Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


20 E io lo butto per terra e lo pesto
DIC Running
Tornare a correre a soli diciassette giorni da un intervento chirurgico, tre settimane dopo l'ultima volta che ho messo le scarpette (e che ho staccato il mio record dell'anno), avendo fra l'altro lasciato per strada cinque chili in tre soli giorni grazie anche ad una bella gastroenterite virale che ha pensato di venirmi a trovare durante la convalescenza, potrebbe anche essere un piccolo successo. Senonché.

Senonché, dopo quasi un anno e più di seicento chilometri corsi dall'inizio di questa avventura fantozziana, mi sono regalato - oltre ad un bella tutina invernale nuova, ché ormai sono completamente caduto nel tunnel del runner dopolavorista quarantenne sfigato che sogna la New York Marathon - questo.

Oggi l'ho collaudato. E mi sono depresso al cubo. Secondo 'sto affare e il suo compare Google Earth, infatti, la misura del mio circuito standard da 10km, sul quale ho creduto di volare di record in record negli ultimi mesi, è completamente sballata: sono poco più di 9,6km. Quindi, 'na cippa che ormai corra regolarmente i dieci chilometri sotto i 55'. Fatti due conti, è già un miracolo se fino ad oggi ho sfondato la barriera dell'ora due o tre volte.
Il cronometro collegato al gps, poi, mi ha martellato implacabile: vabbé che il mio stato di forma corrente è pari a quello di un lamellobranchio del Pacifico Meridionale, ma io, fino a tre settimane fa, mi credevo di correre ormai con tempi prossimi ai 5'15" al chilometro di media. Lo stronzo sciagurato aggeggio, invece, oggi mi ha battuto i primi due attorno ai 5'30", per poi calare ben oltre i sei minuti al chilometro, finché al sesto, transitato oltre i trentasei minuti, mi sono arreso allo sconforto e mi sono fermato a meditare sulla curvatura dello spazio tempo e sull'esistenza di altre forme di vita nell'universo.

Provo una certa empatia verso Napoleone a Waterloo.
23.26 del 20 Dicembre 2008  
 
3 commenti pubblicati
.. ma il dubbio che a non essere preciso sia il nuovo strumento?
L'ha detto Cecco, 22 dicembre 2008 alle 10.17
No, ho fatto una comparazione incrociata, appunto, fra Google Earth e il gps. Danno la stessa misura con uno scarto massimo di una decina di metri.
La misurazione precedente l'avevo fatta con la bici, ma i soliti esperti mi hanno spiegato che non c'è confronto fra la precisione degli strumenti: il contachilometri della bici, per quanto preciso possa essere, è influenzato da almeno un paio di fattori: la pressione del copertone e l'effettivo raggio del cerchione, per cui basta uno scarto anche solo di un millimetro sul raggio teorico che, sulla distanza di 10km, ti si ripercuote appunto in centinaia di metri. Il gps invece è molto più preciso ed anche Google Earth, a meno del fattore di distorsione introdotto dalla modalità di registrazione dell'immagine da satellite (la mia tesi di laurea!) è parecchio affidabile.
Fra l'altro questo mi spiega anche la gran differenza di tempi fra il mio circuito di Alba e quello di Monza: in effetti, quello di Alba lo avevo calcolato solo con Google. Io avevo sempre imputato i tempi più elevati fatti ad Alba ai tratti in salita, ma in realtà non è così: adesso i tempi fatti ad Alba e a Monza sono effettivamente comparabili. Un po' più veloce a Monza, ma non con scarti di sei - sette minuti come prima.
L'ha detto Carlo, 22 dicembre 2008 alle 10.45
potrei prestarti il mio ForeRunner GPR305, che permette lo scarico in formato GoogleEarth ... potrei ....
L'ha detto Cecco, 22 dicembre 2008 alle 11.17


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo