Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


27 Happy birthday #2
SET Mumble mumble, Alta quota, Amarcord
Ho ripreso in mano "Orizzonti di ghiaccio" di Reinhold Messner, un libro che ho già letto almeno tre volte, scritto a valle della spedizione in Tibet del 1980 che lo vide protagonista di una delle sue imprese più memorabili: la prima salita dell'Everest completamente in solitaria, effettuata fra l'altro in periodo monsonico, senza alcun appoggio esterno, senza collegamenti radio, senza naturalmente (per lui...) uso di ossigeno supplementare e per giunta tracciando una via parzialmente nuova sul versante settentrionale.
Salire la montagna - qualunque montagna in Himalaya, figuratevi l'Everest - in periodo monsonico, non solo significava e significa affrontare le peggiori condizioni climatiche in alta quota che la vostra mente possa immaginare, ma voleva e vuol anche dire trovarsi completamente da soli in uno dei luoghi più inospitali del mondo nel periodo in cui, qualche nomade o monaco tibetano a parte, le persone più vicine si trovano a centinaia di chilometri di distanza.

Per i non addetti, due anni prima Messner aveva già salito l'Everest con un compagno, realizzando la prima ascensione assoluta senza ausilio delle bombole di ossigeno: un'impresa fino a quel momento da molti ritenuta impossibile, alcuni camici bianchi inclusi. Ecco, questa nuova impresa aveva annichilito quella precedente.
Vi faccio un paragone, giusto per darvi la dimensione: è un po' come se oggi qualcuno andasse sulla Luna da solo, con un razzo a pedali costruito in casa, in costume da bagno, cantando O' sole mio e durante lo sciopero della Nasa...

Ora, per chi come me è cresciuto mangiando pane e libri di Reinhold Messner, non vi è qui nulla di nuovo. E' anche vero che quando si parla di Messner c'è sempre qualcuno che sfodera il classico luogo comune amestasulcazzo, chissà poi perché.
Così, sempre per i non addetti, e tanto per coinvolgervi un po' nella faccenda, aggiungo che colui che vistasulcazzo è stato il primo uomo a salire tutti gli ottomila della Terra (e quattro di essi li ha saliti due volte...), il primo a salire un 8000 da solo, il primo a salire un 8000 in periodo monsonico, il primo a concatenare due 8000 nella stessa ascensione, il primo a salire un 8000 completamente in stile alpino (ovvero: tendina e sacco a pelo; niente portatori, niente mega-spedizioni, ecc.), il primo a salire tre 8000 nello stesso anno, il primo a salire l'Everest senza ossigeno e pure da solo: anni '70 ed '80, preistoria, quando erano ancora molti ad andare in montagna con i pantaloni alla zuava e la fiaschetta di grappa, cantando La Montanara (io lo faccio ancora oggi con Leonardo...).
Reinhold Messner era (ed è) quello che oltre Manica verrebbe definito un visionary, un tipetto avanti anni luce rispetto alla Storia.

Non ultimo, il nostro uomo è sempre tornato vivo. Capite dunque che leggere i suoi libri e il suo modo di interpretare la vita, e di raccontarla, non deve poi essere così male, vi pare? Certo meglio che leggere la biografia di Baggio, immagino.

"Orizzonti di ghiaccio", dicevo, è il racconto della sua ascensione solitaria all'Everest del 1980. Già due anni prima Messner era riuscito nell'impresa di salire per primo al mondo un 8000, il difficile Nanga Parbat, completamente da solo. Personalmente ritengo il libro dedicato a quell'ascensione più bello di "Orizzonti di ghiaccio", ma mentre "Nanga Parbat in solitaria" rientra nella più classica letteratura di montagna, "Orizzonti di ghiaccio" è soprattutto il viaggio in Tibet di uno dei primi occidentali riusciti ad entrare nel Paese dopo l'occupazione cinese. Solo questo lo rende già di per sé un libro che ogni appassionato di viaggi dovrebbe custodire gelosamente nella propria biblioteca.
Per quanto mi riguarda, poi, a me Messner piace perché mi riconosco fin troppo bene nel suo modo di porsi di fronte all'esistenza quotidiana. Mi ci riconosco fin da ragazzo e non mi vergogno affatto ad ammettere che a tratti gli ho sempre "invidiato" il coraggio di alcune scelte - badate bene: non del "coraggio alpinistico", che non è affatto un metro con il quale misurare le ragioni di un'esistenza, ma del "coraggio di essere", che è tutt'altra materia.

Mi ero proposto di rileggere il libro subito al ritorno dal nostro viaggio in Tibet del 2002, per ripercorrere il racconto di Messner mettendolo a confronto con ciò che noi stessi avevamo vissuto in prima persona, lungo la sua stessa rotta, più di vent'anni dopo. Invece, solo qualche sera fa ho finalmente ripescato quel volume quasi per caso fra gli scaffali della mia libreria e, come sempre accade in questi casi, ho iniziato a sfogliarlo distrattamente, andando a rivedere le sue vecchie fotografie di panorami e volti ora anche a me familiari, per poi iniziare a leggere qualche pagina a caso qua e là, ed infine riaprirlo definitivamente dalla prima pagina.
In ventiquattr'ore l'avevo ovviamente già quasi terminato. Divorato.

..
[Continua a leggere]

18.07 del 27 Settembre 2005 | Commenti (1) 
 
26 Tramonto rosso
SET Diario
Ho quasi finito qui, ed è un peccato. Perché il rosso può anche lasciarti del tutto indifferente, ma quaggiù è impossibile non respirarlo e non essere sempre un po' emozionati. Anche se dopo due mesi magari ci hai fatto l'abitudine; anche se tanto sempre di lavoro si tratta; anche se le riunioni sono sempre riunioni e gli uffici sono uguali dappertutto. Anche se comunque, io, preferirei essere ad ottomila metri in Himalaya.

Tant'è, non ho resistito. E se volete lo confesso pure: un po' mi sono vergognato, tanto più che il cellulare era il mio...
Embé?

15.08 del 26 Settembre 2005 | Commenti (1) 
 
25 Jonathan è volato via
SET Amarcord

Scopro solo oggi che il 24 agosto se n'è andato Ambrogio Fogar. Non è certo una notizia che arriva a Cipro, questa, e probabilmente per molti non è una notizia in generale.

Per quanto mi riguarda, Fogar è stato uno di quei personaggi che fin da bambino mi hanno trasmesso la capacità di sognare e ho continuato a seguire le sue vicende anche in questi ultimi tredici anni, quelli che ha vissuto con il cielo finto dipinto sul soffitto della sua casa a Lambrate. Nei dieci anni in cui ho abitato in Piazza San Materno, a pochi passi da lui, mi sono sempre sentito un po' suo vicino di casa.
E' anche grazie a uomini come Fogar che a un certo punto della mia vita mi sono ritrovato nel deserto del Turkmenistan, quello stesso deserto che invece tradì lui nel 1992: non potei fare a meno di pensarci, là in mezzo.

Non è che abbia molto da dire. E' che lui di orizzontintorno era uno che ne capiva. Buon viaggio Ambrogio.

00.08 del 25 Settembre 2005 | Commenti (0) 
 
09 Keep the left
SET Diario
Sai che c'è, oltre alla paura di volare? E' che è l'alba e stai andando all'aeroporto, guidando una macchina con il volante a destra, sulla corsia di sinistra del lungomare di Larnaca dove a quest'ora non c'è altra auto oltre alla tua, ed è una bella mattinata con luce violetta, aria appena appena fresca, mare immobile, praticamente uno specchio, non una nuvola in cielo.

Poi, cambio scena.

Cinque ore dopo stai portando la tua macchina, che il volante lo ha a sinistra, e guidi a destra sull'autostrada che collega Malpensa a Milano, a duemilaottocento chilometri in linea d'aria dal luogo dove ti trovavi cinque ore fa, il cielo è grigio piombo e c'è un traffico infernale di gente che va al lavoro.

E' la stessa vita, nello stesso universo e nello stesso riferimento spazio-tempo? Io odio volare...
17.24 del 09 Settembre 2005 | Commenti (0) 
 
07 Cyprus/5
SET Travel Log: Cyprus
Monastero di Kykkos, una delle perle di Cipro, situato a circa 1.300 metri di quota nei monti Troodos occidentali. Per arrivarci, una delle strade per le quali i Troodos sono celebri: tornanti, tornanti, curve, curve, tornanti, tornanti, qualche tratto di sterrato, se proprio vuoi andarti a conquistare il monastero attraversando la Valle dei Cedri. In ogni caso, non più di venti all'ora di media: prima, seconda, prima, seconda, prima, seconda... terza! Poi di nuovo seconda e prima. Per almeno due o tre ore, partendo dal mare.
Quando arrivi a Kykkos i gomiti ti fanno male e il piede sulla frizione è ormai crampizzato. E questo è solo l'aperitivo, se vuoi visitare i Troodos e i loro famosi monasteri bizantini, patrimonio mondiale sotto la protezione dell'Unesco.

Parcheggio del monastero di Kykkos, dunque. Quasi un pellegrinaggio, certamente un luogo un po' mistico, immerso nella foresta di Pafos: conifere a perdita d'occhio e stenti a credere di essere ancora a Cipro, mentre la circolazione torna a scorrere normalmente nel tuo piede sinistro. Fa persino fresco e ti accorgi di essere davvero in montagna.

Nel parcheggio del monastero di Kykkos c'è il consulente. O meglio, il Project Manager. E' in bermuda bianchi e t-shirt, è con la moglie e i tre figli, e ha noleggiato un SUV all'Avis, pagandolo un prezzo da incubo rispetto alle migliaia di utilitarie che circolano per l'isola noleggiabili presso uno qualunque degli infiniti rent-a-car locali - che fra l'altro si possono contattare anche via web. Ma il nostro amico esibisce a tutti la sua tessera Avis ed è chiaro che così "fa punti" e allo stesso tempo si sente tutelato.
Il Project Manager si aggira per il parcheggio del monastero di Kykkos, monti Troodos occidentali, isola di Cipro, Mar Mediterraneo orientale, con l'auricolare infilato nell'orecchio e il palmare in mano, sbraitando come un deficiente con qualche suo collega in Italia e mettendoci tutti al corrente - noi, i monaci e tutti gli altri turisti arrampicatisi fin quassù alla faccia del mare blu cobalto che risplende milletrecento metri più in basso - del fatto che ci vuole una stagista. O "il cazzo che vuole" il suo collega, basta che il cliente sia soddisfatto, ché il 13 ottobre il progetto deve essere terminato. Sì, il 13 ottobre, non domani.

Ecco, ora io ci tenevo a farvi sapere questa cosa, perché evidentemente lui ha ritenuto molto importante che lo sapessimo tutti noi. Vorrei anche dirvi che più o meno erano le 11.30, perché poi lo abbiamo sempre avuto fra i piedi fino a quando siamo usciti dal monastero di Kykkos, ore 13.30 circa. E lui non si è mai, mai, mai staccato dal telefonino, chiamando almeno altre dodici persone per chiacchierare del più e del meno, ma sempre di lavoro, comunque. Ovviamente, tutte telefonate del tutto inutili.
Dentro al bellissimo museo bizantino, silenzioso, quasi buio, avvolto da una lieve musica in sottofondo di antichi cori gregoriani, lui è sempre al telefonino ("Scusa Franco, ma sono dentro un 'coso' ortodosso, ti sento male"). Dentro all'abbazia, che è un trionfo di colori, mosaici, affreschi e ori, lui è sempre al telefonino ("Senti, non dirglielo però a Luca, tieniti per te questa cosa, è una confidenza che faccio giusto a te..."). Dentro ai corridoi affrescati, dentro al cortile interno, sotto al campanile, lui è sempre al telefonino, incazzato, e si trascina annoiato ed infastidito dietro alla moglie. Lei lo ignora palesemente e, Lonely Planet alla mano, pazientemente spiega ai tre figli la storia del monastero.

L'idiota, che a quanto pare ritiene che il mondo non possa andare avanti senza la sua illuminata guida, chiude una telefonata e mentre fa il numero successivo esclama: "Oh, ragazzi, bello 'sto museo eh? Valeva la pena, vero, venire quassù con il papà?"
No, cretino. Non valeva proprio la pena. Potevi rimanertene a casa a lavorare (meglio, a spaccare i maroni a quei poveri disgraziati che hanno la sfiga di lavorare con te), risparmiando a tua moglie e ai tuoi figli questo tuo vergognoso spettacolo.

E quindi, ecco a voi il favoloso monastero di Kykkos:..
[Continua a leggere]

10.26 del 07 Settembre 2005 | Commenti (1) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo