Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


18 Centodieci/47: Padova
GEN Centodieci, Amarcord
Son sei mesi che ho in canna 'sto post su Padova, ma tant'è. Sarà perché per me Padova è rimasta sempre via Rudena 45, l'immagine confusa di una specie di parco, o forse una piazza rotonda accanto a dei giardini, una stazione che non ricordo, e dei portici, credo. Immagini di un autunno di trentadue anni fa. Ché poi non ci son mai più tornato a Padova, da allora.
E dire che in questi ultimi quindici anni credo di aver percorso più volte la A4 di qualunque altra strada nel mondo, con l'esclusione giusto della tangenziale, per dire, e sai le centinaia di volte che me la son lasciata a destra, viaggiando verso est, o a sinistra, tornando verso ovest, Padova. Che poi, a pensarci bene, mica lo so davvero se Padova stia a destra (o a sinistra) rispetto a quei sensi di marcia. Ho sempre immaginato così. Quando ci sono infine tornato, lo scorso luglio, non ci ho poi fatto caso.

Ora, io son certo che lei mi ha ripetuto enne volte almeno una dozzina di cose che dovrei ricordarmi del nostro zingarare per Padova in attesa del concerto di Roger Waters, ché l'occasione è stata quella, ce l'eravamo tenuti da parte apposta il Centodieci a Padova, e in effetti io, di quel giorno a Padova, ricordo soprattutto il parcheggio a millemila chilometri dallo stadio, il caos per riuscire a prendere una navetta, il popolo di The wall che aveva invaso la città, il caldo, la sete.
Son passati sei mesi e non mi è rimasto molto altro, a parte giusto la basilica di Sant'Antonio inesorabilmente avvolta dalle impalcature, nella migliore tradizione del Centodieci. E sì, certo: la lingua del Santo. Dio, come ho fatto a dimenticarla, la lingua: ci siamo pure fatti la coda d'ordinanza nella cappella. La lingua, sì. No. No. No, non me la ricordo, su. Non è vero. Voglio dire, sono certo che l'abbiamo vista, ci siamo andati apposta, ma non la ricordo. Lo so che mi ha detto ricordati della lingua, ma mi sa che l'ho rimossa. Come quando vai a fare la spesa, ricordati la maionese, e poi tu torni e la maionese te la sei ovviamente dimenticata.
Però rammento che nella cappella c'era anche un sasso grigio e l'etichetta diceva che Sant'Antonio lo aveva usato come cuscino, e ho pensato che doveva essere molto scomodo dormire con la testa appoggiata a quel sasso. A qualunque sasso in generale, comunque.

Poi, per la verità, ricordo il caldo. E quel bar dove ci siamo fermati un'ora prima di avviarci verso lo stadio. L'unico bar di Padova senza l'aria condizionata. Credevo di svenire e ricordo che mi sono chiesto se davvero fosse valsa la pena venire a Padova per rivedere Roger Waters, che ad oggi rimane l'unica rockstar che abbia visto due volte in vita mia.
E comunque sì, la risposta è sì. Quella giornata è valsa la pena, in generale. È stata una gran giornata, anche se ce la siamo sudata tutta.

E sì, mentre gironzolavamo per Padova in attesa del concerto, ci siamo passati da via Rudena 45. Che in realtà è stato un po' per caso, ma la via è piuttosto centrale e anche a volerla evitare non è così immediato. Poi non so se davvero sia stato per caso, o se il mio percorso non potesse che passare da lì. So che a un certo punto, camminando, sull'angolo della via il cartello era quello.

Io la ricordavo diversa, via Rudena 45. Mi son fermato un istante davanti al portone, che non era affatto come nei miei ricordi, o forse sì, non saprei dirvi. Che strano.
Che strano che il ricordo non fosse preciso, disegnato perfetto in ogni particolare.
Mi son fermato lì un istante, ho cercato di mettere a fuoco alcune cose. Mi sono guardato attorno alla ricerca di quattro ragazzi diciassettenni che camminavano sotto i portici, per mano a coppie, o forse abbracciati, boh. La verità è che non lo ricordo affatto.
Nei trentadue anni precedenti mi era capitato spesso di immaginare, un giorno, di tornare in via Rudena 45, ed eccomi lì.
Mi sono sentito molto stupido.

Che strano avere avuto diciassette anni. E avere creduto a delle cose a diciassette anni. Quando hai diciassette anni ti credi di aver vissuto già la maggior parte della vita che valga la pena vivere, di sapere già tutto quello che c'è da sapere. Quando hai diciassette anni ti ammazzano cose che se potessi vederle con gli occhi di trent'anni dopo ti sentiresti davvero stupido, così stupido, inutile e piccolo che la tua unica preoccupazione sarebbe di cancellarne ogni traccia immediatamente e di sparire, altro che ricordi.
Io poi li ho odiati i miei diciassette anni.

L'ho googlata qualche volta, del resto googlo tutti io, ma non esiste proprio. Una flebilissima traccia qualche anno fa, il verbale di una classica riunione dei genitori, se non sbaglio. Null'altro. Svanita.
A pensarci bene, non sono sicurissimo che fosse poi davvero il 45. Credo di sì, ma non ci metterei la mano sul fuoco.
Dovrei andare a recuperare le lettere, che sono nel cassetto della libreria in corridoio dove tengo tutta la mia vita: diari, cartoline, pagine di quaderno, fotografie, biglietti, pezzi di ogni cosa. Ma in realtà non servirebbe nemmeno, perché su quelle buste c'è il mio indirizzo, sono io il destinatario. Le buste indirizzate in via Rudena mica le ho io.
Per fortuna. Ché a me non ha mai fatto alcuna tenerezza rileggere i miei diciassette anni.

Padova01
Padova, Palazzo della Ragione
Padova02
Piazza dei Signori, Palazzo del Capitanio e Torre dell'Orologio
Padova03
La Loggia della Gran Guardia in Piazza dei Signori
Padova04
Padova, Piazza Antenore
TAG: padova
23.43 del 18 Gennaio 2014  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo