Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


22 Lo stato dell'arte
MAG Running, Diario
E niente, sto continuando. Siccome poi da qualche mese sono ormai assestato sugli stessi tempi, ho ripreso da un po' a fare anche le ripetute. Nove anni fa le correvo sui dodici chilometri, ora le faccio sui dieci e per adesso il cronometro è ancora piuttosto lontano da allora, sebbene riesca a infilare qualche chilometro sui 4'45".
Sono tornato ai miei amati percorsi al parco di un tempo e continuo a correre in salita di tanto in tanto, che è un po' la mia nuova frontiera: non gran dislivelli per la verità, ma intanto centocinquanta, centottanta metri nei primi quaranta minuti riesco a portarli a casa. Per cominciare non è male.
Occasionalmente ho anche esteso qualche giro fino ai quindici chilometri, che al momento però rimangono un limite, direi, abbastanza invalicabile.
Questa è la differenza maggiore rispetto al triennio 2008-2010: al di là della difficoltà di abbassare le medie sotto i 5'30", non riesco ad allungare la distanza e portarla perlomeno a diciotto chilometri, che è la misura minima che mi servirebbe per iniziare a pensare di tornare a correre almeno una mezza maratona.

Nel periodo migliore della mia passata esperienza mi allenavo circa tre volte a settimana: di solito, una la dedicavo ai dodici chilometri di ripetute, la seconda a una corsa normale di quindici chilometri e la terza era un'uscita un po' più lunga, spesso diciotto chilometri, qualche volta ventuno.
Adesso faccio quasi sempre dieci chilometri e praticamente non riesco a schiodarmi da lì: sto ormai tranquillamente sotto l'ora, solitamente corro a una media di cinque e trenta al chilometro, qualche volta riesco a scendere sotto i 55', con un miglior tempo attorno ai 53'. Alla fine però rimango ancora piuttosto distante dai vecchi tempi in cui correvo di norma vicino ai 5'/km, che era poi la mia media sulla mezza maratona, e all'epoca correvo i dieci chilometri piuttosto raramente, più che altro per fare una tirata veloce: il mio miglior tempo sulla distanza era di 47', per dire quanto sono ancora lontano.

Insomma: a nove mesi di distanza da quando ho ripreso, confrontandomi con le prestazioni di una decina di anni fa, ho impiegato molto meno di allora per raggiungere i risultati attuali, ma per il momento non riesco a migliorarmi e ad avvicinarmi ai livelli di un tempo, anzi, rimango abbastanza lontano. E questo nonostante abbia invece portato il mio peso a una soglia addirittura mediamente inferiore a quella del 2010, quando preparavo la maratona.
Questo mi fa un po' impressione, non me l'aspettavo. Viaggio attorno ai settantatré chili, quasi venti in meno di dodici mesi fa, ma soprattutto uno o due in meno della mia media di otto-nove anni fa, quando mi allenavo molto di più (e mangiavo, però, anche molto di più).

Fin qui lo stato dell'arte. Sono davanti a una specie di guado, alla ricerca di qualche motivazione un po' interessante per continuare e col dubbio di essere forse arrivato a un livello difficilmente migliorabile, a meno di affrontare un piano serio di allenamenti e qualche sacrificio che, siam sempre lì, forse non ho più né il tempo, né l'età, né la voglia di mettere in conto.
Rimane il solito punto: in assenza di qualche obiettivo vero e con la prospettiva del semplice mantenimento della forma, pur faticosamente ritrovata, non so quanto ancora andrò avanti con questo regime di due uscite a settimana, qualche volta tre, per correre i soliti dieci chilometri, senza un particolare entusiasmo o scopo.
Intanto ho pressoché abbandonato la dieta dei primi mesi e sono tornato a mangiare quasi normalmente: il metabolismo ha ormai ritrovato un suo (fin troppo) equilibrio al ribasso e finché vado avanti a correre è inutile che mi sbatta troppo a controllarmi con la dieta. Anzi, dovrei magari rimetter su un paio di chili, ché non posso nemmeno permettermi di perdere ancora taglie e rifarmi per la terza volta il guardaroba!

Nel frattempo, a un anno di distanza sono tornato a trovare il cardiologo per la visita di controllo. Come mi ha consigliato, e come peraltro avevo più o meno già in programma di mio, mi sono sottoposto alla visita sportiva per farmi rilasciare il certificato agonistico.
Sarebbe stato un traguardo importante dopo lo spavento e i mesi bui dello scorso anno.

Sarebbe. Perché non ho passato l'esame. Nonostante la visita cardiologica andata ottimamente, nonostante i cinque e trenta al chilometro e gli oltre ottocento chilometri corsi questi mesi, nonostante i venti chili in meno, nonostante soprattutto i betabloccanti che dovrebbero livellare qualunque problema, durante il test da sforzo l'ago ha tracciato una piccola anomalia sul foglio di carta millimetrata.
Niente di particolare, mi ha detto il medico: con la mia storia clinica, è normale e ci sta.
Solo che per precauzione mi rispedisce a fare l'ennesimo Holter. E, per il momento, niente certificazione sportiva.
Non me l'aspettavo.

Ero un po' in ansia prima dell'esame. Ci tenevo. Era un passaggio importante, il timbro definitivo che tutto fosse alle spalle. Non mi interessa(va) necessariamente tornare a misurarmi in qualche gara, ma intanto avrei avuto il lasciapassare per farlo, se lo avessi desiderato.
È andata male.

Ho prenotato l'Holter per la prossima settimana, il quarto, a distanza di un anno dall'ultimo.
Nel frattempo sono andato a correre al parco, a fare uno dei miei giri abituali, per scacciare qualunque pensiero. Per non lasciarmi tentare dalla sfiducia, dalla demotivazione, dalla demoralizzazione, da questo accidenti di esame bucato a cui tenevo.
Non voglio pensare ad altro.
Voglio solo continuare a (poter) correre.
Anzi, adesso quasi quasi esco, anche se minaccia pioggia pesante.

TriumphIso
TAG: running, salute, corsa, cuore
12.40 del 22 Maggio 2018 | Commenti (0) 
 
12 Slow motion di un sabato pomeriggio
MAG Masterchef
Quando fai tre lavastoviglie nella stessa giornata, quella giornata è stata impegnativa.

(Decorazioni della torta di peperoni by Carola).
(Comunque la torta di peperoni non è venuta un granché e la melanzana era un po' amara).
(Vabbè, adesso mi faccio anche un Magnum White, tanto ormai faccio le ripetute a 4'45").

2018.05.12-1
2018.05.12-2
2018.05.12-3
2018.05.12-4
2018.05.12-5
2018.06
TAG: cucina
21.45 del 12 Maggio 2018 | Commenti (0) 
 
12 Giappone 2006 remastered
MAG Lavori in corso
E dopo un mese di lavoro anche il viaggio in Giappone del 2006 è finalmente al suo posto e lo potete trovare qui. Il viaggio invece era già stato a suo tempo ampiamente bloggato e documentato qua dentro.
Prossimo cantiere, l'inverno alle Åland, nello stesso anno.

Japan2006-1
Japan2006-2
Japan2006-3
Japan2006-4
Japan2006-5
Japan2006-6
Japan2006-7
Japan2006-8
TAG: Giappone, fotografie, archivio fotografico
21.23 del 12 Maggio 2018 | Commenti (0) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2018 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo