Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


23 He and I
SET Spostamenti, Mondo piccolo, Diario
Il mio primo viaggio da solo con Leonardo, che oggi ha quattro anni e mezzo, è durato solo ventiquattr'ore ed una notte in mezzo, ma è stato emozionante.
Non siamo andati molto lontano: sabato sera albergo a Castel San Pietro Terme, domenica ad Imola a veder correre un po' di quattro ruote, ché il mio eroe è già un piccolo fan, e poi a Maranello per salire su una vera Ferrari F1: Leonardo si è un po' arrabbiato perché non arrivava ai pedali, le formula uno le fanno un po' troppo lunghe per i bambini di quattro anni.

Un cucciolo felice, il suo papà in adorazione.

E' strano viaggiare con Leonardo. Ti accorgi che non se ne vedono di bambini soli in giro con il loro papà.
Arriviamo in albergo, Leonardo ed io, lui con il suo zainetto riempito con quaderno e matite colorate, un paio di peluche, anzi tre; un robot smontato; un piccolo libro per leggere insieme la storia della sera, prima della nanna.
Il pigiamino e lo spazzolino viaggiano nel mio trolley, insieme alla mia roba.
Arriviamo in albergo e alla reception ci guardano incuriositi. - Siete solo voi due?
Sì, siamo solo noi due. - Posso vedere per favore i documenti del bambino?

E' strano un papà che viaggia da solo con il figlio piccolo, non passa inosservato. I documenti sono a posto, la receptionist si allarga in un sorriso tutto per lui. - Ciao Leonardo, benvenuto, quanti anni hai?

Ci presentiamo al ristorante, è un po' tardi. - Avete prenotato?
No, non abbiamo prenotato, siamo ospiti dell'albergo. - Mi spiace, non abbiamo posto stasera.
Lo guardo, il cameriere. Sono le otto e mezza, è tutto il giorno che siamo in viaggio ed anche se Leonardo è di ottimo umore non durerà a lungo, prima o poi la nanna avrà il sopravvento.
Scusi, ma secondo lei, di lui, cosa ne faccio? Non penserà che esca a quest'ora e mi metta a cercare un altro ristorante?

Mi guarda. Sorride. No di certo, ovvio. - Mi scusi, un attimo, si accomodi lì per favore. Le liberiamo subito un tavolo. Ecco qui piccolo, cosa possiamo fare per te? C'è qualcosa che ti piace e che vorresti subito?
E' strano viaggiare con Leonardo, e bellissimo. Apre tutte le porte, è sempre straordinario vedere le cose attraverso i suoi occhi, è tutto così naturale per lui. - Papà, ma perché negli alberghi bisogna mettere il cartello "Non disturbare"?

Io vivo in albergo la metà della mia esistenza. E' così normale, per me, vivere negli alberghi, cambiare hotel, camera, racchiudere l'esistenza di ogni settimana dentro ad un trolley, spostarmi di stanza in stanza quasi senza farci caso, senza soluzione di continuità, ogni sera trasformare una camera d'albergo nella mia casa, navigare nella routine scandita dai tempi del check-in - camera - doccia - ristorante - camera - colazione - check-out; quasi ogni giorno, quasi ogni notte, ogni settimana, mese dopo mese. Li riconosci subito quelli che vivono di hotel in hotel.
E' così normale, eppure lo sai che non è affatto normale, non te ne liberi di quella sensazione latente che viaggia con te, dentro al tuo trolley, di albergo in albergo.

Così guardo Leonardo aggirarsi per la camera, sedersi alla scrivania, tirar fuori il suo quaderno e le matite dallo zainetto e mettersi a disegnare come fosse tutto assolutamente normale. - Papà, faccio un coccodrillo.
Io lo amo.

E' una normale camera doppia, abbiamo i letti affiancati, la tv davanti. Guardiamo insieme i cartoni. Non è abituato, Leonardo, a dormire in un letto di fianco a me. Ha sempre dormito nella sua cameretta fin da piccolissimo e quando siamo in viaggio con la mamma lui dorme nel suo letto, separato, pur nella stessa stanza.
E' eccitato, vuole vedere i filmati dentro al mio iPod, di addormentarsi per il momento non se ne parla. Parliamo, molto. Ci raccontiamo cose. Gli racconto le storie - ultimamente ha una spiccata preferenza per le storie di pesci. Parliamo del mio lavoro, vuole sapere tutto. Gli racconto di quando lavoravo in Ferrari a Maranello. - Ma papà, non funzionavano nemmeno i loro computer?.
Per Leonardo, io di lavoro "aggiusto computer", o qualche volta insegno alle persone ad usarli.

A Leonardo le auto piacciono molto. Le classifica in base al numero di tubi di scarico. Più tubi di scarico hanno, più vanno forte. I riferimenti per una corretta classificazione, comunque, sono la Ferrari e Saetta McQueen, il popolarissimo bolide inventato dalla Disney qualche anno fa. Soprattutto Saetta, naturalmente.
All'inizio credevo che fosse solo spirito di emulazione - a me le auto piacciono molto e la Formula Uno è uno dei pochi sport che seguo con una certa costanza (peraltro, addormentandomi davanti ad ogni gran premio, come tutti). Poi ho scoperto che gli piacciono davvero: domenica, ad Imola, dopo qualche giro io mi ero bell'e che rotto le scatole e pensavo che anche Leonardo ne avesse abbastanza, ma invece lui ha voluto vedersi tutte le gare in programma e continuava a fare domande. Solo la prospettiva di andare a Maranello a vedere la Ferrari vera lo ha infine schiodato da quella tribuna fredda e ventosa.
Abitare di fianco all'autodromo di Monza, in effetti, suppongo giochi la sua parte. E' stato lo stesso per me.

C'è coda in autostrada al rientro. Impieghiamo una mezza vita a tornare. Ma lui è tranquillo, seduto dietro nel suo seggiolino. E' tutto preso dal suo nuovo modellino di Ferrari comprato a Maranello. Ogni tanto mi chiede quanto manca, poi si rimette a giocare. Mi dà spesso indicazioni sulla musica da ascoltare in autoradio. Tom Petty va sempre per la maggiore, ma adesso gli piacciono molto anche Il pescatore di De André, nella versione dal vivo con la P.F.M. naturalmente, La mia banda suona il rock di Fossati, e Zucchero, che lo fa tanto ridere, soprattutto quando canta quando vedo te sento le campane, mi scappa la pipì. Occasionalmente vuole ascoltare i Coldplay, che però a me annoiano un po'.

Non c'è Carola al suo fianco. Non la nomina mai, ma credo ne avverta eccome la mancanza. In effetti, manca ad entrambi. Carola è il lato solare, immediato, socievole della coppia, Leonardo è introspettivo e riflessivo, ogni tanto si perde fra sé e sé e non sai bene dove stiano volando i suoi pensieri.
A Carola le macchinine di Leonardo piacciono moltissimo. Che dici, Leonardo, quando è un po' più grande portiamo anche lei a vedere le gare, ok? - Sì papà, le spiego tutto io, perché lei è piccola.
Sì, ci manca Carola. Fra un po' siamo da lei, Leonardo.
22.24 del 23 Settembre 2008  
 
5 commenti pubblicati
Ciao Carlo. Anche gli ingegneri hanno un cuore a quanto vedo. E il tuo deve essere parecchio grande. Righe veramente belle.
L'ha detto Matteo, 25 settembre 2008 alle 13.03
A proposito di computer. Come tu sai facciamo lo stesso mestiere. Agli inizi di gennaio ho comprato ad Alessia, la mia figlia più grande, un PC desk perchè hanno cominciato ad usare internet a scuola per fare le ricerche. Io alla sua età consumavo l'enciclopedia "Sapere", ma tant'è...
Vado in un negozio di una catena di computer ed acquisto un hp con montato vista premium. A detta della ragazza il non plus ultra. Arrivo a casa e smadonno 1 ora per riuscire a configurarlo/montarlo. COmincio ad usarlo e dopo 1 giorno mi appare lo schermo azzurro con scritte bianche (che non vedevo da anni). Intanto Alessia m chiede allora papà possiamo giocare?
vado avanti così per 10 giorni, installo patch, risolvo 1 problema se ne creano altri 10. Arriva un giorno Martina, la più piccola, e mi dice:
Papà ma tu lavori con i computer?
e io:
Si
Rimane un attimo dubbiosa e poi mi dice:
Ma se sei bravo come dice mamma perchè hai comprato un computer rotto?!?!?
COncordo con il fatto che i bambini sono incredibili.
L'ha detto Roberto, 25 settembre 2008 alle 14.25
La passione dei bambini maschi per le auto ed i mezzi meccanici deve avere una radice genetica o almeno di comportamento ancestrale. Gregorio, 2 anni, ha una passione formidabile per auto e soprattutto mezzi da lavoro (ruspe, trattori, camion, pullman).Abbiamo preso un'audi a noleggio per un giorno a Dublino mesi fa e quando vede i 4 cerchi dice che è la mia macchina, dopo 3 gg di renault in spagna fa lo stesso (ed un logo più anonimo non esiste); ovviamente riconosce il modello di auto della mamma, del nonno etc. Ho trascorso più di un'ora con lui a Barcellona nel salotto della famosa Casa Batllò di Gaudì guardando un bobcat una ruspa due camion e gli operai che scavavno nel Paseo de Gracia. Dovevo fare anche la telecronaca delle operazioni di scavo; per fortuna hanno staccato per la pausa pranzo. A nessuno di noi in famiglia importa nulla delle auto, non ne parliamo mai e non va all'asilo. Mistero.
L'ha detto Mario, 25 settembre 2008 alle 23.14
A proposito di computer: Finestre-con-Vista anch'io, ogni volta che l'accendo mi manda un'infinita' di messaggi tipo pop-up strani e soprattutto lo schermo 'sbarella' sempre per qualche secondo - ormai mi sono convinta che non possa essere nient'altro e che sia solo colpa di Vista, chiamo Bill Gates?

Per le Ferrari: ma e' semplice fare una visita a Maranello e salire su una F1? Lo voglio fare anch'io! Tra l'altro ho appena visto il prototipo della moto Ferrari ed e' davvero incredibile, spettacolara.

E i bambini. Concordo, un papa' che viaggia da solo col figlio piccolo non passa inosservato, a volte quando vedo un adulto solo con bambino mi assalgono dubbi e scetticismo, questa sensazione sara' a causa dei tempi che corrono, che brutta cosa pero', peccato.
L'ha detto Lara, 25 settembre 2008 alle 23.41
Che bello, c'era bisogno di un po' di comunità ritrovata qua dentro!

@Matteo: secondo me, gli ingnegneri no. Io non lo sono, infatti (Scienze dell'informazione, nel mio caso ;-)

@Roberto: Leonardo pretende già di usare Word, conosce i rudimenti della navigazione con il browser e la masterizzazione è per lui un processo del tutto ovvio. Io cerco di tenerlo lontano il più possibile...!

@Mario: a proposito dei loghi, idem per Leonardo. Non parliamo poi dei mezzi da lavoro: in casa abbiamo ormai un parco automezzi completo, purtroppo anche in scala non irrilevante, chè i nonni, si sa, esagerano sempre su queste cose. Abbiamo persino il carro della spazzatura con tanto di cassonetti ribaltabili ed una gru esagerata da cantiere edile con telecomando e sirene ululante. Se Berlusconi aprisse cantieri come Leonardo in casa nostra, i cinesi a noi ci farebbero le pippe.

@Lara: a Maranello c'è la galleria Ferrari che espone, fra le altre cose, un discreto numero di formula 1 degli ultimi anni, comprese quelle di Schumacher. All'ingresso ci sono un paio di repliche di quella di Massa, identiche a quella originale, accessoriate con monitor Playstation collegato al volante e ai pedali. Per la "modica" cifra di 5 euro a giro puoi accomodarti all'interno della formula 1 (un incubo, avevo provato anche io quando lavoravo a Maranello) e provare l'ebbrezza di un giro simulato a Monza, ammesso di riuscire a stare in pista per più di cento metri senza andare a sbattere.
L'ha detto Carlo, 26 settembre 2008 alle 00.11


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo