Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


26 O'ahu/5: Honolulu e Waikiki
APR Travel Log: Round the World
Ho appunti scritti e note non scritte che cerco di recuperare con la memoria, istantanee che ho via via immagazzinato da qualche parte senza un foglio e una matita a portata di mano, confidando di riuscir poi lo stesso a rimettere insieme i frammenti, e invece no, dimentico le cose, se non me le scrivo da qualche parte.
Così volevo iniziare dall'oceano e da quel senso di abbandono totale che a tratti si prova quaggiù, a centoottanta meridiani esatti da voi, ché questo, in qualche modo e tutto sommato, è il luogo più remoto nel quale io sia mai stato, per quanti luoghi remoti - isole oceaniche e deserti - io abbia visitato in passato: da qui non c'è null'altro che oceano, ovunque, per molte ore attorno, in qualunque direzione si volga lo sguardo. Otto ore di oceano dalle coste d'oriente, cinque da quelle d'occidente, e almeno altrettante da quelle della terraferma più vicina nel Pacifico del sud. Acqua infinita, intorno.

Ma poi uno spicchio d'oceano l'ho già anticipato i giorni scorsi e allora, per paradosso, inizio invece dall'estremo opposto, dalla terraferma, e da quanto di più lontano ci possa essere da quel senso di isolamento, seguendo peraltro anche l'ordine naturale con il quale io stesso ho via via scoperto O'ahu, isola principale delle Hawaii, credo seconda o terza per ordine di grandezza fra quelle dell'arcipelago, ma prima per densità di popolazione e di civilizzazione. Qui si trova Honolulu, qui si trovano le spiagge e gli hotel mondani di Waikiki, qui è la vita. Se è questo quel che cercate.
Io no, ma questo è quel che più o meno mi aspettavo da un viaggio alle Hawaii.

(In parte) sbagliavo. Del resto, si può non amare un posto che a tratti sembra Los Angeles, ma dove per strada è normale incrociare gente scalza che gira così, magari tornando in ufficio dopo la pausa pranzo?

Oahu01
Per le strade di Waikiki

Un posto dove da un viale a sei corsie, talvolta trafficato come Corso Buenos Aires a Milano, mentre sei fermo a un semaforo che aspetti di attraversare, puoi scattare una foto così all'altro lato della strada?

Oahu02
Kuhio beach park, Waikiki - O'ahu, Hawaii

Un posto dove la polizia gira in mountain bike (e no, non ce l'ho una foto) e dove gli unici tipi di calzature ammessi ed usati sono le ciabatte e i sandali? Al massimo le sneakers, se proprio devi.
Un posto dove nessuno, ragazzo o adulto che sia, gira senza la sua tavola da surf sotto al braccio e spesso, se è giovane, lo fa cavalcando uno skateboard per muoversi più rapidamente nel traffico. Se è adulto si muove più probabilmente con un pick-up di dimensioni marziane che consuma come una portaerei, e di surf ne carica nel cassone almeno tre o quattro.
Perfino i pompieri - giuro - sul camion d'ordinanza portano appese le loro tavole gialle a fianco della scala. Che possa capitare di dover intervenire anche fra le onde in mezzo al mare?

Ci tornerò i prossimi giorni sui surfisti, oltre all'assaggio che vi ho già dato. Ho foto meravigliose, ma datemi tempo.

In questo posto l'universale succo d'arancia è stato definitivamente sostituito dal succo d'ananas. Succo d'ananas a colazione e ananas in qualunque piatto, carne o pesce che sia. Piantagioni d'ananas a perdita d'occhio. Se non amate l'ananas forse le Hawaii non sono il vostro posto.

E poi, sì: alle Hawaii la camicia hawaiana ce l'han tutti. Si chiama - guarda un po' - aloha shirt. Alla fine ho ceduto e me la son comprata anche io.
Alle Hawaii le donne girano tutte con i fiori infilati fra i capelli e le collane di fiori, sì, esistono davvero e le vendono pure in tutti i negozi ed ABC store, che qui van per la maggiore. Anche gli ukulele peraltro son venduti ovunque.
E infine, se son tatuati può essere che siano hawaiani, ma di certo se non son tatuati non sono hawaiani.

Mi son perso come al solito: parlavo di iniziare da quanto di più lontano possa esserci, qui, dal senso di isolamento totale che in realtà sarebbe normale avvertire vivendo a seimila chilometri di oceano da qualunque terraferma.
Waikiki è il centro della movida di Honolulu. Fate conto la Montecarlo locale. Con la capitale monegasca condivide parecchie cose, a partire dalla fila di grattacieli, hotel di lusso, negozi di prestigio (c'è pure un Ferrari store, con tanto di formula uno in vetrina), locali notturni e denaro che scorre a fiumi di mano in mano.
Parlar male di Waikiki potrebbe sembrare fin troppo facile, ma l'imbarazzo sta nel fatto che non ci riesco, anzi. Perché qui c'è la gente che cammina per strada con il surf sotto al braccio. Ci son quattro miglia almeno di spiaggia oceanica al di là del marciapiede di Kalakaua avenue, e palme, e l'oceano Pacifico, e musica ovuque, e la gente con le collane di fiori e le infradito e le camicie hawaiane, e poi c'è Starbucks, c'è KFC, ci sono gli ABC store e c'è l'America tutto intorno a te, per cui sì, a tratti ti sembra d'essere a Los Angeles, ma è una L.A. a dimensione umana questa, e questo cambia ogni prospettiva, come il fatto che tutti ti apostrofino con un Aloha! e che ci si scambi lo shaka per ringraziare e salutarsi, e se non sapete cos'è lo shaka cosa volete che vi dica, venite alle Hawaii.
Io mi son pure comprato il cappellino e la maglietta con la mano che fa shaka. Maglietta vintage, ovviamente, ché son quelle serie, qui.

E insomma sì, Waikiki è questa qui:

Oahu03
Waikiki - O'ahu, Hawaii

Ma è anche questa e tutte le anime sono possibili per Waikiki. Scegliete voi quella che preferite. Io le amo tutte.

Oahu04
Oahu05
Waikiki central beach - O'ahu, Hawaii
Oahu06
Kapi'olani beach park, Waikiki - O'ahu, Hawaii
Oahu07
Ala Wai yacht habour, Waikiki - O'ahu, Hawaii
Oahu08
Diamond Head, Waikiki - O'ahu, Hawaii
Oahu09
Waikiki - O'ahu, Hawaii

E poi, un paio di miglia più ad ovest proseguendo lungo le spiagge e attraversando lo yacht harbour di Waikiki, inizia Honolulu vera e propria: prima con l'infinita spiaggia di Ala Moana, dove le famiglie locali vanno a fare il picnic e gli honolulesi a far jogging e surf (qui ho scattato le foto di surf della volta scorsa), poi con la skyline di downtown, che all'improvviso vi sembra sì d'esser piombati in centro a Phoenix, solo che l'aria dell'oceano soffia anche in mezzo ai colossi di cristallo e acciaio.
Una sera me la son fatta tutta a piedi, dall'inizio di Ala Moana fino in fondo a Waikiki, dove si trova il mio albergo: saran sei chilometri almeno, una bella scarpinata se fatta in sandali, macchina fotografica da un chilo al collo e trenta e più gradi sulla zucca. Ma bella, bella proprio accidenti.

Ancora più a ovest, poi, oltre l'aeroporto, ad un'ora d'autobus da Waikiki, per dire, ci sono Pearl Harbour e il relativo memorial.
Visitare Pearl Harbour mi fa venire in mente che cinque anni fa ero dall'altra parte dell'oceano ad Hiroshima e involontariamente chiudo qui una specie di cerchio storico: qui è stato l'inizio, di là la fine. I due luoghi sono sicuramente accomunati da una strana atmosfera che è impossibile non avvertire.
A guardarti attorno te lo immagini quel giorno di settant'anni fa.

Oahu11
Oahu10
Downtown Honolulu, Hawaii
Oahu12
Pearl Harbour memorial - Honolulu, Hawaii
Oahu13
Oahu14
Oahu15
Ala Moana beach park, Honolulu - O'ahu, Hawaii

Waikiki è stata il mio campo base per tutta la settimana. O'ahu è sufficientemente piccola da poter essere esplorata dormendo sempre nello stesso posto, ma è molto più grande di quel che sembra in apparenza: le distanze diventano relative solo grazie ad un paio di autostrade interne che tagliano l'isola da parte a parte ed all'efficiente rete stradale secondaria che permette di spostarsi piuttosto rapidamente. Per cui, volendo pedalare, si può andare da un capo all'altro in un'oretta e mezza seguendo le arterie principali.
Ad occhio comunque stiam parlando di un diametro massimo di una sessantina di miglia almeno, il che la rende più o meno grande il doppio circa dell'Elba.

Vi ci porto in giro i prossimi giorni per O'ahu, ché devo ancora mettere a posto le centinaia di foto. Nel frattempo sto anche lavorando alla galleria fotografica vera, della quale vi ho dato qui solo un piccolo assaggio.
Intanto domani rotta ancora ad est e partenza per Panama, con uno stop-over di dodici ore ad Atlanta.

Aloha!

Oahu16
Al largo del Diamond Head, Waikiki - O'ahu, Hawaii
TAG: hawaii, honolulu, waikiki
23.41 del 26 Aprile 2011  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo