Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


04 Centodieci/39: Cremona
MAR Centodieci
E insomma, complice la bella giornata di sole quasi primaverile e il non avere programmato per tempo una conseguente e adeguata sciata come sarebbe stato d'uopo (ma rimedieremo), Tati ed io ne abbiamo approfittato per andare a piazzare la bandierina del Centodieci a Cremona, la città delle tre T: Torrone, Tognazzi e Mina. No, non funziona. Com'era? Vabbè, insomma.
Il torrone in effetti lo vendono dai carrettini in piazza. Noi però, un po' a malincuore, abbiam lasciato perdere, ché Tato grande ha appena messo l'apparecchio, il papà è di nuovo in pieno rush salutista e dunque Tata piccola sarebbe stata comunque messa in minoranza. In compenso siamo andati a strafogarci in questo bel ristorantino sul Po consigliatomi dagli amici di FriendFeed: il posto merita assai, si mangia molto bene, si beve altrettanto e l'ospitalità è all'altezza. Ecco, all'improvviso mi rendo conto che scriverne a mezzogiorno, con davanti la prospettiva di un veloce panino in un bar dell'hinterland milanese, non è stato particolarmente strategico perché sto per svenire dalla fame.

Detto del torrone, di Tognazzi potete trovare le locandine dei film, nel caso. Sulla terza T invece, che - ho controllato su Wikipedia - si riferisce al Torrazzo (che poi altro non è che il campanile del duomo), ci siamo saliti trascinati dallo spirito intraprendente di Tata (altre due T) piccola, e son cinquecentodue gradini per la cronaca, milleequattro fra andata e ritorno, che dopo il pranzo di cui sopra tutto sommato male non fa.
Leggo anche che il Torrazzo è il campanile storico più alto d'Italia e non posso fare a meno di chiedermi cosa distingua un campanile storico da uno non storico.

A Cremona c'è anche il Po, che visto da qui è grandicello assai e a me mette pure un po' d'angoscia. Ché è pur vero che in vita mia son stato sul Rio della Plata, ho navigato le acque del Mekong e del Fiume Giallo, e ho attraversato anche il Volga e lo Yenisei, ma quelli son fiumi veri dài, il Po, be' il Po, cioè, non è che te lo aspetti che il Po possa sembrarti un fiume serio, grande e profondo, di quelli che magari vedi pure navigarci in mezzo cose. E invece.
Epperò, il fatto che la specialità al ristorante La Lucciola sia il pesce spada qualcosa dovrebbe dirmi. A Tata piccola 'sta cosa ha seccato parecchio, ché lei voleva una bella trota alla griglia.

Cremona1
Il Po presso Cremona
Cremona2
Lungo le rive del Po a Cremona
Cremona3
Cremona, il palazzo comunale
Cremona4
Cremona, il duomo e il Torrazzo
Cremona4
Gli affreschi del duomo di Cremona
Cremona6
Il battistero dalla terrazza del duomo
TAG: cremona
14.52 del 04 Marzo 2013  
 
2 commenti pubblicati
Ho lavorato per anni a Cremona nello scorso millennio. La Lucciola era una certezza già allora. Sulla terza T ho una versione "storica" (ossia prima dell'era Tognazzi). Ma forse spiegarlo ai tati sarebbe stato complicato ;-)
L'ha detto Ric, 4 marzo 2013 alle 18.03
Al grande gliel'ho spiegata ;-)
L'ha detto Carlo, 4 marzo 2013 alle 18.19


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo