Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


07 No blog
FEB Lavori in corso
Nota inserita nell'aprile 2005. Prima di questo post il Giornale di Bordo di Orizzontintorno non esisteva: al suo posto, c'era una pagina mensile intitolata "Primo Piano" e, in tempi successivi, vennero aggiunte alcune pagine speciali dedicate alla nascita di Leonardo e alle prime prove con la nuova macchina fotografica digitale.
Con la nascita del Giornale di Bordo (oggi definitivamente trasformato in questo blog), avvenuta con la pubblicazione su Orizzontintorno di questo primo post, quelle pagine vennero riorganizzate e archiviate inserendole nel giornale con data antecedente. Si tratta dei post che appaiono datati 2003 e gennaio 2004..


***

Questo è un sito solo di viaggi? O più in generale è un sito di fotografie? O è il nostro sito e basta? O ancora, è il nostro diario di bordo?
Ripensandoci, ma perché abbiamo inventato Orizzontintorno? Nella pagina introduttiva abbiamo scritto che Orizzontintorno "ambisce ad essere una rada di approdo per naviganti come noi"...
Forse a me piace pensarlo più come a un luogo di ritrovo: una sorta di taverna fumosa vicino al molo di un porto, l'arredamento in legno e le lanterne appese ai muri. Fuori dalla porta la nebbia serale che sale dal mare avvolge ogni cosa, dalle finestre filtra una luce gialla e i suoni che giungono all'esterno risultano ovattati.

In questo luogo di ritrovo ci si incontra, si chiacchiera, si gioca a carte, si sussurrano nuove rotte. Chi sta dietro al bancone tira le fila, magari decide l'argomento. Chi gioca a carte, se ha voglia, dice la sua. Oppure ascolta e basta: il nostro luogo non è una taverna rumorosa, è frequentato da avventori che si osservano silenziosi e con un po' di circospezione, ma che sono tutti lì perché qualcosa li accomuna.
Noi appendiamo alcune fotografie alle pareti imperlinate, oppure raccontiamo per l'ennesima volta della grande tempesta del '99, o del Marlin che abbiamo pescato quella volta e che, ovviamente, ad ogni racconto è sempre più grosso.
Che strano: scrivo spesso per metafore marinare e sono un uomo di montagna, essenzialmente. Il sangue genovese non mente...

Ci ho pensato a lungo: "Primo Piano" non mi piaceva. Primo piano di che? Quando abbiamo lanciato Orizzontintorno pensavo a una qualche rubrica da aggiornare tutti i mesi, dove scrivere qualcosa, prendendo spunti qua e là, così da rinnovare in qualche modo, periodicamente, l'appuntamento con i visitatori.
Ma a dire il vero non è che abbiamo qualcosa da dire periodicamente. Per lo meno, non alla scadenza di ogni mese, come le bollette. E a dirla tutta, non è che se abbiamo voglia di dire qualcosa questo sia necessariamente legato ai viaggi e al viaggiare, per quanto possa essere allargato il significato stesso del Viaggio.
A me, ad esempio, piace scrivere: punto. Mi piace anche avere la libertà di essere noioso e considero un Viaggio anche la mia stessa esistenza. Soprattutto ora che è arrivato Leonardo e che, insieme a Emanuela, siamo appena partiti per la più grande avventura della nostra vita. Che certo, ci porterà anche fisicamente in molti luoghi lontani, ma che sarà fatta soprattutto di immagini ed eventi quotidiani.

Abbiamo una nuova macchina fotografica digitale e già non me ne separo quasi mai. Ho sempre sognato di poter fermare dentro alla mia esistenza alcune immagini a caso, senza apparente necessità, solo per congelare alcuni istanti che non hanno significato alcuno se non il fatto di essere vissuti e basta. Fotografare cose, momenti, situazioni, facce a caso. Sparare nel mucchio.

Non è certo un'idea nuova, anzi, sono l'ennesimo ritardatario. I fotoblog spopolano in rete, quindi non voglio fare un fotoblog. Anche perché a me piace - anche - scrivere. Ma non voglio neanche fare un blog. Ne leggo già alcuni e c'è sempre quella pia illusione di voler essere un po' più originali a tutti i costi, senza mai riuscirci.
Però lascio appesi commenti qua e là, navigando a caso fra i blog altrui: lascio le impronte come Pat, che adesso è intuile star qui a spiegare chi è. Ma la verità è che non mi piace commentare, se non posso decidere io qual è il tema. E il mio tema non è mai quello di altri.

No, non lo faccio un blog, e nemmeno un fotoblog. Cambio titolo alla rubrica (Emanuela, posso?) e ci metto quel che capita. Ad esempio, ci piazzo questo, perché è un frammento del mio viaggio quotidiano, ed è anche un po' inquietante:

E poi ci piazzo tutto quello che in quest'ultimo mese è entrato di soppiatto dentro Orizzontintorno: Leonardo, Milano, e ancora Milano. E ancora, tutto quello che era "Primo Piano": la Cambogia, via Murat (che devo ancora fotografare), le Facce di Emanuela, l'attesa di Zuz.
Ed è solo l'inizio. Anche perché ora, finalmente, mi sono liberato di questo appuntamento mensile: posso scrivere, fotografare, annoiare, quando ne ho voglia. Anzi, Manu, lo fai anche tu?

(Come dite? Si chiama blog? E' già stato inventato? Maddai... Vabbè, allora, appena avrò tempo, magari lo aprirò anche ai commenti. Fino ad allora mi rifiuto di definire "blog" questo spazio).

E se non è un Viaggio anche questo‚Ķ

00.31 del 07 Febbraio 2004  
 
Non ci sono commenti a questo post


Inserisci un commento
Nome
Commento
E-mail
Sito web
Controllo CAPTCHA Image
Altra immagine


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo