Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


03 Centodieci/50: Potenza (and then there was South)
OTT Centodieci
Quindi sono andato al Sud. Tipo che l’ultima volta sotto a Roma, a memoria, mi pare sia stata una puntata quick and dirty per lavoro a Napoli attorno al 2003 e prima di quella occasione forse un evento analogo dieci anni prima.
Più in giù di Napoli si parla addirittura del '79: c’erano una Simca 1301 marrone e mio papà alla guida, per dire, o forse c’era già la Fiat 132, non ricordo, e comunque eravamo ancora in epoca borbonica, quindi forse nemmeno vale.
Esisteva ancora la A2, non so se mi spiego, e la A3 era probabilmente in condizioni migliori di oggi.
Che poi, diciamolo: il pezzo di A3 che ho guidato da Salerno fino al raccordo con la bretella per Potenza era più figo e nuovo della Milano-Torino, ma mi dicono che la leggendaria tratta infernale sia quella che prosegue poi per Reggio Calabria.

E niente, mi sono detto: vado a Potenza. Per dirvi la verità non avrei saputo nemmeno collocarla con precisione sulla carta geografica, Potenza, ma c’è il fatto che se vuoi completare il Progetto centodieci prima o poi bisognerà bene prendere e andare a Potenza (sì, lo so, anche a Villacidro e Sanluri, può essere che ne parliamo a dicembre).
Poi, tanto che c'ero e per dirvela tutta, son stato anche a Salerno, e poi a Benevento, e poi ancora ad Avellino e infine a Napoli. Mi son fatto prendere un po’ la mano, ché tanto che ero al sud, sai com’è, chissà quando mi ricapita. E poi son tutte lì e che ci vorrà mai ad andare ad Avellino, per dire, o a Benevento.

Be', insomma, mi ci son voluti quattro giorni fra andare, piazzare le bandierine e tornare, e quindi alla fine ne ho infilate cinque in un colpo e son balzato a quota cinquantaquattro su centodieci. Non vi gira un po' la testa con tutti 'sti numeri? A me sì.

Se poi vai al Sud, fra l'altro, di cose da scrivere ne accumuli a badilate e così sono andato a zonzo col solito bloc notes, quello elettronico dello smartfono, ché dovevo prendere appunti perché poi mi dimentico le cose, ché se ti spari cinque capoluoghi in tre giorni il rischio di fare un po' di casino poi c'è. Tipo, dov'è che m'han divorato le zanzare? E la fontana quellallà, dov'era?
Solo che adesso leggo gli appunti e non ricordo nulla lo stesso. E poi non so se farne un unico post, o farne cinque, o raggrupparle a due a due, che però non si può perché son dispari.

Vabbè, intanto vediamo: annotazioni su Potenza.

Autostrada. Non lo so come sia la A3 viaggiando verso Reggio Calabria, ma ho guidato lungo la bretella per Potenza. Qualche anno fa comunque anche la strada fra Tirana e Ohrid e sono orgogliosamente sopravvissuto a entrambe le esperienze. Nonostante la bretella per Potenza.

Freddo. Freddo faceva, in effetti, ché se non lo sapete Potenza sta in quota e pare che d'inverno sia spesso solita a metri di neve. E dunque la sera, pur nel contesto di un piacevole e soleggiato inizio settembre, sono stato ben felice di avere con me la felpina. Che è un po' come il coltellino svizzero e la lampada frontale: non dovrebbero mai mancare nel trolley.

Negozi cinque. Nel senso, a Potenza il pomeriggio i negozi aprono alle cinque. Praticamente l'ora in cui a Bolzano si va a cena. Dovessi proprio dire, mi sento geneticamente affine ai potentini, nonostante io sia inesorabilmente nordico, ma d'altra parte hanno la neve, e dunque.

Spritz. Ho preso uno spritz. Mi son seduto al tavolino di un bar per un aperitivo e ho chiesto uno spritz. A Potenza. Basilicata.
Mi hanno chiesto se volevo provare una variante inventata da loro, col vino rosso. L'ho provata. Faceva cagare. Non bevete lo spritz a Potenza, non fatelo mai. (In generale, forse, non chiedete mai uno spritz sotto al Po. Ma nemmeno sotto al Piave, va'.)

Pristina. Sono stato a Pristina, in Lesotho, a Tiraspol e poi a Potenza.

Guidare. Potenza è così topograficamente assurda che dopo essersi perso per la trentesima volta il Tom Tom mi ha fatto accostare, mi ha detto di arrangiarmi e si è spento. Per fortuna esiste Google Earth, ché l'unico modo di orientarsi a Potenza è per confronto diretto con le immagini satellitari. E non vi dico poi del parcheggiare a Potenza. Nel centro storico.
A Potenza, potendo (potendo, Potenza, sembra quasi venuta apposta e invece no) - dicevo - a Potenza, potendo, andateci in treno.
No, vabbè, niente. Non voglio nemmeno immaginare i treni che arrivano a Potenza.

Lo so, questo post fa abbastanza pena, meglio di così non mi viene, ma avete presente Potenza? D'altra parte son settimane che ci provo, alla fine la pianto sempre lì.
Comunque Potenza è meglio di Rovigo.
Del resto qualunque cosa è meglio di Rovigo.

Le altre tappe, poi, arrivano nei prossimi post. Non prometto di meglio, ve lo dico già.

Potenza01
Potenza02
Potenza03
Potenza04
Potenza05
Potenza06
Potenza07
Potenza
Potenza08
Edicola di San Gerardo, Potenza
Potenza09
Cattedrale di San Gerardo, Potenza
TAG: potenza
09.10 del 03 Ottobre 2015  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo