Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


20 Trans-eastern europe express
MAG Spostamenti, Travel Log: The Slavic job
Qualche lettore abituale più attento avrà notato che il thread "Travel log: Poland" è stato sostituito da "Travel log: the Slavic Job". E infatti si riparte sì per Warszawa, ma il piano generale di volo è cambiato un po'. Per le prossime tre settimane sarò in tourné fra Polonia (Warszawa, appunto), Ungheria (Budapest), Repubblica Ceca (Praha), e Croazia (Zagreb), transitando di tanto in tanto a casa e mettendo anche piede in quel di Alba fra un volo e l'altro.
Non so se avrò tempo per qualche scatto rubato qua e là, ma cercherò almeno di onorare il nuovo thread, che comunque avrei preferito chiamare "The Balcan affair", ma poi, pensandoci bene, coi Balcani ha a che fare solo l'Ungheria, e nemmeno tanto a dire il vero.

La curiosità sta nel fatto che questa sarà la quinta volta che torno a Budapest in dieci anni, la terza per lavoro. Non so com'è, ma per qualche curioso disegno astrale, anche se cambio azienda, lavoro, vita, se di trasferta all'estero si tratta, va a finire che prima o poi incappo in Budapest. A Praga tornerò invece per la seconda volta. La prima fu nel gennaio del 1995: immagino sia passata un bel po' d'acqua sotto a Ponte Carlo.
Zagabria ci ha visti transitare in tempi recenti nel corso del nostro viaggio in Bosnia. A memoria, sarà comunque almeno la terza volta che ci metterò piede. A Varsavia, fra una cosa e l'altra, sono ormai di casa.

Tutto ciò mi fa anche pensare che al termine di questa tourné avrò messo piede in otto paesi stranieri dall'inizio dell'anno, sedici negli ultimi due anni, e inesorabilmente mi chiedo: ma è viaggiare, questo?
Sono entrato nella cattedrale di Arlon per vedere come diavolo fosse all'interno soltanto dopo cinque mesi di permanenza lassù. Avrei voluto andare a Bastogne, a Metz, a Trier, ma non ho mai avuto tempo e/o sono sempre stato troppo stanco per andarci alla sera, uscendo dal lavoro. Quasi sette mesi nelle Ardenne e ho visto solo Arlon e Lussemburgo, che peraltro già conoscevo.
Le prossime settimane vedrò molti aeroporti, alberghi, ristoranti, taxi ed uffici. A meno degli alberghi che prenoterò personalmente, molto probabilmente nemmeno saprò in che zona della città di turno mi troverò. Magari, aiutato dalle lunghe giornate estive, qualche scatto serale ci scapperà - se non sarò troppo stanco da rinunciare ad uscire dall'albergo, se non sarò troppo lontano dal centro, se riuscirò a sganciarmi da cene di lavoro, e bla bla bla.

La verità è che io odio non potermi fermare nei luoghi dove càpito. Detesto dover viaggiare così.
La verità è che io non sono affatto un collezionista di bandierine. Io voglio viaggiare. Ed è completamente diverso.

Tutto sommato mi va dunque bene che siano posti che ho già visitato. Dovessi però, subito dopo, concatenare anche Kiev (mai stato), Sofia (trent'anni fa...!) e Bucuresti (solo di passaggio cinque anni fa), non sopporterei proprio di bermele al volo in questo modo.

Stay tuned, mi raccomando, e nie parkowic.
14.48 del 20 Maggio 2007  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo