Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


06 Qui non si parla di tsunami
GEN Prima pagina
Non scriverò nulla su ciò che è accaduto nel sudest asiatico. Ho commentato qua e là qualche blog e mi sono reso conto di essere sciaguratamente inadeguato per esprimermi davvero sul tema. Però, vi consiglio di andare a dare un'occhiata qui. E chiudo l'argomento, almeno su Orizzontintorno.

Anzi, aggiungo una sola idiozia al mucchio totale: piccola piccola e sciocca sciocca, giusto in risposta a qualche polemica che ho alimentato in giro.
Il fatto è che io trovo ... (e che aggettivo ci metto? Spaventosa? E' sciaguratamente inadeguato, ma non ne trovo altri, diciamo quindi che trovo spaventosa) la sola evidenza che questa umanità non sia in grado di fermarsi *davvero*, nemmeno nemmeno per un piccolo istante, di fronte ad un evento che ha coinvolto un terzo del pianeta e cinquanta nazioni.

Che so, una cretinata. Davvero, scusate la mia inadeguatezza e beata, ingenua stupidità, ma qualcosa tipo un messaggino di Sharon: "Oh, raga, oggi non si spara, riprendiamo domani, passate parola a quegli stronzi dei palestinesi"; uno sfocato video di zio Osama nella grotta: "Oh, raga, sì sì è colpa dei sionisti, ma oggi per favore facciamo silenzio e tacciano le granate, che sono morti i fratelli musulmani; domani decapitatene 80.000 di quegli stronzi infedeli, uno per ciascuno dei nostri morti in Indonesia"; oppure, un bel concertone di musica classica a reti unificate per 24 ore sulle tre reti Rai e su quelle Mediaset. Che so, cazzate planetarie di questo tipo.
Invece mi tocca veder Giletti via satellite che mi chiede di mandare un euro con il telefonino. Non solo: poi, la Protezione Civile e il Governo si litigano pure per chi debba gestire 'sto euro.

Un euro? Un euro?? E perché non cinque? Ve lo dico io, perché: perché cinque euro non fanno mercato. Se chiedete cinque euro la gente si scoccia già un po' di più. Notate bene: la capacità di spesa di coloro che hanno un telefonino è del tutto in grado di assorbire la spesa straordinaria di cinque euro, forse anche di dieci. Ma con un euro vai a botta sicura, fai lo share tv, fai salire la beneficenza, lavi le coscienze di tutti e l'anno prossimo di nuovo al mare, possibilmente in Vietnam, che sai mai cosa puoi trovare in acqua a Pukhet.
E poi, qualcuno mi sa dire qualcosa di Bam? No perché, un anno fa tondo tondo, proprio dopo Natale, erano in trentamila a rimanere sotto le macerie. O, a proposito di Tsunami: quanti sms sono partiti per la Papua? Papua Nuova Guinea, luglio 1998, tremila vittime. Ah, sì: non sono centocinquantamila, non ci andavamo in vacanza, tanto meno ci andavano Pippo Inzaghi ed Emilio Fede.

Scusatemi. Non riesco a non mescolare la pietà alla rabbia verso questa nostra umanità. L'umanità dei tre presidenti americani che guideranno il mondo verso la luce della speranza, quella dei nostri vertici di palazzo, quella delle gare di solidarietà. L'unica vera realtà è che la Borsa non ha battuto ciglio e questo vi dà la corretta misura della reazione globale di fronte alla sciagura del sudest asiatico.
Poi, ben vengano tutti gli "un euro" per le vittime: per carità, ci mancherebbe pure. Ma abbiate il coraggio di fare di più, perdìo. In generale. Non chiudete, dopo, gli occhi. Non partecipate alla solidarietà globale soltanto sull'onda (!) emotiva pompata dai Media.

Ciascuno di noi avrà la coscienza davvero a posto quando, di fronte ad eventi del genere, potrà permettersi il lusso di dire: "Un euro? Cazzo, con tutto quello che ho dato quest'anno a 'sta povera gente, ancora un euro mi vieni a chiedere? Ma brutto pirla, metteteci voi una settimana intera degli introiti pubblicitari di sei reti televisive sul piatto, invece di chiedere un euro a me, che già mi ci sono svenato (e son contento di averlo fatto). Metteteci l'intero condono edilizio. Metteteci al volo un emendamento alla finanziaria che state approvando. Metteteci un mese di entrate di tutti coloro che hanno redditi sopra i dieci milioni di euro. Cazzo, fate qualcosa, invece di chiedere un euro a me!"

Ciascuno di noi avrà la coscienza davvero a posto quando, detto quanto sopra, non avrà più alcun senso la polemica idiota "vado in vacanza, non vado in vacanza, dove vado in vacanza", né l'avrà il drammatico dubbio "oddio, e adesso? Stappo, o non stappo lo spumante?"
Perché, a quanto leggo in giro, sembra essere questo il drammatico problema che oggi arrovella la coscienza di molti.

Ecco quello che ne penso.

Altro che due minuti di silenzio sotto al Big Ben prima di dare inizio ai botti. Diomio, che spaventosa ipocrisia.
00.15 del 06 Gennaio 2005  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo