Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


02 Where I belong
APR Amarcord, Blog e luoghi
A volte, senza un motivo particolare, mi capita all'improvviso di fermarmi a pensarci e mi rendo conto che io, a O'ahu, ho lasciato il cuore.

Io sono quello che non torna mai, soprattutto nei luoghi che ho davvero amato. Chiudo le porte alle spalle, catalogo, metto via. Preferisco ricordare piuttosto che riscoprire, scontrarmi col tempo che passa, travolge e cambia.
Tutto sommato non sono molti i luoghi dove io abbia pianto davvero, per quanto mondo abbia girato. Potrei contarli sulle dita di una mano. Mi è capitato spesso, sì, di emozionarmi, di vivere profondamente la mia condizione di eterno zingaro, ma le lacrime, la commozione incontenibile e insostenibile, il senso di appartenenza profondo a un luogo, quella sensazione estrema di fine corsa che ti si rompe in gola fino ai singhiozzi, per la quale ti ritrovi senza più energie a pensare sono arrivato, ecco, quella no, quella mi ha travolto in pochissime occasioni.
In Patagonia nel '90, in tenda da solo al campo base del Cerro Torre. E ancora ai campi base dell'Everest e dello Shisha Pangma nel 2002, quante lacrime nascoste. E nell'87 di fronte alla banchisa polare. O ancora l'alba a Sossusvlei nel '98. E poi al Muztagh Ata, in qualche modo, e nel nulla inesorabile di Mandal Ovoo. E la scorsa estate sul volo per Yerevan, che però erano lacrime di liberazione. E sì, Panama anche, durante l'attraversamento delle chiuse di Pedro Miguel: un'emozione così forte che mi si ruppe la voce mentre commentavo il filmato che stavo girando.

Ma O'ahu.

O'ahu è andata penetrando sotto alla mia pelle giorno dopo giorno, per mesi, e la cosa più strana è che vi ero capitato senza alcuna aspettativa, nemmeno con particolare entusiasmo. Era solo la tappa intermedia del mio giro del mondo, uno scalo che per mesi avevo tentato di evitare in favore di altre mete che mi interessavano maggiormente, ma al quale mi ero infine arreso per sola convenienza logistica.
Mi scocciava pure l'idea di dovermi fermare una settimana intera laggiù. Avrei voluto più tempo per il Centro America, o uno stop over più a sud, e invece niente. Mesi a combattere con il call center di cinque compagnie aeree diverse per chiudere la rotta transpacifica, ma nulla da fare: O'ahu non era possibile evitarla in nessun modo.

Se ci sono stati giorni di serenità totale nella mia vita, davvero totale, quello stato di grazia nel quale ti senti in equilibrio con l'universo intero, non hai un pensiero al mondo se non quello di respirare l'aria che ti circonda, di vivere istante per istante la tua dimensione interiore e la sensazione di appartenenza al mondo, di camminare con la pelle d'oca e i brividi per l'emozione che ti accompagnano ad ogni passo, quelli sono stati i miei giorni a O'hau. Le mie lunghe passeggiate e le serate di Waikiki. I miei chilometri in macchina verso le deserte spiagge settentrionali, a caccia di onde monumentali. L'isolamento e lo smarrimento totali di Kae'na Point. Quel senso di vuoto assoluto, su uno scoglio in mezzo al Pacifico, a migliaia di chilometri da qualunque altra terraferma, così sperduto da filmarmi da solo e mettermi a parlare con la telecamera. E i rientri a Honolulu al tramonto, con l'autoradio che trasmette da stazioni d'oltreoceano, o gli Eagles in cuffia che mi cantano Love will keep us alive e New York minute. Così struggenti, quei ricordi, che non posso più ascoltarle, quelle canzoni, senza che mi venga da piangere.

Così, un giorno io tornerò ad O'ahu. E, di nuovo, ogni mattina verrò svegliato dall'ukulele di quel ragazzo che suonava nascosto da qualche parte fra le palme e mi sederò ancora sulla spiaggia di Waikiki al tramonto, a guardare le onde e a fotografare i surfisti contro il sole che si immerge nell'oceano.
Poi mi alzerò, mi scrollerò la sabbia di dosso e mi avvierò con calma per le vie del lungomare alla ricerca di un posto dove mangiare qualcosa, scrivere il mio travel log e sorridere nel trovarmi a pensare a quanto sia lontano, maledettamente lontano, tutto, da laggiù.

Così lontano che per arrivarci devi pure viaggiare nel tempo.
TAG: oahu
21.39 del 02 Aprile 2012  
 
2 commenti pubblicati
Curioso che sia tra i posti piu lontani dalle zone con le montagne piu alte e belle della terra (everest, alpi, patagonia).
L'ha detto gianni, 5 aprile 2012 alle 07.52
E magari ci farai un'immersione nei suoi splendidi fondali!
L'ha detto Massimo, 10 aprile 2012 alle 22.34


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo