Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


15 A piccoli passi
FEB Viaggi verticali
Impiego tempo a ritrovare il mio passo e ciò che è certo è che ce ne vorrà molto altro ed altro ancora. Ma da qualche parte si deve ricominciare, sempre.
Così salgo, di nuovo, dopo quasi un anno. Faccio fatica, molta. Devo rimettere in circolazione il sangue, sentirlo scorrere dentro di me, sentire i polmoni che all'inizio si contraggono e fanno fatica, i muscoli - durissimi - sciogliersi a poco a poco. Devo imparare di nuovo a riconoscere il rumore della neve sotto i ramponi e ricordarmi i miei passi, il mio ritmo, il mio respiro che parte affannoso, ma che dopo un po' torna regolare, come sa essere e come io conosco, via via che l'aria si fa più sottile.

Salgo, un passo alla volta. Non è una gran salita, anzi. E' quasi un gioco per principianti, ma in questo momento è come se lo fossi di nuovo, un principiante. Salgo e la mia testa, poco a poco, si svuota. Dimentica la salita, dimentica la fatica, dimentica ciò che lascio a valle e si concentra solo sulla neve: bella, compatta, farinosa. Il mio elemento.
Non affondo. Salgo regolare, lascio il bosco alle spalle ed il suo silenzio infinito, e taglio i pendii in alto, seguendo la traccia davanti a me. Roberto e Giorgio sono avanti, li lascio andare. Per un po' li seguo con lo sguardo, poi torno a me stesso. Non ho fretta. Voglio solo ritrovare il mio passo. Voglio solo ritrovare il mio respiro, uscire dall'apnea. Voglio ritrovarmi dentro. Voglio tornare a conoscermi. Voglio ricominciare dall'inizio.

Sosta. Un poco. Fa freddo. Respiro a fondo, mi guardo intorno, mi appoggio sui bastoncini. Bevo un po'. Do un'occhiata all'altimetro. Poi, riprendo.

L'orizzonte si allarga sempre più attorno a me. E' una bella giornata, la neve scintilla. Vedo, in alto, la croce sulla cima, controsole. Ancora qualche centinaio di metri. Ora so che arriverò su.

Sulla cima del Resegone
Il panorama su Lecco e sulla Pianura Padana dal Resegone
Le Grigne dalla vetta del Resegone
Sulla cima del Resegone, guardando verso il Bernina
L'elisoccorso in azione. A qualcuno non è andata bene...
Roberto Solari e Giorgio Galli in vetta al Resegone
Sono io, ora.

Sì, non è una gran cosa, affatto. Lo so. Ma è un punto di ripartenza. Il mio.

"Io sono come un moto perpetuo che possiede un suo ritmo, che lo deve trovare in se stesso, di giorno, di notte, dall'alba al tramonto, e poi di nuovo di notte. Sono venuto non so da dove, né so dove andrò, anche se l'aspetto cambia. Il luogo e la via per arrivarvi passa per 'plebe', il nodo senza fine"
13.15 del 15 Febbraio 2006  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo