Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


24 Di nuovo per strada (Centodieci/75-80, parte uno)
AGO Centodieci
Alla fine, considerate le premesse, quest'estate è già stato un miracolo mettere insieme un programma. Cercavo qualcosa da far coi ragazzi in Italia, al più all'estero nelle vicinanze, nel senso, raggiungibile in auto; una decina di giorni suppergiù, niente di particolarmente faticoso, ché non è anno, né per me gli ultimi son stati mesi di grandi energie e motivazione, anzi.
Qualcosa per staccar la testa, non pensare, superare l'estate cercando di rimettere insieme pezzi, recuperare serenità e forze per l'anno che verrà, che si annuncia tutt'altro che facile per il mio ecosistema. Qualcosa che andasse bene per me e per loro, ché portare in giro da solo due adolescenti non è più com'era dieci o anche cinque anni fa, quando ancora eran bambini e mi seguivano ovunque, bastava un nulla per inventare un gioco ogni momento e far di qualunque giornata un'avventura.

Per certi versi oggi è meno faticoso, ché son completamente autonomi, si fan da soli il proprio trolley, viaggiamo quando possibile in camere separate, hanno un cellulare a testa ed entro certi criteri e contesti posso pure dar loro qualche libertà alla sera ovunque siamo, ma per contro diventa sempre più difficile coinvolgerli, o perlomeno condividere interessi con loro, soprattutto considerati alcuni borderline dei miei: per dire, non è ad esempio così immediato trasformare il Progetto 110 in un'ipotesi di vacanza coi ragazzi, se le tappe in programma sono Isernia, Frosinone, Latina, Campobasso; già rischierebbero di affondare un normale adulto che sogna un ombrellone da undici mesi, immagina una coppia di adolescenti che stai per strappare per un paio di settimane alla compagnia del mare, ai fidanzati/e, alle serate in spiaggia. Poi dici il parricidio.
Così, non era in effetti una qualche tappa del Progetto 110 ad essere fra le ipotesi ragionevoli sul tavolo, né peraltro i figli erano la sola ragione per cui. Ma poi.

Avevo in mente qualcosa tipo un breve trekking di due o tre giorni, magari una spiaggiata al volo, guidare un po' in giro, ché i mesi del lockdown mi han lasciato addosso il bisogno di chilometri, di movimento, di viaggio itinerante ancor più di quanto già normalmente non sia nella mia natura e solito fare. Pensavo anche a un ritorno in tenda nel nostro vecchio eremo in Valnontey, ma non avevo gran voglia di mettere in piedi tutta la logistica del caso. O magari in Verdon, dopo trent'anni e più, abbinando qualche giornata sulla Costa Azzurra. Boh, cose così.
Alla fine l'idea me l'ha suggerita un collega alla macchinetta del caffè, accennandomi ai trekking fotografici con guida organizzati nel Parco Nazionale d'Abruzzo e in Majella, a caccia di orsi e lupi. Così mi son messo a googlare. Ho tirato la monetina per scegliere fra alcune possibilità sul piatto e il centro di gravità è infine caduto su un'organizzazione di Pescasseroli, dove abbiamo quindi piazzato il campo base per qualche giorno.
Risolto dunque il problema di inventarmi un obiettivo che attirasse i ragazzi (ma che fosse di stimolo anche per me), ho costruito il resto del giro a inanellare qualche tappa del Centodieci, che tant'è.

Per la verità avevo qualche remora nel tornare in Abruzzo, già meta due anni fa di un breve viaggio per molti versi indimenticabile e costruito in corsa, come questo. Anche in quella occasione ero a caccia di capoluoghi per avanzare nel progetto.
Da allora era rimasto arenato in porto e questi ultimi mesi avevo preso in considerazione l'idea che fosse in via definitiva, che anche il Progetto 110 dovesse finir chiuso in uno scatolone, con mille altre cose. Però.
C'è che io non finisco mai le cose. Le inizio, mi ci accanisco per settimane, mesi, anni, come fossero l'unico scopo della mia vita, e quando ormai ci sono in mezzo, viaggiano regolari, quando so che potrò portarle a termine, le abbandono.
È la storia intera della mia vita.

Così ho guardato la cartina dell'Italia. Partendo dall'Elba avevo diverse opzioni a disposizione e sarebbe stato un peccato buttare l'occasione.
Ho messo in fila Latina e Frosinone, che eran parte di un altro piano mai andato in porto; Isernia e Campobasso, che avrebbero dovuto rientrare nell'itinerario di due anni fa, ma poi non ci fu abbastanza tempo; Chieti e Pescara, sempre lì a tiro e mai timbrate in favore di altre destinazioni.
In mezzo, preciso, il trekking sulle montagne di Pescasseroli e qualche altra deviazione fra Abruzzo, Molise e Marche.

E niente. Con i sei capoluoghi messi in fila a 'sto giro, grazie anche alla pazienza e collaborazione dei "Tati", sono arrivato a ottanta capoluoghi su centodieci. Ho impiegato undici anni per arrivare fin qui. Ho la foto scattata col cellulare di ottanta (*) dei centodieci duomi dei capoluoghi italiani (**).
In questi undici anni ho cambiato otto cellulari, ho cambiato tre case e ho vissuto in trasferta in dozzine di hotel in tutti i continenti, ho fatto due giri del mondo completi e un terzo a pezzi, ho cambiato vita almeno tre o quattro volte, ho cambiato non meno di dieci lavori e sono cambiato io, ho fatto cento progetti mai iniziati, altri cento ne ho mollati per strada ed è cambiato tutto attorno a me, ma il Centodieci è sempre lì.
Con questo giro ho completato quattordici regioni su venti. Mi manca Matera in Basilicata, Caserta in Campania. In quattro regioni sto ancora a zero: Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. A spanne, mi serviranno otto-dieci viaggi ancora per concludere il progetto, di questo passo diciamo circa una decina di anni se potrò riprendere a girare il mondo e a inseguire altri progetti, molto meno altrimenti.

Ottanta inizia ad essere un numero importante e no, non lo mollo il progetto. Voglio portarlo in fondo.
È una cazzata. Arriverò a centodieci, impiegherò altri dieci anni e alla fine me ne starò lì, con le mie centodieci brutte fotografie scattate col cellulare, senza sapere che farmene, ma col mio album delle figurine completo. Non serve a nulla, ma serve a me.

Camminando per le vie di Campobasso, mentre ragionava fra sé e sé sul fatto che tutto ciò abbia in effetti una sua logica (da qualcuno ha ben preso), Leonardo all'improvviso mi ha detto "Papà, bisogna che inizi a pensare a un altro progetto per quando avrai terminato questo".
Gli ho risposto che ce l'ho già in mente ed è molto più difficile.
Ovviamente.

(Del trekking nel Parco Nazionale d'Abruzzo ne parliamo al prossimo giro)

110202099
L'itinerario di questa estate
110202000
Situazione attuale del Progetto 110
110202001
Latina, Cattedrale di San Marco
110202002
Frosinone, Cattedrale di S. Maria Assunta
110202003
Isernia, Cattedrale di San Pietro Apostolo
110202004
Campobasso, Cattedrale della Santissima Trinità
110202005
Chieti, Cattedrale di San Giustino
110202006
Pescara, Cattedrale di San Cetteo

(*) In realtà i duomi che ho fotografato fino a oggi sono 83, per via dei doppi capoluoghi: Pesaro-Urbino (PU), Massa-Carrara (MS) e Forlì-Cesena (FC).
(**) Per la verità alla fine saranno 119, contando i doppi capoluoghi dell'Ogliastra (OG), Carbonia-Iglesias (CI), Medio Campidano (VS) e Olbia-Tempio (OT), e il triplo Barletta-Andria-Trani (BT).

Nota per quei due o tre follower superstiti ancora affezionati a questo sito: poiché ormai tengo in vita solo il blog e non aggiorno più le altre pagine di Orizzontintorno, questo viaggio non comparirà nella sezione Spostamenti.
Fotografie e itinerari si trovano ormai tutti su SmugMug.

TAG: Latina, Frosinone, Isernia, Campobasso, Chieti, Pescara, Abruzzo, Molise
23.43 del 24 Agosto 2020  
   
23 Qualcosa di buono
AGO Masterchef, Running, Salute
Poi niente, avevo fermo 'sto post in canna da tre mesi, più che altro a mo' di sintesi della prima metà di quest'anno.
Che in sintesi, appunto, non ho idea - e non ho alcuna intenzione di verificarlo - di quanti chili mi abbia regalato la primavera in quarantena, ma se sto ai buchi della cintura fanno un paio di taglie sicure. Per dirla in altri termini, in pochi mesi ho buttato via gli sforzi di circa tre anni, complice l'avere contemporaneamente abbandonato quasi del tutto il ritorno alla corsa che ero riuscito a coltivare fino a un po' di tempo fa.
Da ormai parecchi mesi ho pressoché smesso, a meno di voler considerare "correre" quella specie di trotterellare a cui mi forzo stancamente più o meno una volta alla settimana, spinto più che altro dal senso di colpa, senza peraltro essere ormai più in grado di mettere in fila nemmeno dieci chilometri e men che meno tenere perlomeno una cadenza dignitosa, dove per "dignitosa" intenderei "un po' più rapida del camminare veloce". Invece no.

Non ci riesco più. Direi che sono proprio al capolinea questa volta, anche perché i buchi della cintura da soli non sono più una motivazione sufficiente ormai da tempo. Non posso nemmeno giustificarmi con l'età, considerato che conosco parecchia gente ben più avanti di me che ancora corre le mezze e se ne sta abbondantemente sotto i sei minuti al chilometro senza alcun problema.
Comunque, tornato dalle ferie, ho comprato l'ennesimo paio di scarpette nuove, anche perché quelle precedenti avevano ormai tre anni e almeno duemila chilometri sotto alle suole. Le scarpette nuove sono sempre una buona ragione per portare il culo fuori di casa almeno con cadenza settimanale, non fosse altro per non sentirsi stupidi nell'aver buttato via denaro inutilmente.

Comunque. L'obiettivo qui era semplicemente raccogliere i risultati del lockdown invernale-primaverile in un unico post, a titolo di memoria per i posteri e di classifica.
In testa ha fatto il vuoto la fügassa: mai ho raggiunto tale grado di perfezione assoluta con un prodotto casalingo, ma va detto che per ottenere questo livello di qualità ho lavorato sette ore con farine e malto specifico procurati clandestinamente sul dark web.
Al secondo posto si è piazzata senza dubbio alcuno la cheesecake decorata coi frutti di bosco, che avrebbe potuto far concorrenza senza timore a quelle di Starbucks, ma il cui contenuto calorico è stato responsabile di buona parte dei chili supplementari che mi sono portato dietro in questa estate che sta andando a chiudersi.
Meno riuscite sicuramente la mia prima crostata (con la pasta frolla ho ancora parecchio da imparare), la Guinness cake (anche perché l'abbiamo fatta con la Peroni) e l'inutile torta allo yoghurt, ribattezzata cheesefake.
Menzione d'onore per la diplomatica: il pan di spagna non mi è venuto un granché, ma la crema pasticcera e le sfoglie erano perfette.

Insomma, tutto il resto no, ma qualcosa di buono il lockdown lo ha comunque portato.

CucinaCovid01
CucinaCovid02
CucinaCovid03
CucinaCovid04
CucinaCovid05
CucinaCovid06
CucinaCovid07
CucinaCovid08
CucinaCovid09
CucinaCovid10
CucinaCovid11
TAG: coronavirus, quarantena, cucina, torte
16.21 del 23 Agosto 2020 | Commenti (0) 
   
23 Storia delle mie notti ai tempi, eccetera /2: Neowise e oltre
AGO Fotografia, Fotoblog
Ne ho viste di bellissime, di foto di Neowise, persino fatte col cellulare. Avrei forse dovuto approfittare della prima metà di luglio, quando era possibile vederla prima dell'alba, ma non ce l'ho proprio fatta ad alzarmi alle tre del mattino per andare in cerca di un qualche luogo con l'orizzonte aperto verso nordest e mettermi lì a quell'ora assurda a montare tutta l'attrezzatura, farmi un'ora di appostamento, eccetera.
Così ho aspettato la seconda metà del mese, quando ha iniziato ad essere visibile anche dopo il tramonto, fra l'altro in una posizione potenzialmente per me più favorevole, perché in teoria avrei potuto fotografarla agevolmente dalla mia terrazza che guarda proprio a nord-ovest, sotto all'Orsa Maggiore.

In verità, attorno a Milano, è stato pressoché impossibile osservarla di sera a occhio nudo. L'inquinamento luminoso ha reso difficile persino trovarla con il sensore fotografico, senza considerare che nelle giornate teoricamente più favorevoli il cielo è stato nuvoloso proprio a nord-ovest.
Un paio di scarsi successi dalla terrazza sono riuscito lo stesso a portarli a casa, ma nulla di cui essere soddisfatti. Così ho cambiato strategia e per un paio di serate mi sono trasferito in alta Brianza, a Monticello, da cui si apre un ampissimo panorama che abbraccia tutto l'arco Alpino dal Monte Rosa alle Grigne, sul quarto di orizzonte ovest-nord. Non ho risolto il problema dell'inquinamento luminoso, ma almeno me ne sono stato appostato qualche ora in un campo all'aperto pressoché al buio, a farmi mangiare dalle zanzare e con il bonus di un paio di tramonti meravigliosi sulle montagne.

Cometa01
Appostamento a Monticello, Brianza

Detto che a occhio nudo era pressoché invisibile, a meno di non averla prima individuata in altro modo e dopo aver abituato gli occhi a guardare nell'oscurità per almeno un'ora, mi sono affidato ai sensori del cellulare e della macchina fotografica, spazzando con scatti casuali ad ampio campo visivo e ISO altissimi il settore di cielo dove Neowise avrebbe dovuto trovarsi ed esplorando con pazienza le immagini alla ricerca della scia della cometa. Una volta localizzata, l'ho puntata con lo zoom al massimo, ho messo a fuoco in manuale e dato il via alle sequenze di scatti per lo "stacking".
Ho scattato serie da 50 fotografie con tempi fra 1"3 e 1"6 e diaframma aperto al massimo, 5.6 o 6.3 a seconda della distanza focale, usando il Sigma 50-500mm. Tecnicamente, poco più di un minuto di integrazione per immagine. Ho impostato gli ISO a 640 e a 1600, a caso. Non volevo troppo rumore di fondo, ma d'altra con tempi di scatto così brevi avevo anche bisogno di guadagnare un po' di luminosità. Insomma, ho tirato a indovinare, da buon principiante.

Ho poi ripreso anche una cinquantina di dark frame per ciascuna immagine di riferimento, usando le stesse identiche impostazioni utilizzate per gli scatti alla cometa (i "light frame"), semplicemente coprendo la lente con il tappo copriobiettivo senza nemmeno tirar la macchina giù dal treppiede, come insegnano i manuali del bravo astrofotografo. Non avevo invece capito che avrei dovuto riprendere i "flat frame" allo stesso modo, a pari condizioni ambientali, così mi sono arrangiato e li ho preparati artificialmente a casa, fotografando lo schermo luminoso dell'iPad con le stesse impostazioni in macchina usate per fotografare la cometa.

Cometa02
Preparazione dei "flat frame"

Insomma, il risultato è qua sotto: non sono all'altezza di quel che si può vedere in giro per i social network (sui gruppi di astrofotografia di Reddit ho visto foto pazzesche) e soprattutto non sono riuscito a fotografare la doppia coda blu e gialla, che era la peculiarità di Neowise e che un po' tutti quelli che si sono messi di impegno han catturato, ma sono ugualmente soddisfatto. Considerate le premesse, non era un risultato scontato, né comunque facile.
Poi vabbè, ho visto in giro foto incredibili prese col cellulare, ma qua era davvero impossibile e peraltro va da sé che la risoluzione e la qualità di queste è ovviamente diversa.

Per lo stacking e la registrazione delle immagini ho usato Siril, praticamente l'unico software gratuito per astrofotografia disponibile su Mac OS. La post produzione l'ho fatta con Photoshop e Adobe Camera Raw, ed essenzialmente consiste nello stretching a più riprese dell'istogramma e nella rimozione del gradiente dall'immagine TIFF ottenuta dal procedimento di stacking.
Sul mio iMac di qualche anno fa, l'intero processo di registrazione e stacking di tutti i frame (bias, dark, flat e light), lavorando con 50 immagini e usando algoritmi di registrazione avanzati (la cometa si muove in modo differente e più rapido rispetto alle stelle e questo rende difficile il processo di registrazione), ha richiesto qualche ora.

Cometa03
Cometa04
C/2020 F3 (Neowise)

Alla fine ho impacchettato tutta l'attrezzatura e sono partito per una ventina di giorni di ferie. Durante la prima settimana all'Elba mi sono tenuto in allenamento approfittando di una bella Luna quasi piena, in attesa di misurarmi coi cieli limpidi e privi di inquinamento luminoso del Parco Nazionale d'Abruzzo.
Ma questa è un'altra storia.

Cometa05
TAG: astrofotografia, neowise, luna
15.59 del 23 Agosto 2020  
   
14 Un anno
AGO Diario, Amarcord
"Non ora, non fra un anno, ma prima o poi."

E invece.
16.06 del 14 Agosto 2020  
   
06 Trova le differenze [Il senso della vita, s02e19]
AGO Diario, Amarcord
Ero lì sulla sdraio e guardavo Leonardo in riva al mare, e all'improvviso mi è venuta in mente quella foto che mi scattò mio padre proprio qui (*), trentanove anni fa esatti, giorno più giorno meno. Avevo sedici anni, l'età di Leonardo oggi.
Così nulla, gli ho scattato una foto. Poi sono andato a buttarmi in acqua per cancellare la malinconia e la commozione.

16anni1
1981, Isola d'Elba
16anni2
2020, Isola d'Elba

(*) Non era proprio qui, ma un paio di chilometri più in là, ché da allora ci siamo spostati di spiaggia, ed è l'unica cosa che è cambiata in questi quarant'anni di buen retiro elbano. Forse dovrei scrivere un post anche su questo.
TAG: cose mie, vita
00.53 del 06 Agosto 2020 | Commenti (0) 
   


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2020 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo