Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


20 South Korea/10: random Seoul
AGO Travel Log: South Korea
Seoul, shots 1
Seoul, shots 2
Seoul, shots 3
TAG: seoul, corea del sud
02.48 del 20 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
20 South Korea/9: extreme street food
AGO Travel Log: South Korea
Hungry like a wolf, alle undici di sera in Euljiro 3(sam)-ga, non esattamente il centro di Seoul, e sfidare il destino con una salsiccia riscaldata insieme all'involucro di plastica nel microonde di un Family Mart.

Seoul, shots 4
Seoul, shots 5

[Updated: non è stata una buona idea...]
02.39 del 20 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
19 South Korea/8: Busan
AGO Travel Log: South Korea
Innanzitutto Busan, non Pusan. Si dice così. Fine della questione.
Poi.

Il mio supertreno KTX 113 Seoul-Busan delle 8:00am, orgoglio delle ferrovie coreane, è arrivato con tre minuti di ritardo. Su una distanza di poco più di quattrocento chilometri, coperti nel tempo abissale di due ore e mezza. Un disastro inaccettabile. Roba che in Giappone licenziano in tronco immediatamente dieci dirigenti scelti a caso e suicidano l'amministratore delegato delle ferrovie nipponiche tutte.
Ci son rimasto davvero male. E peraltro il tabellone segnava almeno altri tre treni in ritardo, un paio con un minuto ed uno con quattro, diconsi quattro minuti oltre l'orario programmato. Per non dire che un treno che mi portasse a Busan in meno di due ore non l'ho proprio trovato ed anche questo è inconcepibile (per un giapponese, come me).
E' evidente che le ferrovie coreane versano in uno stato disastroso, c'è ancora molto da imparare dai giap in questo caso.

Korea, on travel
Il KTX, orgoglio delle ferrovie coreane

Alcune facilities disponibili sul KTX: vagone cinema, tv, collegamento wireless dedicato in ogni vagone, schede per collegamento wireless disponibili (quasi) per ogni passeggero (ne hanno in dotazione dieci per ogni carrozza), alimentatori per cellulari.
Come in Giappone, peraltro, non esiste che qualcuno telefoni in mezzo al vagone: se devi telefonare te ne vai fuori dagli scompartimenti e non rompi le scatole. E va da sé che tutti spengono le suonerie. Civiltà.

Fermate: Daejon, Dongdaegu. Non avendo né una carta geografica, né una guida della Corea, non so dirvi nulla in merito. Certo potrei andare su Wikipedia, ma potete farlo anche voi, nel caso.

Curiosità del viaggio verso Busan: i parallelepipedi. Avevo già osservato a Seoul, soprattutto dalla Seoul Tower, le sterminate periferie (ma anche interi quartieri del centro) costellate di grappoli di torri di venti-trenta piani (ma a Seoul e a Busan ci sono ampie zone dove l'altezza media è cinquanta piani), tutte irrimediabilmente identiche. Affascinanti, a modo loro. Ho scoperto che l'intera Corea è fatta così.
In realtà ricordo di aver visto incubi edilizi simili in Giappone (e in Cina, naturalmente), ma qui il fenomeno mi sembra portato davvero all'estremo. Ogni città è circondata per chilometri da queste foreste immense suburbane di cemento armato. Le foto non rendono l'idea, davvero.
E parlando di foto, la giornata a tratti nuvolosa filtrata dai finestrini del treno in corsa, con la complicità degli scatti rubati al volo, crea immagini quasi dipinte, stranissime. Pensavo di metterne solo una, poi nello sceglierle ho scoperto che mi piaceva l'effetto ad insieme (a voi magari fanno schifo).

Korea, on travel 1
Korea, on travel 2
Korea, on travel 3
In viaggio verso Busan, quartieri popolari di città ignote
Korea, on travel 4
Questo scatto al volo è talmente onirico che ha un suo perché...

Busan l'avevo sottovalutata. Del resto, viaggiando senza alcuna preparazione e senza almeno una guida da leggere, programmando i miei spostamenti di giorno in giorno in base a eventi casuali, non ho riferimenti, né un piano.
Ho scelto Busan perché un giorno pieno mi avanzava. So che è la seconda città della Corea ed uno dei più grandi porti commerciali al mondo, e ho visto che da Seoul era raggiungibile rapidamente. Del resto ce l'avevo già nel mirino fin dai tempi del Giappone, quando mi trovavo a Fukuoka ed avevo studiato una mezza possibilità di rientrare a casa proprio dalla Corea, imbarcandomi per Busan. L'asse Fukuoka-Busan è infatti la principale rotta di collegamento fra i due paesi, a parte il volo Tokyo-Seoul, tant'è che Fukuoka è la città più coreana del Giappone, dicono...
[Continua a leggere]

TAG: busan, corea del sud
12.35 del 19 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
19 Tweets
AGO Travel Log: South Korea
Follow thinkice_it on Twitter 02:22:31 @mmant27 devo approfondire. E’ che qui davvero nessuno parla un acca di inglese così è difficilissimo dialogare (e leggere le etichette :-)

10:40:37 Entrato in IP market mall a Yongsan con Canon 30D. Uscito con Canon 40D. Al prossimo giro passo direttamente alla 5D mark IV...!

10:42:39 Fish market di Seoul. Esperienza straordinaria, non fosse per il puzzo di pesce che mi si è appiccicato addosso irrimediabilmente...

17:40:12 @gianrodolfo macché, ci ho rinunciato. Volevo andare a Kaesong, ma ci vogliono 20 giorni per il visto. Avrei dovuto organizzarmi prima...

17:40:54 @gianrodolfo e ho rinunciato anche andare alla DMZ, ché francamente non c’è davvero nulla. Meglio un giorno in più a Seoul, che merita.

17:42:18 @gianrodolfo e pensare che la frontiera è proprio qui a un tiro di sputo...

17:44:18 @gianrodolfo L’aereo, per atterrrare a Seoul, fa uno zig-zag assurdo per evitare al millimetro lo spazio nordcoreano, ché sai com’è...

02.22 del 19 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
19 South Korea/7: on my way back from Busan
AGO Travel Log: South Korea
Korea, carlo
00.48 del 19 Agosto 2010  
 
18 South Korea/6: Seoul/2
AGO Travel Log: South Korea
Iniziamo col dire che si pronuncia Só(l), o qualcosa di simile, con la "l" finale che di fatto è quasi mangiata e la "ó" chiusissima. Poi scrivetelo un po' come vi pare, Seoul o Seul: qui, come di consueto, si adotta lo standard locale.
Per il resto, del coreano a me è chiarissima una cosa: non ci capisco un tubo, e nemmeno ci provo a pronunciarlo, che è peggio del dialetto khmer.
Ho capito però come scrivono: non è vero che hanno gli ideogrammi come i cinesi, sembra a voi. In realtà utilizzano un normalissimo alfabeto di ventiquattro normalissime lettere, metà delle quali sono vocali derivate dai linguaggi ancestrali dei protonomadi del Gobi, l'altra metà sono consonanti klingon impronunciabili. E' che poi si divertono a scrivere magari due o tre lettere una sopra all'altra, impilandole, o racchiudendole in un quadrato a formare una sillaba, che vuoi mettere come diventa tutto più artistico (e illeggibile, oltre che impronunciabile)?

L'altra premessa d'obbligo è assolutamente soggettiva e, per quanto mi riguarda, di per sé riepilogativa del tutto che poi segue. Per cui, volendo, potete fermarvi anche qua: detto che se mettete un cinese di fianco a un giapponese li distinguete benissimo, se mettete un coreano di fianco a un cinese non ci riuscite ed idem se lo mettete di fianco a un giapponese.
In altre parole, questo viaggio nasce su un'idea sballata che mi ero fatto quattro anni fa in Giappone, ossia che la Corea (del Sud, o più propriamente Repubblica di Corea) fosse un Giappone ancor più portato all'estremo, e di conseguenza i coreani. Da lì il desiderio di venire quaggiù, sulla scia dell'entusiasmante esperienza nel sol levante.
In realtà i coreani sono esattamente il prodotto mescolato di cinesi e giapponesi, e nemmeno saprei dire in che dosi. Dipende un po' dalle angolazioni dalle quali li si vuole osservare. Non è un caso che si trovino esattamente in mezzo e che nel corso dei secoli le abbiano prese un po' da tutti i vicini.

Tecnologicamente ed industrialmente sono giapponesi a tutti gli effetti, e probabilmente anche più competitivi in certi settori. Anche socialmente, nei rapporti interpersonali, sono molto simili ai cugini insulari. Nei comportamenti individuali e somaticamente mi sembrano invece decisamente più prossimi ai cinesi.
Come i cinesi si ciuppano le orribili e maleodoranti minestrine preconfezionate, ma la disponibilità verso lo straniero è quasi pari a quella giapponese, a meno della smaccata piaggeria nipponica che rende spesso palesemente forzata quella medesima disponibilità. Dunque, meglio.
Gli pare però conveniente ruttare in pubblico e talvolta anche sputare, come i cinesi (ma molto meno), ma sono molto più internazionali e cosmopoliti, pur ancora lontani dai giapponesi e per quanto gli stessi giapponesi lo siano più che altro molto in apparenza più che in sostanza.
Di certo, rispetto ai cugini, sono molto più american-fascinated, ma immagino sia dovuto ai differenti trascorsi storici nei rapporti con gli yankee.
Come i giapponesi, infine, giocano a baseball, ma vestono orrendamente come i cinesi.

Tutto questo, naturalmente, potete catalogarlo alla voce informazioni dozzinali, prive di alcun fondamento e basate solo su qualche giorno di osservazioni superficiali.
Ma tant'è.

Io, comunque, in oriente mi sento ormai davvero a casa e mi trovo (quasi) perfettamente a mio agio. Se metto insieme tutte le esperienze vissute negli ultimi anni, ho di fatto accumulato mesi di permanenza in buona parte delle metropoli di questa parte del Globo.
Fra parentesi, l'ultima volta che son stato in viaggio intercontinentale da solo, non per lavoro, è stata se non sbaglio nel '98, che guarda caso fu proprio la mia prima volta in estremo oriente.

Insomma: sono in viaggio su un treno diretto a Busan, seconda città coreana e uno dei porti più grandi del mondo, e ne approfitto per mettere finalmente ordine fra gli appunti e le foto di questi giorni a Seoul.

Vediamo, consulto le mie note. Cose che ho fatto appena arrivato a Seoul: districato fra gli autobus e riuscito a raggiungere l'hotel; comprato abbonamento mezzi pubblici e metro: qualche perplessità di fronte alla macchinetta automatica coreana, che dopo aver studiato per un po' ho affrontato infilando alcune banconote nell'apposita fessura.
Mi aspettavo in cambio una tessera magnetica, come quella che hanno tutti, invece mi ha sparato fuori questa:

Seoul, chiave T

Siccome sono sufficientemente evoluto tecnologicamente, ho fatto la cosa più logica: mi sono avvicinato ai tornelli e ho provato a passare tenendo in mano quell'affare. Ha funzionato. Ottimo. Credo sia una versione della tessera magnetica per bimbiminkia manga coreani, da tenere attaccata al cellulare insieme al pupazzetto di Hello Kitty.

Quindi, depositate le valigie in camera, armato di chiavetta manga, mappa della metro in mano, completamente fuso dal fuso, mi sono fiondato ad affrontare Seoul.
Ho addiritura lasciato la macchina fotografica in camera, ché almeno il primo pomeriggio desideravo solo vagabondare per il centro e godermela, la città. Immergermici, farmi inghiottire e trasportare dalla folla. Sentirmela addosso, Seoul, prima di iniziare l'esplorazione metodica. E son partito con Brian Eno e David Byrne nelle orecchie, ché Strange overtones ci stava proprio bene per farmi cullare nella corrente umana.

Non son durato molto: dopo un paio d'ore di maratona ero bello secco su una panchina a downtown, sotto ad un ombrellone, circondato dalla solita foresta di grattacieli di cristallo ed acciaio. Ci son rimasto fino al tramonto, un po' a dormicchiare, un po' a scrivere, un po' a guardare il passaggio, finché Seoul non ha iniziato ad accendersi tutta, dal basso verso l'alto, e a riflettersi nel cielo nuvoloso.
Poi, in compagnia di Al Stewart, mi son messo per vicoli a caccia di un posto dove cenare, ingannando il fuso orario.

Per le strade di Seoul si fa fatica a vederne, di occidentali. Li conti sulle dita delle mani. Soprattutto, quei pochi giovani bianchi che vedi son quasi tutti per mano ad una ragazza coreana. Non han la faccia di averla trovata lì: sembrano piuttosto europei che con una coreana ci si sono fidanzati a casa loro, e la tipa adesso li sta portando a visitare il proprio luogo d'origine. O forse mi sembrano a me. Mah.
L'altra cosa che noti è l'incredibile quantità di tavolate di sole donne la sera al ristorante, come a Warszawa. Addirittura sono in numero maggiore degli uomini, che comunque son viceversa sempre accoppiati, al massimo con un amico. Non mi risulta però che, come in Polonia, anche qui gli uomini siano tutti emigrati in Germania a lavorare. Mah, reloaded.

In generale, per Seoul vale quello che ho detto del mio approccio con i sudcoreani: prendete Tokyo e Beijing, aggiungetegli un po' di Bangkok, buttate tutto in un frullatore ed eccovi Seoul.
Se conoscete le tre capitali di cui sopra, Seoul non vi riserverà alcuna sorpresa, salvo proprio il fatto di ritrovarvici perfettamente ad ogni semaforo e che ad ogni angolo vi sembri di essere in una a scelta delle tre sorelle asiatiche.
Con Beijing condivide i grandi palazzi imperiali: dovessi proprio proprio dire, a memoria Gyeongbokung e Changdeokgung mi son piaciuti più della Città proibita, ma sono probabilmente condizionato dalla mia radicata antipatia verso la Cina.
Sono cinque i palazzi imperiali di Seoul, e girarli tutti in un paio di giornate con il tipico clima locale estivo è challenging almeno quanto un corso di sopravvivenza nella giungla malese (fatto, anche quello).
Tanto che ci sono vi faccio vedere qualcosa, va'. Anche un po' di tipi strani del posto.

Seoul, Changdeokgung
Seoul, Gyeongbokung
Seoul, Jongmyo
Seoul, Jongmyo
Seoul, Changgyeonggung
Seoul, Changgyeonggung
Seoul, Changdeokgung 1
Seoul, Changdeokgung 2
Seoul, Changdeokgung 3
Seoul, Changdeokgung 4
Seoul, Changdeokgung 5
Seoul, Changdeokgung
Seoul, Unhyeongung
Seoul, Unhyeongung

I palazzi grandi e le piazze d'armi non ve li metto, ché tanto dentro l'obiettivo nemmeno ci stavano (ah, quanto mi manca il mio buon vecchio 24mm), ma ci sono anche quelli...
[Continua a leggere]

TAG: seoul, corea del sud
04.24 del 18 Agosto 2010 | Commenti (1) 
 
18 Tweets
AGO Travel Log: South Korea
Follow thinkice_it on Twitter 04:09:05 Non so cosa stia succedendo ma è piuttosto inquietante...

04:09:17 ...all’improvviso è risuonata per tutta Seoul, per cinque buoni minuti, una sirena tipo allarme antiaereo...

04:10:13 ...sto guardando dalla finestra del mio albergo: il traffico, almeno qui in Euljiro 4-ga, è completamente fermo...

04:10:52 ...e in mezzo all’incrocio ci sono un poliziotto e un paio di tipi con una bandiera in mano, che da quassù non si capisce cosa sia...

04:12:02 ...però alla tv coreana va tutto avanti tranquillo, per cui non credo ci stiano bombardando! Ma guarda che è davvero strana ’sta roba...

04:12:49 ...son passati dieci minuti e laggiù in strada son sempre tutti lì immobili... è surreale... keep you informed

04:16:21 C’è di nuovo la sirena antiaerea e adesso tutti riprendono a muoversi. Ma che è, un’esercitazione? Devo scendere nei rifugi??

09:36:46 Entrato in Namdaemun market con una Canon D20 + 18-50mm. Uscito con una Canon D30 + 17-70mm. Adios my old D20, never too loved...

09:39:45 Usato contro usato, speriamo bene...

09:43:18 Tu che ne dici Fede? Mi fiondo in Myeon-dong a provarla. E meno male che mi son ricordato di farmi settare il menù in italiano...

09:45:13 ...che quel negozio non lo trovo mai più, e dal menù in coreano non ne uscivo nemmeno con un vocabolario...

09:47:53 Dopo le maratone massacranti dei giorni scorsi oggi me la son presa calmissima. Sveglia alle 10, in giro per mercati nel pomeriggio.

09:50:26 Non ho la minima idea di chi sia, sappiate comunque che qua Dj.Doc occupa ben cinque delle prime dieci posizioni della top ten chart.

09:51:10 E comunque no, non ci hanno bombardato (per ora).

09:59:15 A proposito, Rossella, siete arrivati a Seoul? Tutto bene? What about a coffee in Insadong?

11:53:03 Lotte mega store (un mostro): per 9.900.000 cosi posso portarmi a casa un tv led da 70"...

11:55:28 ...Siccome nel trolley non mi ci sta, opto per una custodia per il mio mini Vaio 10", solo 23.000 cosi. Un po’ caruccia tutto sommato...

11:57:37 ...del resto, se vai a comprare in Montenapo... ah, e una mollettona nuova per Carola, che gliel’ho promessa.

13:10:42 As I’m not a daredevil, ain’t gonna try "bosingtang" (zuppa di cane). Per me un bel cheeseburger, va’...

20:25:00 @gianrodolfo pare proprio sia zuppa di carne di cane e questo mi spiega perché in giro per Seoul non ne ho visto nemmeno uno, di cane :-)

TAG: seoul
04.09 del 18 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
17 Tweets
AGO Travel Log: South Korea
Follow thinkice_it on Twitter 07:13:18 Piedi a mollo nell’Oceano Pacifico a Songdo Beach, Busan

07:15:05 Mario, il porto industriale di Busan è magnifico! Dillo a Greg!

07:16:23 @mmant27 visti ieri sera ad Itaewon, ti lascio immaginare il genere...

07:19:05 Sto polverizzando il record del mondo di visita integrale di Busan. Meno male che sono allenato alla maratona, ho solo otto ore di tempo.

TAG: seoul
07.13 del 17 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
17 South Korea/5: Seoul/1
AGO Travel Log: South Korea
Intanto beccatevi questa. Ve lo dico già, fa schifo. Stamattina a Seoul pioveva e tirava vento, e in più non sono nemmeno salito in cima alla N Seoul Tower, che stava esattamente alle mie spalle e sopra alla mia testa, ed il motivo è semplice: come sanno tutti coloro che mi frequentano, odio gli ascensori, soprattutto quelli inutili blindati dentro a pilastri di cemento armato alti trecento metri (già mi becco ogni giorno in albergo i venti piani per scendere e salire in camera).

Così mi sono accontentato di buttar lì rapido una sequenza a 180° scarsi, presa di fretta e pure sul lato più brutto della città: la vista è verso sudovest e purtroppo è anche quella meno significativa, opposta al centro città, che dal punto dove mi trovavo rimaneva nascosto dal bosco.
Vabbé: le foto vere di Seoul (e il travel log relativo) con un po' di pazienza sono in arrivo.

Seoul, panoramica
180° di Seoul (i meno affollati) sotto la pioggia, dalla cima del Namsan
TAG: seoul, corea del sud
00.48 del 17 Agosto 2010 | Commenti (0) 
 
16 South Korea/4: marziani
AGO Travel Log: South Korea
Insomma, mi si accusa di non fare il viaggiatore serio. Ma il fatto è che sono in giro quattordici ore al giorno e non avete idea di quante foto ho già in archivio e di quanta roba avrei da scrivere. Non solo non ho tempo, ma non so più nemmeno da dove cominciare. Magari butto giù qualcosa domani sul treno per Busan.
Nel frattempo ho caricato la nuova foto di testata per questo thread sulla Corea. Vi piace?

E poi, come si fa a fare i viaggiatori seri quando si vedono certe cose? Tipo, ma voi ve lo ricordate il segway? E peraltro lo avete mai visto in giro, a parte in qualche servizio di Studio Aperto che annuncia le novità rivoluzionarie all'ultima moda in arrivo da Miami? (A Miami in realtà non si è mai visto un segway nemmeno dipinto).

No perché io son dovuto venire fino a Seoul per vederne uno (e non vi dico che fulminato era il tipo che lo guidava).

Seoul, segway
Itaewon, Seoul
TAG: seoul, segway
23.12 del 16 Agosto 2010 | Commenti (1) 
 
<< Pagina precedente Pagina successiva >>


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo