Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


Le Seven Summits
Le sette vette più alte di ciascun continente, note nel mondo alpinistico come Seven Summits, sono un obiettivo ambito da molti e, tutto sommato, più alla portata del grande slam sui 14 Ottomila. Esiste addirittura un club mondiale che raggruppa tutti gli alpinisti che sono riusciti a centrare questo traguardo.

Il primo uomo a riuscire nell'impresa è stato il canadese Pat Morrow, che ha completato le sette salite nell'agosto del 1986. Quattro mesi più tardi Reinhold Messner è stato il secondo a riuscirvi, dopo avere conquistato per primo i 14 Ottomila. Alla fine di aprile del 2000 erano cinquantadue le persone che potevano vantare l'impresa.

Nonostante la relativa facilità di questo obiettivo, almeno per molti professionisti, l'impresa di per sé ha una storia piuttosto recente. Ciò è dovuto semplicemente al fatto che prima di Pat Morrow nessuno aveva pensato che anche questo fosse un bel gioco per catturare qualche sponsor.

Cima Continente Quota
Aconcagua (Argentina) Sud America 6.960 metri
Mc Kinley - Denali (Alaska) Nord America 6194 metri
Mount Elbrus (Caucaso) Europa 5642 metri
Mount Everest (Nepal, Cina) Asia 8850 metri
Kilimanjaro (Kenya, Tanzania) Africa 5895 metri
Mount Vinson Antartide 4897 metri
Carstensz Pyramid - Puncak Jaya (Irian Jaya, Indonesia) Oceania 5040 metri


Va osservato che la cima più alta d'Europa, almeno secondo il mondo alpinistico internazionale, è l'Elbrus, nel Caucaso, e non il Monte Bianco, che viene considerato solo la cima più elevata delle Alpi.

Un'altra nota interessante riguarda la cima più alta dell'Oceania, che qualcuno considera essere il Kosciusko, in Australia (2.228 metri), per cui esiste una sorta di classifica parallela dei salitori delle Seven Summits che fa riferimento a questa montagna. Non è un caso: la Piramide Carstensz ad Irian Jaya, che da un punto di vista geografico si trova senza alcun dubbio in Oceania, è ben più inaccessibile, alta e difficile del Kosciusko.
Così può ovviamente far più comodo identificare l'intera Oceania con la sola Australia, semplificandosi un po' la vita (alpinistica) e, nel caso, ritenersi ugualmente appagati.

Se infine si dovesse fare una classifica delle difficoltà, si potrebbe dire che il Kilimanjaro è una vetta piuttosto banale, alla portata di molti trekker senza esperienza alpinistica particolare, che però va affrontata, ovviamente, con un buon acclimatamento. Anche l'Elbrus è una montagna tecnicamente molto facile ed è possibile arrivare in vetta con gli sci ai piedi, anche se comunque ha una brutta fama da un punto di vista meteorologico.
Il Mount Vinson richiede più che altro moltissimi soldi. Freddo a parte, non è una montagna difficile, ma raggiungerla costa un'esagerazione.
L'Aconcagua è alla portata di molti alpinisti dilettanti, con una buona esperienza. La via normale non presenta difficoltà tecniche particolari e si sale tutta camminando, ma è comunque una montagna che ha una pessima fama da un punto di vista meteorologico e, peraltro, ha anche un'altezza considerevole. Va sicuramente affrontata con la dovuta preparazione e rispetto.
La Piramide Carstensz e, soprattutto, il Mc Kinley, sono montagne difficili, anche tecnicamente, oltre a richiedere un notevole budget economico per poterle salire.
E infine, c'è naturalmente l'Everest, che a metà del 2003 era ormai stato salito da oltre milleduecento persone, senza contare le (ormai) numerose ripetizioni...

In base a queste considerazioni, con un po' di pazienza, di spirito di avventura e di esperienza alpinistica, almeno tre delle Seven Summits sono sicuramente alla portata degli appassionati. Se si hanno a disposizione notevoli mezzi economici è possibile anche metterne insieme quattro o cinque. Se si è in grado di salire l'Everest, allora le Seven Summits diventano quasi solo una questione di voglia.
orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo