Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


29 Sienna 72a-404
NOV Travel Log: Warszawa
Nuovo trasloco, nuovo quartiere: venerdì mi raggiungono Emanuela e Leonardo, e dunque mi sono allargato. L'appartamento è davvero bello, in un condominio nuovissimo, full optional come al solito: c'è persino la lavastoviglie. Sienna si trova al di là di Jana Pawła, più o meno dieci minuti a piedi dall'Hard Rock Cafè e dal Palazzo della Cultura, venti da Chmielna. Rispetto ad Elektoralna, Sienna è più residenziale, viva e centrale, ma in qualche modo anche più anonima. Dalle finestre di casa, condomini verticali, tutto attorno e sopra di me. Ma è una bella casa, calda, ancorché un po' vuota. Comunque, stile minimal Ikea come gli altri due appartamenti in cui sono stato in precedenza. Mi piace, molto.

Taxi proprio qua sotto in fila indiana, in caso di emergenza. Andare in ufficio in autobus è però più scomodo adesso: un'ora circa di viaggio, prima il 157, poi cambio in Solidarności per il solito 522. L'ho scoperto da solo, studiando qui. Interpretare i siti web in polacco e imparare a muovermi attraverso Warszawa in modo familiare con i mezzi pubblici, confesso, mi dà una soddisfazione quasi infantile. Ad esempio, ho capito che il mio bilet normalny vale una corsa sola, ovvero non ha una validità oraria. In teoria, dovendo prendere quattro autobus al giorno, mi converrebbe dunque fare il dobowy miejski, il giornaliero, che costa come tre bilet normalny. Ma, confesso: azzardo le quattro fermate con il 157 senza pagare il biglietto. Per pigrizia e per smaltire, intanto, i miei bilet normalny comprati l'altra settimana.
E a proposito: non ho ancora visto nessuno, e intendo proprio nessuno, timbrare il biglietto. Non solo: quando timbro io, ho sempre un po' gli sguardi addosso degli altri passeggeri. Delle due, l'una: o a Warsazwa viaggiano tutti con gli abbonamenti e i biglietti multipli, e gli sguardi sono del tipo questo è uno straniero, o non sono l'unico a barare e gli sguardi sono del tipo questo è un pirla.

A due passi - due - da casa c'è anche un supermercato. Come di norma a Warszawa, anche questo è aperto fino alle 22, e siano benedetti tutti i supermercati di Warszawa, ché puoi uscire dall'ufficio alle otto di sera e fare tranquillamente la spesa ovunque prima di rientrare.
E' così che ho affrontato anche la mia prima spesa da warszawianin. Carrello d'ordinanza, lista, sguardo smarrito tipo expat trapiantato a Warszawa, ho un frigo enorme da riempire. La signora addetta alla frutta e verdura mi guarda con diffidenza.
Hai presente, no, come funziona il reparto frutta e verdura nei supermercati? Ti prendi il tuo sacchettino di plastica, ti infili i guanti, scegli quello che vuoi, metti nel sacchettino, leggi il codice per la bilancia, pesi, stampi l'etichetta dopo aver schiacciato il numero di codice corrispondente, attacchi sul sacchetto, vai in cassa. Semplice.
Più o meno. Perché qui sul cartellino c'è scritto sì il prezzo, 1,75 Zł per l'uva, nella fattispecie (all'etto? al chilo? alla tonnellata? mah...), ma non c'è alcun numero di codice. Sulla bilancia, invece, i numeri ci sono eccome, come in effetti dovrebbe essere. Mi guardo attorno: nessun cartellino riporta anche il codice corrispondente. Ecco, lo sapevo: sto per fare la mia prima figura da expat smarrito in terra aliena. Punto la signora di cui sopra: ehm, excuse me, sorry, non capisco... Le mostro il mio sacchettino con l'uva. Mi fa segno, un po' seccata, di andare in cassa e non rompere. Mah, forse pesano in cassa. Obbedisco e proseguo fra le corsie, senza fiatare.

Latte, uhm, latte. Come distinguo quello intero, fresco, normale, da tutti gli altri? Boh. Frigo, etichetta blu? Mi ispira più di quello con l'etichetta rosa. Prendo l'etichetta blu. Anzi, sono così sicuro di me che esagero: ne prendo tre litri. Tisane. Succo d'arancia. Corn flakes, almeno, credo. Zucchero. Formaggi. Acqua accidenti, acqua!, che poi di notte muoio dalla sete e mi hanno detto di non bere l'acqua del rubinetto a Warszawa. Nie gasowana, naturalmente, ma questo lo sapevo dire anche in russo. Reparto surgelati: il colpo di scena che non ti aspetti. No, non ci sono i Quattro salti in padella. Siamo in Polonia, che diàmine. Ci sono però i cugini, i Quattro pierogi in padella, o perlomeno non saprei come altro chiamarli :-) Foto d'ordinanza, non la posso mancare questa.
Poi, cassa. Ci siamo.

Uva: 1,75 Zł.

Non ho capito. Come, uno e settantacinque? Ok, è quello che c'è scritto sul cartellino del prezzo, certo, ma che ne sa lei, mi scusi, di quanta ne ho presa? Come funziona, uno e settantacinque qualsiasi quantità ne prenda? Tre acini? Un chilo? Due casse d'uva, grazie, uno e settantacinque? Mah. Mistero. Comunque, il mio sacchettino d'uva 1,75 Zł.
Ho fatto la spesa. Abito a Warszawa. E nevica, nevica, nevica.

Sienna 72A-404
Quattro pierogi in padella...

Una delle cose che più amo di Warszawa è che, rispetto allo scorso anno in Belgio, qui praticamente non piove mai. Se ci penso, ho visto piovere davvero pesante solo un giorno in sette mesi. Per il resto, qualche volta ha piovigginato, sì, ma il tempo è parecchio variabile e quindi, anche se la giornata è grigia, un raggio di sole capita sempre di vederlo. E poi qui vento non ce n'è, o perlomeno non c'è certo quello delle Ardenne.
Non piove, no. Ma nevica. Ed è proprio bello. Perché un conto è andare in giro sotto la pioggia, un conto è con la neve, con quella neve a fiocconi grossi, spessi, secchi, neve che ti scivola addosso e non ti bagna. Soprattutto, non attacca, o attacca pochissimo e per poche ore. Clima troppo secco, troppo variabile, non so. Non attacca. Non nevica comunque abbastanza da attaccare. Eppure ogni tanto ci si mette davvero d'impegno e spara giù qualche bella bufera, anche per una buona mezz'ora, ma poi più nulla. Sono contento di essere a Warszawa con la neve, e il freddo.

Sienna è un posto da sushi. Conto almeno tre sushi bar attorno a casa mia. Non ne ho proprio voglia, vado sul classico stasera.
L'Hard Rock Cafè è al di là di Jana Pawła, ti dicevo prima. Il problema è attraversarla, Jana Pawła. A proposito, nel caso sia sfuggito, Jana Pawła per la precisione è Jana Pawła II, cioè Giovanni Paolo II. Non a caso, è larga un botto, otto corsie più i tram in mezzo. Nel punto in cui Sienna incrocia Jana Pawła, non un sottopasso, strisce neanche a pagarle e del resto in mezzo c'è, appunto, il tram, ed è tutto transennato. Sono le otto di sera, voglio andare all'Hard Rock, quasi lo posso vedere dall'altro lato della strada, la temperatura sarà attorno ai -5. Ma di attraversare Jana Pawła non se ne parla proprio, non c'è modo.
Guardo a destra, poi a sinistra. Mi gioco la sinistra. E cammino dieci minuti prima di trovare un passaggio pedonale. Più altri dieci per ripercorrere Jana Pawła a rovescio sul lato opposto della strada...

All'Hard Rock cafè c'è gran movimento: concerto live di Thomas Lang, un batterista che a quanto pare ha suonato con Robbie Williams, Ozzy Osbourne, The Clash, Gianna Nannini (!) ed una miriade di altri noti e meno noti. Prezzo del biglietto, 40 Zł. Non posso certo perdermi l'evento rock a Warszawa. Pago, entro.
Hai presente un concerto rock di un batterista da solo? Ecco, appunto.

L'Hard Rock è bello pieno, anche di pinguinati polacchi sovrappeso e leggermente alterati dall'alcool. Ora, concentrati e immagina: concerto rock del batterista (solo) di Ozzy Osbourne, Hard Rock Cafè di Warszawa, businessmen polacchi sovrappeso in giacca e cravatta, un po' allegri. Gioventù warszawianin pigiata sotto al palco, completamente immobile per tutto il concerto.
Insomma, i 40 Zł spesi meglio della mia vita.

Thomas Lang all'Hard Rock Cafè di Warszawa

E' quasi dicembre, Warszawa si sta piano piano illuminando tutta e compaiono i primi alberi di Natale in centro. Nevica. Ho visto Thomas Lang. Ci sono i pierogi surgelati. L'uva costa uno e settantacinque tutta, qualunque quantità tu sia in grado di portartene via con un sacchetto di plastica.
Che altro posso volere da questa città?
00.48 del 29 Novembre 2007  
 
1 commento pubblicato
Venerdi scorso mi hanno detto: "Devi andare a Varsavia, l'indirizzo è Sienna 39, 14¬? piano". Tra me e me ho pensato "Sienna.....io l'ho già sentito questo nome...forse quel demonio di Carlo". In effetti è proprio lui...quel demonio non solo è già stato in Polonia e a Varsavia ma ha avuto una casa nella stessa via dove sono io a lavorare......
L'ha detto gianni, 8 aprile 2008 alle 13.41


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo