Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


13 Cosė
OTT Diario
Così sono qui davanti al solito pc, in attesa di una rapida riunione per chiudere un paio di punti. Ascolto una vecchia raccolta dei Commodores e qualcosa dei Sigur Ros. Poi andrò a correre, magari stasera tiro dodici chilometri, o forse crollerò al quinto, mah. Prima dovrei anche passare dall'ottico, tanto è a due passi dall'hotel. Ah già, dovrei anche telefonare alla tipa della casa, ché ne sto cercando una qua ad Alba. Di stare in hotel non ne posso più.

Così fra un po' è già buio e a me piace correre al buio, sotto alla luce fluorescente dei lampioni. Mah, quasi quasi stasera esco solo in maglietta, non mi sembra faccia molto freddo. E' che poi, alle nove di sera, quando mi troverò in mezzo alla strada con addosso solo la maglietta fradicia di sudore, con la tosse che mi ritrovo da un paio di settimane, forse non mi farà benissimo, temo.

Così è tempo di dare tempo al tempo, e forse lo è da un pezzo. Leonardo è alto un metro e quindici ormai, non è meraviglioso? Carola ha definitivamente deciso che mi chiama papau, proprio con la u finale, e a me fa ridere un sacco. Anche a lei. Passerei ore fronte contro fronte con Carola, con tutti quei suoi riccioli che mi vanno negli occhi e lei che mi fissa dritto nelle pupille, fa la faccia imbronciata per finta e poi scoppia a ridere. Sono totalmente innamorato di lei. Papau, papau, papau. Crescerà, anche lei.

Leonardo ha paura della mosca Memè. Mi chiede se si fanno i brutti sogni con la mosca Memè. Curioso: non gli fanno paura gli squali di Nemo, ma ha paura della mosca Memè dei puffi. Me ne sono accorto subito, mentre leggevamo insieme la storia dei puffi neri: quando un puffo blu viene punto dalla mosca Memè diventa tutto nero e cattivo, va in giro saltellando, fa Gnap Gnap e morde i puffi blu alle caviglie, contagiandoli.
Insomma, Leonardo non ci dorme con questa storia dei puffi neri e della mosca Memè, così abbiamo deciso di tornare ai giornalini di Paperino, oppure che devo cercargli delle storie dove ci sono solo (mi raccomando papà!) dei puffi blu. Pensare che a me da piccolo facevano tanto ridere i puffi neri. Abbiamo deciso che disegneremo insieme la mosca Memè, copiandola dalla storia. E' una specie di esorcismo: se la disegniamo forse, dopo, non ci fa più paura.

Così sembra proprio che ce l'abbiamo fatta. Ormai chi se lo aspettava più? Mi ci sono accanito per anni, non ho mai mollato, come al solito, come sempre. Sembra proprio che infine si vada in porto. Ma aspetto a dirvelo, ché ancora non ci credo. Magari la prossima settimana. Ci sono un paio di cose da sistemare prima.

Così ho deciso, anche, di affrontare altre cose mie. Un bel respiro e via, me lo ero promesso fra gli obiettivi del 2008. La lista dei buoni propositi, quest'anno, ha parecchie X ed un paio di punti che forse sono ancora in tempo a centrare. Il fatto è che il punto che conta, l'unico, è una specie di ago disperso nell'universo. E quello no, non è questione di un respiro e via.

Così mi sono rotto di aspettare. Al diavolo. Chiudo il pc e vado a correre.
18.28 del 13 Ottobre 2008  
 
1 commento pubblicato
Qualunque cosa sia: un grande Buona fortuna. Almeno a te...
L'ha detto marco, 14 ottobre 2008 alle 09.17


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo