Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


19 The Japan trip ignition/1
GIU Travel Log: Japan
Atto primo: ovvero, dei giapponesi e delle agenzie di viaggio giapponesi, dei giapponesi e dei bambini, dei giapponesi e del non chiedere mai informazioni ai giapponesi.

Uno dice: andiamo in Giappone perché è un viaggio facile, ché abbiamo il bambino. Che ti credi? E' una vita che facciamo i viaggiatori indipendenti, noi. Abbiamo attraversato il Torugart Pass da soli, noi. Il Sol Levante nemmeno quasi lo consideriamo un viaggio, noi. Sai che ci fa il Sol Levante, a noi.
Dice, ma sai il giapponese? Ma chissenefrega del giapponese, ho discusso di storia romana con un venditore siriano di musicassette taroccate, io, e di motori diesel con un autista mongolo. Sai che mi fa il giapponese, a me.

Uno dice anche, poi però: sì, maddai, abbiamo il piccolino con noi, almeno un micropiano di viaggio ed un paio di rapide prenotazioni facciamole, ché non si sa mai. Massì, almeno poi non stiamo a perdere troppo tempo laggiù a sbatterci. Ok, cerchiamo l'albergo a Tokyo, va'.

Così va a finire che uno, poi, dice: seee, vabbè, che sbattimento però stare a prenotare da soli un albergo a Tokyo. Cioè, te la immagini Tokyo? Che già a capire cos'è che a Tokyo chiamino centro ci vuole un rabdomante. Ché tu ti credi che faccia ridere atterarre alla Malpensa e dire che sei a Milano, finché non atterri a Narita e scopri che i treni proiettile giapponesi, quelli che viaggiano a trecento all'ora, impiegano un'ora per andare a Tokyo. Ché Narita e Tokyo le distingui sulla scala di un planisfero. Ché per forza l'Hilton di Narita Airport costa come la pensione Mariuccia a Gabicce mare: prova a vedere quanto costa il Park Hyatt in centro. Ché tu butti dentro a Google "hotel Tokyo" e viene fuori l'enciclopedia britannica, solo che è scritta come un fumetto giapponese e vieni travolto da uno tsunami di ideogrammi che nemmeno dopo un'indigestione di sushi, e allora com'era quella storia che a te il giapponese? Che poi i giap le mappe le disegnano come i manga, per cui prova a capirci qualcosa, se ci riesci, di dov'è 'sto belìn di albergo che stai provando a prenotare da un'ora.

Sai che c'è? Quasi quasi chiedo ad un'agen... agenz... gasp... gosgh... aaaagghhh... GULP... agenz... AGENZIA! Cough cough... L'ho detto. Sob. Ecco. [nuvoletta nera sopra la testa]

- Buongiorno.
- BuongioLno.
- Vorrei pRenotaRe un alberRgo a Tokyo. [che poi, diciamolo, la mia erre fa schifo, ma almeno non parlo com Ten, quello che va in giro con Nick Carter e Patsy, che se avete meno di quarant'anni lasciamo perdere, va'...]
- Sì, abbiamo albeLgo a Tokyo. Uno. Che gioLni?
- Dal 6 agosto all'11 agosto.
- Sì, abbiamo albelgo a Tokyo. Uno. Va bene?
- Che belìn ne so se va bene? Posso vederlo sul web?
- Sì, abbiamo albelgo a Tokyo. Uno. Può vedele. Ma è tutto in giapponese.
- Che mi frega se è in giapponese? Voglio solo vedere le foto...
- Sì, abbiamo albelgo a Tokyo. Uno. Aspetta. No funziona. Ecco. Ola sì. No. Sì. No. Oggi email no funziona.
- Signorina, in confidenza: che ci frega a noi dell'e-mail? Non dobbiamo vedere le foto dell'albergo sul browser?
- Sì, abbiamo albelgo a Tokyo. Uno. Ma devo sclivele e-mail. Che gioLni?
- [...all'improvviso mi appare lo spettro di Lanzhou...]
- Che gioLni Paschetto san?
- [...ecco, adesso attacchiamo anche con il "san", come se mi avessero messo sul calendario...] Dal SEI agosto all'UNDICI agosto [e due...]. Posso PRIMA vedere l'albergo, scusi?
- Quanti siete?
- [...Cosa portate? Dove andate? Un fiorino...] Ok, come non detto. Due adulti e un bambino di due anni.
- Ah, ok, una doppia.
- No, scusi, "ok" una mazza. Non una doppia. Siamo tre [...mostrare migolo, anulare e medio, come si usa in oriente, altrimenti non capisce...]. O è una doppia con un LETTINO, oppure ci serve una TRIPLA.
- Ma bambino dolme con voi!
- No, non doLme con noi. Mi segua: se bambino doLme con noi, noi NON doLmiamo un tubazzo. Vede, bambino doLme in suo letto, come fa a casa, peLché bambino di notte si giLa, poLta via copeLte, scalcia. Poi, se bambino doLme con noi, bambino si abitua anche a casa che doLme con noi, e non va bene. Mi capisce?
- Bambino no dolme con voi?
- No, bambino no dolme con noi. Per favore [prendo fiato], vorrei una stanza tripla. Questo albergo ha stanze triple? E poi, dov'è questo albergo? E' comodo? E' in centro? Cos e dov'è il centro di Tokyo?
- Albelgo è in centlo. E' a Ueno.
- [ah, beh, se è a Ueno... m'avesse detto che era a pincopalla era più o meno lo stesso... non è che mi fa vedere una mappa di Tokyo, no eh? Ah, ovvio, non ce l'ha. Vabbè]
- Albelgo ha stanza tlipla, ma io devo sclivele e-mail pel plenotale. Va bene?
- Mi scusi, ma non siamo in un'agenzia? Questo albergo è convenzionato con voi, ci mandate tutti i vostri clienti: non potete telefonare? Non possiamo darci una mossa? Ma che ci sono venuto a fare io qua, mi scusi?
- No posso, devo sclivele e-mail.
- Ok, ok, ma si può almeno sapere quanto costa?
- Poco.
- Ah, ecco. Non è che mi sa anche dire quant'è il cambio poco/yen/euro? No eh, vabbè, lasciamo perdere, ok, guardi questo è il mio indirizzo di e-mail, questo è il mio numero di telefono, mi faccia sapere domani per favore, va bene?
- Sì sì, celto, domani tutto a posto, tutto plenotato, io mando e-mail, poi mando e-mail anche a lei domani pel confelma.
- Seee, see, ok, ci sentiamo domani, arrivederci.
- Allivedelci.

[ventiquattL'oLe dopo]

- Tuu, tuu, tuu, tuu...Plonto?
- Pronto, buongiorno, sono Paschetto, ricorda? Non doveva mandarmi l'e-mail di conferma per l'albergo con il prezzo totale?
- Sì, abbiamo albelgo. Uno. Va bene allola?
- [...uno...due...tre...quattro...cinque...sei...sette...otto...nove...dieci...] Sì, va BENE. Me lo prenota per favore?
- Sì sì, va bene, io mando e-mail, poi mando e-mail anche a lei domani pel confelma.
- [No comment] Ok, a domani allora. Grazie. ['Fanc...]

[ventiquattL'oLe dopo]

[bzzzzz... welcome to Outlook 2003... plin plon... you've got e-mail!... You've got e-mail from XXX tour agency! Please, open the e-mail...]
[From: XXX agency. Text: siamo spiacenti di informarla che l'albergo non ha posto. Saluti.]

- Tuu, tuu, tuu, tuu... Plonto?
- Pronto, buongiorno, sono Paschetto. Ho ricevuto la sua e-mail.
- Sì, buongiolno. Albelgo non ha posto. Mi spiace.
- Ecco, intanto non è un buongioLno. Ho capito che l'albeLgo non ha posto, ma ecco, vede, a parte che mi aveva detto che era tutto ok, ma lasciamo perdere, stiamo parlando di TOKYO, vero? Ecco, Tokyo, VENTIDUE MILIONI di abitanti, l'agglomerato urbano più esteso del pianeta, e voi siete un'agenzia di viaggio specializzata sul Giappone, vero? Ecco, immagino dunque che a Tokyo non abbiate la convenzione SOLO con quell'albergo, giusto? Immagino che se non c'è posto in un albeLgo, abbiate almeno altre venti proposte da farmi, tutte una più costosa dell'altra, e che anzi, godiate e non vediate l'ora di trovarmi una suite costosissima in pieno centro giurandomi che è l'unica sistemazione possibile a Tokyo in quei giorni, cosicché io possa suicidarmi o in alternativa mettere all'asta i miei biglietti aerei su e-Bay, nevvero?
- Albelgo non ha posto. Mi spiace.
- Vede signorina, io ho trascorso otto settimane nella Cina interna, e sono QUATTRO ANNI che tutte le case editrici di questo curioso paese fatto a stivale respingono il mio libro perché mi rifiuto di tagliare quello che ho scritto dei cinesi. Ora, deve sapere che io sto partendo per il Giappone perché sono CONVINTO che in Giappone mi troverò BENISSIMO, e che non è vero che tutti i gialli siano gialli, perché i giapponesi sono i più fighi del mondo, mica come i cinesi, vero? Per cui adesso lei sta certamente per trovarmi altri venti alberghi in centro a Tokyo e io dovrò pregarla di scegliere per me perché saranno tutti bellissimi, fighissimi e qualcuno addirittura si offrirà di ospitarmi gratis per non arrecarmi il disturbo di dover usare la carta di credito, VERO?
- Sì, io adesso celco. Io mando e-mail. Io domani mando e-mail anche a lei pel confelma.
- Ah, già, manda e-mail. Telefonare no, eh? Va bene, ok, aspetterò. Grazie. Io lo sapevo che voi giapponesi siete dei superfighi. Grazie ancora. A domani.

[...]

Una settimana dopo.
Silenzio totale.
Ci ho messo una nottata, ma l'albeLgo me lo sono tLovato da solo.

[Continua...]

____________
Nota a margine: per quanto vi possa sembrare strano, cercare un hotel a Tokyo (e in generale in Giappone) usando Internet non è banalissimo. La maggior parte dei siti web sono in giapponese e fra gli hotel economicamente abbordabili non sono molti quelli che hanno almeno una pagina web in inglese. In più c'è il problema che Google archivia ovviamente le pagine indicizzandole in giapponese per cui, a meno di non saper utilizzare gli ideogrammi per cercare le parole chiave, i risultati sono tutti piuttosto mediocri.
00.37 del 19 Giugno 2006  
 
3 commenti pubblicati
dice il saggio: i blog che leggi ti condizionano nel modo in cui dialoghi con i giapponesi.
L'ha detto dago, 19 giugno 2006 alle 11.41
Vero ;-)
L'ha detto Carlo, 19 giugno 2006 alle 11.47
...questo detto, sto ancora ridendo per il manga testuale.
...e detto questo, nel mio HD incasinato non trovo la pagina per paginare, capisc'a'mme.
L'ha detto dago, 19 giugno 2006 alle 16.26


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo