Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


17 Un altro giro di Walter
FEB Mal di fegato, Prima pagina, Politica
Non sono tanto i risultati delle elezioni in Sardegna in sé a confermare una volta di pi, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che questo Paese ha davvero dei problemi molto, ma molto, seri - per usare un eufemismo.

Non è nemmeno tanto il fatto che pure questi risultati arrivino a valle di settimane che hanno visto il Belpaese completamente schiacciato dalla ferocia onnipotenza superpartes di Nostro Signore Mister B. - impossibile, con tutta la buona volontà, non vederci un parallelo fra certi attuali atteggiamenti sfacciatamente arroganti e lo storico "me ne frego" - e della quantomeno curiosa santa ed inossidabile alleanza del governo con le stanze del Vaticano, che ha una volta di pi trasformato l'Italia in una succursale medievale dello Stato Pontificio facendo carta straccia della laicità del nostro ordinamento: in questo Paese, oggi, 2009, XXI secolo, è possibile che un signore anziano con un cappellino rosso, cittadino di un vicino minuscolo ed insignificante Stato teocratico, possa permettersi di dire che le leggi di Dio si erigono al di sopra delle leggi dello Stato anche per i nostri cittadini italiani, senza che nessun esponente del governo italiota si opponga o abbia qualcosa da dire. Anzi, tutti lì pronti ad allinearsi alla volontà di Dio - per meglio dire, di quella del colonnato di San Pietro, ché la volontà del Padreterno non c'entra un accidente e probabilmente sta da un'altra parte.

Per non parlare delle stravaganti leggi razziali - chiamiamole una buona volta con il loro nome, per quel che sono - e delle proposte normative censorie sull'utilizzo di Internet che palesano la totale ignoranza istituzionale sul tema trattato, dell'intolleranza manifesta verso qualunque forma di dissenso, degli attacchi alla Costituzione ed a tutte le istituzioni dello Stato che per qualche motivo non appaiono allineate ai voleri dell'impero, dell'ondata di disinformazione totale nella quale vengono da tempo annegati i cittadini tutti assieme alla somministrazione di oppiacei mediatici a dosi da elefante, della volgarità, della tracotanza, della supponenza, della maleducazione (nel senso pi generico del termine) verso le quali sta sprofondando la Penisola tutta.

Non è, infine, nemmeno il fatto che se questo Paese è così è evidente che è così che ce lo meritiamo. Perché siamo noi stessi - intesi numeri alla mano e supponendo garantite le basi minime della democrazia, pi o meno - a non riuscire, dunque probabilmente a non volere, modificarne lo status. Siamo vittime di noi stessi, consapevoli solo del risultato del derby quale orizzonte ultimo della nostra catena di valori esistenziali.

No, il punto è tutt'altro.

Il punto è che nel bel mezzo di questo ormai inarrestabile tsunami, in questo delirio totale, nel nostro nauseante sfacelo quotidiano, Veltroni - in un momento, forse l'ultimo!, di lucidità senile - dia le dimissioni, immagino illuminato dalla Madonna di Santa Binetti.

E che il coordinamento del PD si opponga.
13.20 del 17 Febbraio 2009  
 
1 commento pubblicato
Appunto. Dove leggevo proprio oggi che alla fin fine gli italiani non si oppongono alla casta perche' in realta', come desiderio (in)confessabile, ne vorrebbero far parte? Mi stavo quasi intristendo... meno male che c'e' Sanremo
L'ha detto Lara, 17 febbraio 2009 alle 23.32


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo