Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


18 Null'altro da aggiungere
GEN Prima pagina
Matteo Bordone ha sintetizzato in un'unica frase tutto quel che penso in merito.

Per il resto, è chi trova le crociere una vergogna o uno schifo che ha un problema.

TAG: costa concordia
00.26 del 18 Gennaio 2012 | Commenti (0) 
 
15 Vegetaleide
GEN Pollice verde
In anticipo di qualche settimana rispetto allo scorso anno, il rito si ripete e iniziano ad accadere cose. Il fatto è che da novembre a oggi le giornate di pioggia le conto sulle dita delle mani: splende sempre il sole e le temperature sono spesso del tutto fuori norma.
Così, se da una parte le mie viole stanno che è una meraviglia, dall'altra mi son reso conto a sorpresa che lì in mezzo sta venendo su di tutto a gran velocità: i giacinti (o almeno, credo siano i giacinti...) son già belli fuori e si fan largo a spintoni in mezzo ai cespugli di viole.
Credevo fosse dunque arrivato il momento di estirparle, ma le preziose amiche del gruppo Piantala! di FriendFeed mi consigliano di lasciar fare alla natura e che i vegetali se la vedano fra di loro.
Anche i tulipani olandesi (e in questo caso sono abbastanza sicuro che lo siano, ché dallo scorso anno qualcosa ho ben imparato, spero), che occupano un intero vaso tutto per loro senza dover sottostare a scomode condivisioni, han bucato la terra e iniziano a farsi vedere.
Quella roba lì, poi, la Muscari armeniacum, sta allungando le foglie in maniera inquietante oltre i bordi del vaso.

Insomma, è giunta l'ora di andar giù di fertilizzante e dopare i nostri fiori. Ché quest'anno si punta a far ròdere il vicinato tutto.

Vasi.2012.01.14-01
Muscari armeniacum
Vasi.2012.01.14-02
I giacinti (o almeno, credo) stanno germogliando in mezzo alle viole
Vasi.2012.01.14-03
Questi credo siano i tulipani. Anche loro stanno già germogliando.
TAG: fiori, tulipani, giacinti, viole, giardinaggio
12.24 del 15 Gennaio 2012 | Commenti (0) 
 
10 Social flood
GEN Web e tecnologia
Nel frattempo mi sono iscritto anche a Path. Probabilmente, per quanto mi riguarda, farà la fine di altri esperimenti tipo iLike, Tumblr o, più recentemente, Diaspora (e di questo passo anche Google Plus).
Per ora quel che mi attira è l'idea alla base, che è un po' quella originale di Twitter usato con un profilo chiuso. Diversamente da quest'ultimo, però, che per natura rimane (o è diventato?) una piattaforma di microblogging aperta alla condivisione verso un'audience allargata, Path ha più le caratteristiche di una semplice timeline personale: una sorta di self tracking, di diario intimo, da aprirsi eventualmente solo a un ristretto gruppo di amici prossimi, ma non necessariamente.

Il punto chiave, ovviamente, è l'aggiornamento del profilo: mi sembra che l'uso attivo possa avere un senso solo se mantenuto con una certa regolarità. Per contro c'è il consueto problema di sovrapposizione dei contenuti con gli altri social network: Path può al solito combinare geolocalizzazione, import di immagini e musica, semplici stati e commenti, ridondando all'ennesima potenza quel che già ciascuno condivide altrove.
Peraltro, con buona probabilità, con un sottoinsieme della solita cerchia di contatti.
TAG: path
11.10 del 10 Gennaio 2012 | Commenti (2) 
 
01 Tanto poi i Maya (che comunque non c'entran nulla)
GEN Diario, Web e tecnologia
Ho chiuso il 2011 scrivendo molto poco qua dentro: un solo post in tutto dicembre per buttar giù due cose mie, niente di che. Ho però scritto molto e partecipato altrove, smentendo peraltro me stesso come al solito.

Scrivevo, non molto tempo fa, del modo in cui stavo via via ridefinendo il mio rapporto con il web e i social network: soprattutto, della mia progressiva migrazione verso Google Plus a scapito di FriendFeed, accompagnata dal proposito di chiudere definitivamente l'account su quest'ultimo, e del rinnovato amore verso Twitter. A parte però consolidare effettivamente il rapporto con i cinguettii ed estendere la mia rete di collegamenti, nei confronti delle altre due piattaforme le cose sono andate esattamente al contrario del previsto, come del resto è accaduto per molti.
Esaurita la spinta propulsiva della novità, G+ è rapidamente diventato un deserto. Poco più di un repository di link da condividere, almeno per quanto mi riguarda e per l'utilizzo che ho poco a poco visto farne da parte dei contatti che appartengono alle mie cerchie. Interazioni pressoché nulle, partecipazione in caduta libera: per il social network che si proponeva come la vera alternativa a Facebook, ecco, non è che sia stato così un gran botto, al di là dei numeri che quotidianamente Google sfodera con gran clamore.
La verità, al solito, sembra essere ben diversa: passata la corsa ad accaparrarsi un account sull'ultimo social network alla moda, alla fine ognuno è tornato, o semplicemente rimasto, a casa propria. In particolar modo per quanto riguarda gli appartenenti alla ristretta comunità di FriendFeed.
È così accaduto anche per me: in punta d'abbandono, ho ripreso a scrivere parecchio proprio su FriendFeed e ad allargare, anche lì, la mia rete di relazioni sul web. Facendo anche selezione nei contatti, che è poi un po' la chiave perché la presenza nel contesto di un social network funzioni come nella vita di tutti i giorni (non uso di proposito il termine vita reale: chi mi segue da tempo sa che, per quanto mi riguarda, non faccio alcuna distinzione fra relazioni sul web e relazioni in carne ed ossa, un po' perché i due insiemi non sono del tutto mutuamente esclusivi, un po' perché continuo a sostenere che il modo in cui ciascuno di noi si propone in Rete non è affatto dissimile dal modo di rapportarsi nel quotidiano. Ma è un discorso lungo che porta altrove e, al solito, vado fuori tema).

Di recente Massimo Mantellini, che seguo da anni e che ho spesso citato fra queste pagine, ha scritto qualcosa di interessante a proposito dello stato di salute dei blog ai tempi di Facebook e dei social network, in particolar modo qui e qui. È un tema che in Rete ultimamente è abbastanza ricorsivo.
Personalmente mi ritrovo, al solito, a condividere parecchio di quel che va sostenendo, pur muovendomi da un punto di osservazione che, numeri alla mano, sta un paio di zeri al di sotto degli ordini di grandezza e degli esempi ai quali fa riferimento.
Bloggare stanca, eccome. E però resta il fatto che si blogga (o si dovrebbe bloggare) innanzitutto per dare una via di sfogo a una propria esigenza, a un gusto e a un bisogno personali, a prescindere dalla dimensione reale dell'audience.

Il pubblico di questo blog è ormai più o meno costante da anni e si attesta sui duemila visitatori al mese, con picchi di circa tremila in occasione, ovviamente, dei travel log. Di questi, ad occhio, un centinaio sono visitatori ricorrenti, affezionati, con alcuni dei quali nel corso del tempo si è anche stabilita una forma di colloquio alternativo e parallelo. Quando scrivo qui, lo faccio innanzitutto per soddisfare una mia esigenza personale di comunicazione che usa una grammatica e contenuti assai differenti da quelli che adotto e riverso nei social network; in seconda battuta, però, lo faccio anche per conservare - e perché mi piace conservare - questo dialogo con chi mi legge.
A parte i travel log, col tempo ho iniziato a scrivere, qua, di tutto un po'. Scrivo dei miei vasi, scrivo dei Tati, scrivo di politica, di cose mie, di pensieri inutili che talvolta mi attraversano, di tecnologia, di musica. Scrivo anche di meno, sì, perché ho frammentato quel che voglio dire indirizzandolo altrove a seconda del metro e del linguaggio, così come ho deciso qualche mese fa di eliminare i miei tweet dallo stream del blog. E però scrivo di più, nel senso che, se son qui, di norma mi faccio trasportare dalla scrittura.

È che questa è casa mia. Non lo è FriendFeed, non lo è Twitter, men che meno lo sono altri canali. Quel che scrivo qui rimarrà sempre, innanzitutto, mio. Quel che scrivo altrove, molto probabilmente, andrà perso nel mare della Rete, certamente fuori dal mio controllo.
Dunque Orizzontintorno resta ancora, e vive. Anche se, magari, mi vedete - e vedrete - di meno. Ma non è nemmeno detto.
Quel che è certo è che, perlomeno quest'anno, ho un solo progetto in cantiere e forse neanche quello. Non aspettatevi, dunque, grandi trasferte come nel 2011. Ma se passate e suonate il citofono, sempre qui mi potete trovare.

Sono stati un ultimo dell'anno e un capodanno strani, questi, per molti versi. Non c'entra nulla. Ma mi serve per riuscire a chiudere, anche questa volta, il post del primo dell'anno.
E stay tuned, come sempre.
TAG: friendfeed, twitter, google plus, blog
23.57 del 01 Gennaio 2012 | Commenti (2) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo