Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


07 Via Murat, Asia Centrale
NOV Mumble mumble
Il 16 ottobre 2003, alle 13.15, uscivo dall'ufficio per andare a pranzo. Il solito panino, nel solito squallido bar di via Murat. Ci vado ogni volta che sono in sede, e ci vado da solo. Stacco per un'ora. Evito il self service dove vanno i colleghi, evito i ristoranti e le pizzerie convenzionate dove - probabilmente - mangerei meglio e potrei utilizzare i ticket aziendali. Evito il mondo che mi circonda, in effetti.

Ho sempre fatto così, a ben pensarci. Io pranzo da solo quasi di regola. Leggo il giornale, mi estraneo da tutto, mi "allontano". Spesso inserisco anche il silenziatore al telefonino. E' un mondo che, almeno per un'ora, non mi appartiene più. So che da qualche altra parte di Milano Emanuela fa talvolta come me, quando può. Lei però non legge il giornale, credo sia una prerogativa maschile.

Via Murat è una strada davvero grigia. Quasi quasi un giorno la fotografo e ve la faccio vedere su questo sito web. Se pensate che Milano sia grigia, niente al mondo vi farà cambiare idea se passate da via Murat. Ci sono giorni in cui sedersi in un bar di via Murat per mangiarsi un panino e leggere il giornale può davvero essere deprimente. Certo, è una depressione un po' snob. Ma la capacità depressiva insita in ciascuno di noi si misura con il proprio sistema di riferimento quotidiano. E il mio ruota attorno a via Murat.

Il 16 ottobre 2003 era una giornata come a Milano se ne vedono moltissime, soprattutto ad ottobre. Velata, ma non troppo, grigia, ma non troppo, forse c'è il sole, forse no, forse è nebbia in sospensione, forse è foschia, forse è smog, forse c'è un raggio di sole, ma non è detto. Se in una giornata così esci da Milano per qualche chilometro, ti ritrovi in una Pianura Padana velata ma non troppo, grigia ma non troppo, forse c'è il sole, forse no, ecc... Solo che, a differenza di Milano, la Pianura Padana ti mette addosso anche malinconia. Che può essere più sottile della depressione snob davanti ad un panino al salame e fontina nel baretto di via Murat.

*****

Io lo so bene. Il 16 ottobre 2002, alle 13:15, un treno mi depositava in Stazione Centrale a Milano, dopo avere attraversato una Pianura Padana esattamente come quella che ho descritto, in una Milano con lo stesso, identico cielo e gli stessi, identici, non-colori della Milano di 365 giorni dopo. Solo che, il 16 ottobre 2002, sul binario 12 della Stazione Centrale, terminava la nostra lunga avventura di Asia Overland 2002.
Scrivevo, quella sera a casa, sull'ultima pagina del mio diario di viaggio (che leggerete fra qualche mese - sto ancora trascrivendo il Tibet per il momento...): "Mi guardo in giro. Milano è grigia. E' così che si scrive la parola fine di questa storia? Non ci avevo mai pensato, questi mesi, me ne accorgo solo ora. Cosa si scrive alla fine di sei mesi di viaggio?"
Così finisce il diario che (forse) qualcuno di voi ha iniziato a leggere fra le pagine di Asia Overland 2002 in questo sito web. Se vi ho rovinato il finale, in questo caso, mi scuso fin d'ora.

Adesso sono passati dodici mesi da quel giorno e tempo per rispondermi ne ho avuto a sufficienza. Qualche risposta mediocre l'ho trovata, altre sono destinate ad una continua revisione, come quando si scrive un editoriale come questo, che inevitabilmente non porterà da nessuna parte.
Ho l'impressione di avere lasciato moltissime cose su quel treno, che spesso mi mancano, mi metto a cercare affannosamente nella speranza di ritrovare, cerco di afferrare la notte prima di addormentarmi. Come sono già lontane tutte quelle cose, e alle spalle.

Secondo una visione india dello scorrere del tempo, il futuro ci arriva alle spalle, non lo conosciamo e non lo vediamo arrivare, mentre il passato si allontana davanti a noi e possiamo guardarlo in faccia. E' straordinaria, vero? Pensateci: è esattamente il contrario di come interpretiamo noi il tempo, con il futuro davanti a noi che si avvicina e il passato alle spalle che si allontana. Eppure, è una percezione molto più vera della nostra. A me, per lo meno, è molto chiara.
Io, oggi, vedo molto distintamente il mio passato recente allontanarsi rapidamente, e quello remoto diventare sempre più sfocato. Cerco di afferrarlo, anche trascrivendo le pagine del mio diario di viaggio su questo sito web. Ma so già che è solo un palliativo.

Del futuro so ben poco. So che ho davanti grandi novità e nuove avventure, ed anche molti pranzi a base di panini nello squallido bar di via Murat.
Non so cosa risponderò a Zuz se mai mi chiederà la risposta alla domanda in sospeso. So che, se lo vorrà, gli farò leggere i miei diari, e magari anche quelli della Patagonia di oltre dieci anni fa, e cercherò di trasmettergli quello che mai nessuna pagina di diario potrebbe trasmettere, quelle motivazioni, quell'immaginazione e curiosità che, di quei diari, sono l'inevitabile e necessaria premessa.
Soprattutto, gli auguro di avere la capacità di sognare sempre oltre, sempre un po' più in là, sempre un po' più in alto dell'ultimo traguardo raggiunto. Di addormentarsi ogni sera con mille domande come la mia a cui cercare una risposta, e di non arrendersi fino a che quelle risposte non siano arrivate e non abbiano, a loro volta, fatto nascere nuove domande.

Io credo che esista un solo modo per riuscire a convincersi che quel panino in via Murat sia davvero buono. Considerarlo l'intervallo fra un sogno realizzato, che si allontana davanti, ed uno futuro, che sta per piombarti alle spalle.
A guardare bene, da via Murat alla Stazione Centrale ci sono solo dieci minuti con l'83, anche in ora di punta.

P.S. Chi è Zuz? Ne parliamo un'altra volta, è un buon tema, parlando di viaggi...

00.10 del 07 Novembre 2003  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo