nella popolazione maschile sopra i 50 anni. Causa probabile, o perlomeno possibile, lo stress. Per il momento, pare non destare particolari preoccupazioni, il cuore non è ingrossato, altri parametri sono abbastanza normali.
Ho aritmie sovraventricolari (avrò capito giusto?) che i medici stanno indagando per capirne l'origine e perché, ho capito, non piacciono molto.

Per ora cerco dunque di informarmi, come se dovessi in qualche modo prepararmi, sai mai, ad accettare mentalmente l'eventualità di accertamenti ben più invasivi e azioni per sistemare le cose, una possibilità dalla quale ovviamente mi sento lontanissimo, anche solo nel prendere in considerazione l’idea, e che al momento considero dunque assai remota.
Studio un po’, prendo le mie medicine, vado avanti a fare gli esami che mi prescrivono. Prossimo step, un nuovo test ergometrico.
Ho deciso che di 'sta cosa ci faccio un thread nel blog. Così ogni tanto ho qualcosa di nuovo da scrivere. Scrivere mi serve appunto a tenere la questione entro un perimetro razionale, prenderci confidenza, focalizzarla e affrontarla nel modo corretto. Guardarla dall’esterno e darle una misura.
Ignorarla, farla facile, ovvero nascondermela, mi mette molta più ansia di quanto non sia giusto e lecito averne.
E d'altra parte questo è il mio diario, no? In questi anni ho scritto (quasi) di tutto, adesso mi capita questo.

Ho capito che per il momento è escluso che torni a correre la maratona.
Internet dice di lavarmi molto bene i denti (lo sappiamo tutti, vero, che l’ultima cosa da fare in ambito salute è andare a cercare su Google?).
Ieri la cardiologa mi ha detto che posso invece tornare a sciare: di non esagerare e cercare comunque di non fare troppi sforzi, e rilassarmi.
Ci proverò, prima che l’ultima neve se ne vada. Obiettivo minimo, ora, non saltare la stagione. Come sempre.
Stasera me ne vado a pilates.
Da qualche altra parte scriverei "fate le vostre X".

[Nota: questo post è stato editato a distanza di qualche settimana, a valle di altri accertamenti e dopo aver meglio compreso alcune cose parlando coi medici che mi seguono]

Heart1

(*) Esistono dozzine di canzoni nella mia vita, e nel mio iPod, che contengono la parola "heart" nel titolo e sarebbe pure difficile sceglierne una. Senza una ragione precisa, il titolo del post se lo aggiudica Neil Young. Sarà che sono nel mio periodo americano.
TAG: cuore, salute, valvola mitrale
22.07 del 22 Febbraio 2017 | Commenti (2) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2018 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo