Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


21 La Luna minerale
NOV Fotografia
La Luna minerale è una fotografia del nostro satellite elaborata per mettere in risalto la riflettanza della superficie in funzione dei diversi minerali prevalenti che la compongono.

Anche se la Luna normalmente ci appare grigia, ogni minerale ha una sua caratteristica firma spettrale, ovvero riflette in modo differente la radiazione solare nelle diverse lunghezze d'onda. Il sensore della macchina fotografica rileva la radiazione nello spettro della luce visibile e registra le informazioni relative alle lunghezze d'onda del rosso, del verde e del blu.
Con una particolare tecnica di post-produzione applicata ai file in formato raw, è possibile mettere in risalto le differenze di riflettanza registrate dal sensore, saturando opportunamente i canali RGB ed elaborando in modo separato il canale della luminanza per esaltare le ombre, i rilievi e i dettagli della superficie.

E insomma, in attesa di usare il nuovo Sigma da 600mm con un bel cielo limpido invernale e la Luna quasi piena, faccio prove con qualche foto scattata negli ultimi mesi. In giro si possono trovare elaborazioni straordinarie (peraltro ottenute spesso con ben altra attrezzatura rispetto alla mia), ma un po' alla volta imparo e mi aspetto ottimi risultati.

LunaMinerale01

LunaMinerale04
TAG: astrofotografia, luna
16.13 del 21 Novembre 2020 | Commenti (0) 
   
06 Novembre, intanto
NOV Fotoblog, Diario
Ho fatto altri acquisti, e ancora sto studiando ed esplorando internet per completare la mia wishlist. Prima o poi ne scrivo, appena mi vien voglia di farlo. Per il momento mi appunto cose.
Nel frattempo lavoro a un progetto e ogni tanto la notte esco in terrazza a far prove.
Miglioro.

Lockdown01
Lockdown02
Lockdown03
Lockdown04
Lockdown05
Lockdown06
Lockdown07
TAG: fotografia, astrofotografia
23.35 del 06 Novembre 2020 | Commenti (0) 
   
14 Qualcosa in più sui transiti solari
SET Fotografia
Niente, sarà il Corona, sarà che non volo più - e chissà fino a quando, sarà che boh. Fatto sta che dopo anni e anni di fotografie perlopiù mediocri, decine di migliaia di scatti archiviati nel computer, fiumi di parole spese negli ultimi tempi sulla mia intenzione di abbandonare la reflex in favore del viaggiare leggero con il solo smartphone, la tentazione temporanea di passare alla bridge, eccetera, alla fine questo è diventato l'anno in cui mi son messo a studiare davvero fotografia e post produzione, e a buttar via investire soldi in attrezzatura seria. Fra l'altro, via via che imparo cose, la prima conseguenza è che vorrei rimettere mano a tutte le foto passate per riprocessarle da capo, soprattutto quelle dei viaggi più belli dei quali ho conservato i file raw.
Ho fatto qualche esperimento su alcuni scatti in Islanda e alle Azzorre con quel che ho appreso fino ad ora e ho tirato fuori fotografie completamente diverse e spettacolari, che francamente han davvero poco a che fare con quelle che ho spesso pubblicato in giro per il web. Accidenti.

Così passo ormai tutto il mio tempo libero a studiare, far prove, aggiornarmi e documentarmi su corpi macchina e lenti professionali, e far poi un gran baccano attorno a tutta la mia attrezzatura.
Già, perché dopo i due acquisti primaverili sto continuando a comprare e anche a vendere. Un po' alla volta ho iniziato a dar via la mia vecchia dotazione, ma anche quella semi nuova e persino quella acquistata recentemente, per quanto ne sia soddisfatto, e col ricavato vado in giro per il web a caccia di attrezzatura più professionale, sfrugugliando fra aste e mercato specializzato dell'usato.
Sto anche valutando l'opportunità di passare definitivamente al full-frame, sebbene continui ad apprezzare i vantaggi del sensore APS-C, e magari fare un doppio salto verso le mirrorless, ma i prezzi sono al momento parecchio alti, perlomeno a voler conservare lo stesso grado di qualità della mia attrezzatura attuale.
E dunque leggo, studio, vendo, compro, faccio prove e confronti. Prossimamente scriverò qualcosa sulle nuove ottiche professionali che stanno andando a completare il mio corredo. Intanto, rientrato a casa dalle vacanze, ho ripreso a far foto dalla terrazza ed esperimenti.

A fine agosto sono tornato a occuparmi di transiti astronomici. Consultando Transit finder ho scoperto che all'inizio di settembre, nel giro di meno di ventiquattr'ore, avrei avuto ben due opportunità di fotografare nuovamente il transito solare della ISS (quelli lunari sono per contro eventi davvero rari e mi son fatto l'idea che per diverse ragioni siano anche molto più difficili da fotografare).
Forte della mia prima esperienza a giugno, questa volta mi sono preparato per tempo per provare a far qualcosa di meglio.

Transito202009
Transiti dell'1 e 2 settembre

Il 2 settembre il cielo era completamente coperto e ho mancato quindi l'appuntamento, ma il giorno precedente la mattinata era splendida e il transito era previsto perfettamente centrato sul disco solare: un evento dunque da non perdere.
Per questo nuovo tentativo ho deciso di cambiare strategia rispetto a quella della volta scorsa. In quell'occasione avevo montato un filtro solare vero e proprio, che però ha (giustamente) la caratteristica di assorbire pressoché tutta la luce. Di conseguenza, per scattare con un tempo abbastanza rapido per catturare la ISS e chiudere il diaframma a sufficienza alla ricerca di un po' di nitidezza, ero stato obbligato ad alzare parecchio gli ISO.
Con il sensore APS-C della mia macchina, per quanto il Bigma possa essere nitido a 500mm di focale (e senza contare che col moltiplicatore la nitidezza nativa in realtà viene meno), questo approccio vanifica l'effetto della chiusura del diaframma e la ISS rimane pressoché indistinguibile, annegata nel rumore dovuto agli ISO elevati. Praticamente una macchia scura contro il disco solare, come nel mio scatto di giugno.
Perlomeno, questo è quel che ero riuscito a tirar fuori allora, anche se va detto che ero ai miei primissimi scatti col Bigma e dovevo ancora imparare come utilizzarlo al meglio.

A questo giro ho dunque deciso di rischiare e rinunciare al filtro solare, con l'idea di abbassare gli ISO il più possibile e azzerare il rumore. Per proteggere il sensore almeno il minimo indispensabile dalla luce del Sole e rientrare nei parametri di scatto gestibili dalla macchina fotografica, ho montato un filtro ND1000. Ho fatto anche qualche prova mettendolo in cascata con un ND64, ma mi è sembrato che l'effetto risultante avesse un impatto eccessivo sulla nitidezza dell'immagine e la messa a fuoco, e quindi mi sono arrischiato a scattare con il solo ND1000, che comunque comporta una riduzione di 10 stop.
Ho usato di nuovo il Sigma 50-500@500mm, moltiplicato ad 1,4x con il convertitore Kenko, per una lunghezza focale equivalente complessiva di 1120mm. Con questa configurazione, per riuscire a tenere ISO100, mettere a fuoco il disco solare e rimanere all'interno dei parametri di esposizione disponibili, ho impostato la macchina a 1/8000s con f13. Avrei preferito f11, l'apertura ideale per il Bigma col moltiplicatore, ma avrei dovuto sovraesporre oltre limite.

Per questo tipo di fotografia la messa a fuoco è sempre il problema più difficile da risolvere. La durata del transito è brevissima (poco più di due secondi e mezzo il 1° settembre) e non c'è dunque modo di aggiustare il tiro durante il passaggio. Del resto non ci sarebbe in ogni caso poiché anche ad oltre 1000mm di focale la ISS apparirebbe minuscola nell'inquadratura e completamente offuscata dalla luce solare.
In mancanza perciò di macchie solari o altri riferimenti, l'unica soluzione per mettere a fuoco è improvvisare. In questo caso, usando il live view per simulare l'esposizione, ho chiuso il diaframma al massimo fino a isolare completamente il disco solare dal cielo circostante ed eliminare il bagliore attorno alla corona, e ho usato il bordo del Sole come punto di riferimento per la messa a fuoco di precisione, che va sempre fatta in modalità manuale. L'operazione non è comunque affatto semplice, perché a 1120mm di focale, senza un solidissimo treppiede professionale, basta sfiorare la macchina fotografica per avere un'oscillazione dell'immagine praticamente impossibile da controllare.
Insomma, ho un po' tirato a caso cercando di fare del mio meglio. Ho poi riportato i parametri di esposizione a quelli che avevo scelto per scattare le foto e non ho più toccato la macchina fotografica fino al momento del transito.
Tutto il procedimento di messa a fuoco va fatto pochi minuti prima del passaggio, perché - esattamente come accade con gli scatti ravvicinati alla Luna - più ci si avvicina con lo zoom, più il Sole si muove molto rapidamente nell'inquadratura. Se si anticipa troppo la messa a fuoco si rischia semplicemente che al momento del transito il sole non sia più all'interno del fotogramma, e addio occasione.

Sincronizzazione con il transito a parte, l'istante in cui iniziare effettivamente a scattare va infine scelto con attenzione: da un lato è bene far partire la raffica qualche secondo in anticipo per essere sicuri di catturare la ISS, dall'altro, a seconda delle caratteristiche della macchina fotografica utilizzata e della relativa capacità di buffering, dopo alcuni secondi la raffica rallenta e dunque c'è il rischio che anticipando troppo l'evento, al momento del passaggio effettivo, la reflex non riesca a scattare e manchi l'obiettivo.
D'altra parte va considerato che per quanto si possa essere sincronizzati esiste sempre un margine possibile di errore fra l'orario preciso al secondo calcolato per il transito e l'istante effettivo in cui accade, per cui è bene prendere in considerazione un intervallo di tempo sufficientemente sicuro, almeno 3-4 secondi se la macchina "tiene la raffica".
Insomma, telecomando e orologio atomico alla mano (anzi, sullo smartphone), ho sparato le mie cartucce cercando di anticipare l'evento di circa un paio di secondi per essere certo di catturarlo.

Alla fine il risultato mi ha lasciato del tutto sconcertato: senza filtro solare e con le impostazioni scelte per questa occasione, le foto sono venute completamente sovraesposte e della ISS, lipperlì, non riuscivo a vedere alcuna traccia in nessuna immagine della sequenza.
Negli scatti di giugno il sole era giallo e la stazione spaziale, per quanto sfocata e quasi indistinguibile, appariva come una piccolissima e labile macchia marrone contro il disco solare. Questa volta nulla: sole bianco sparato in tutte le foto e nessun segno della ISS. Ho quasi pensato di aver mancato completamente il momento, anche se ero piuttosto certo di aver centrato l'istante esatto previsto per il transito. Che avessi anticipato o ritardato un secondo di troppo?
Stavo per cancellare le foto, ma giusto per curiosità ne ho caricata una su Adobe Camera Raw, tanto per fare una verifica più approfondita. Mi è venuto in mente che l'eccessiva luminosità del sole potesse in realtà nascondere la stazione, ma che essendo l'immagine così sovraesposta l'informazione relativa alla ISS fosse comunque presente, per quanto con valori dei pixel prossimi al bianco circostante. Infatti.

E niente, stirando ripetutamente l'istogramma e lavorando un bel po' sulla sequenza di fotografie, eccola lì: la ISS è infine apparsa dentro al sole. Non nitidissima per la verità, anche perché con quelle dimensioni il diaframma a f13 introduce molti artefatti, ma sicuramente molto meglio della volta scorsa, al punto che in alcuni scatti della raffica si distinguono bene i pannelli solari e osservando tutta la sequenza si può anche apprezzarne il movimento rotatorio. Centro pieno, insomma.
Ho infine preso i quindici scatti che hanno immortalato il transito in tutta la sua traiettoria e li ho sovrapposti con un semplice algoritmo di stacking per ottenere un'immagine del passaggio completo. Niente di paragonabile a quel che si può trovare in giro per il web, ma accidenti, sono molto, ma molto soddisfatto, considerato che è stato solo il mio secondo tentativo.
Osservo anche che in realtà ho fatto partire la raffica qualche decimo di secondo in ritardo, perché la traiettoria della ISS era dall'alto verso il basso e nel mio stacking si vede chiaramente che in alto "manca" almeno un fotogramma: quando ho iniziato a scattare la stazione era già entrata nel disco solare da una frazione di secondo.

Transito202009b
La mia posizione (pin rosso) rispetto alla traiettoria centrale del transito
TransitoBianco
Uno degli scatti originali, prima dell'elaborazione in ACR
Transito202009c
Il risultato finale dopo lo stretching e lo stacking dei 15 scatti

Adesso devo assolutamente andare a caccia di un transito lunare e sto anche pensando di procurarmi un obiettivo ancora più spinto e nitido. Non escludo di sacrificare il Bigma in cambio, ci sto lavorando ormai da un po' di giorni, anche perché in questi tre mesi di utilizzo ho comunque avuto modo di mettere insieme alcune considerazioni in merito alle quali prossimamente butterò giù due note qui dentro.

Nel frattempo, qualche sera fa c'era un bel cielo limpido sopra casa mia, così ho di nuovo tirato fuori il Bigma, ho montato il moltiplicatore, il treppiede, eccetera e sono uscito in terrazza a far qualche scatto, tanto ormai ho imparato e faccio veloce: ISO100, f/11, 1/100s o comunque lì attorno (*), messa a fuoco manuale in live view, stabilizzatore off, specchio alzato, telecomando, bilanciamento del bianco spostato verso i 4500K.
Qui la Luna non è esattamente piena, ma più o meno al 99% calante (era al 100% una quindicina di ore prima): quanto basta perché la luce solare incida con un angolo sufficiente a mettere in rilievo i crateri sul bordo e mitigare l'assenza totale di tridimensionalità della classica luna piena.
Era una Luna che meritava. Adesso vediamo di dar via bene il Bigma in favore di un upgrade ancora più spinto.

LunaSettembre

(*) Dopo aver scritto questo post ho casualmente scoperto su Google che questa terna di parametri, che ho imparato semplicemente per via sperimentale con le mie prove degli scorsi mesi, è l'impostazione classica per fotografare la luna piena e viene chiamata "la regola dell'11".
TAG: astrofotografia, transiti
10.16 del 14 Settembre 2020 | Commenti (0) 
   
06 Cose che il Bigma
SET Fotoblog
Frecce
TAG: fotografia, frecce tricolori
22.18 del 06 Settembre 2020 | Commenti (0) 
   
04 Più cose in cielo, Orazio, eccetera (Centodieci/75-80, parte due)
SET Viaggi verticali, Centodieci, Fotografia, Spostamenti
Più in cielo che in terra, nel senso. Ché son partito con sei o sette chili di attrezzatura fotografica con il proposito, anche, certo, di sfruttare il cielo buio e limpido dell'Appennino per qualche tentativo serio di astrofotografia, ma principalmente per la caccia fotografica all'orso e ai lupi marsicani.
È stato ben per gli appostamenti che mi son portato dietro il treppiede superpro di piombo e i due chili e passa del Sigma 50-500mm, oltre al Tamron 16-300mm (da tenere al collo durante il trekking), il Sigma 17-55mm (per l'astrofotografia), tre batterie e due power bank, una mezza dozzina di filtri, l'intervallometro col telecomando, iPad Pro, MacBook Pro e sa dio che altro, tutto ripartito fra il mio zaino e quello di Leonardo, mescolato a sacchi piuma, vestiti, giacche a vento, borracce e attrezzatura varia. Avevo quasi una mezza intenzione di partire pure con due corpi macchina, ma poi ha prevalso un nanosecondo di lucidità e ho preso con me solo la 80D.
Per dire, non ero così carico né l'ultima volta in Africa, né in Islanda, né certo lo scorso anno alle Azzorre quando pur andavo a caccia di balene. A pensarci, non lo ero stato nemmeno durante i sei mesi dell'overland in Asia, e dire che allora avevo anche la videocamera.

E niente. Ovviamente ho fatto quasi quattrocento fotografie col cellulare e meno di cinquanta con la Canon, perlomeno se parliamo di foto ad alzo zero, ovvero lo scopo principale del viaggio. Ché di orsi, lupi, financo talpe, cinghiali, lucertole, farfalle, formiche, chessò, almeno dei piccioni, nulla, non abbiamo visto una cippa in tre giorni di trekking e ore, e ore, e ore di cammino e scammellate nella peraltro bellissima e straordinariamente selvaggia natura dell'Appennino, che così selvaggia, e remota, e vuota, e silenziosa, va detto, sulle Alpi te la sogni.
Per contro, quassù al nord, stambecchi, camosci, marmotte e volpi vengono a mangiare al tuo tavolo in campeggio e ti fottono pure lo zaino con la merenda sotto al naso, se non fai attenzione. In Abruzzo no, un tubo, con buona pace del Corriere che mette sempre in home page i boxini con le foto della famiglia di orsi che va in paese a far la spesa, e della segnaletica del parco nazionale che avvisa i viandanti di fare attenzione a non fare a testate con plantigradi e lupi.
Ora, a quanto pare, a contarli ottimisticamente, ci son forse sessanta orsi in tutto l'Abruzzo e il Molise (fonte: le guardie forestali del Parco): dimmi tu la probabilità. Eddai, su.

Insomma: veniteci se vi piace camminare, se volete perdervi nella natura e in mezzo alle foreste vergini, se odiate la gente e non volete incontrare anima viva per giorni e se non avete i soldi per andare nel Pamir, che credetemi, è la stessa cosa tremila metri più in alto, a meno del caciocavallo e del Montepulciano, a più delle yurte dei nomadi kirghizi e dello yoghurt fermentato, che però può dare disturbi gastrointestinali. Il Montepulciano no.
Lasciate invece perdere se volete incontrare forme di vita appartenenti al regno animale, salvo naturalmente avere molta, ma molta, ma molta fortuna, e pazienza, e soprattutto parecchio tempo a disposizione.
Tutto quello che abbiamo avvistato in tre giorni è più o meno riassumibile in una poiana spennata, un paio di cervi e il cane del rifugio, che opportunamente mimetizzato nella bassa vegetazione è stato prontamente venduto sui profili Instagram dei gitanti come feroce lupo abruzzese nell'atto di divorare il gruppo tutto.
Per la verità inseguiva un bel pallone rosso.
Poi, per carità. Magari era davvero un lupo convertitosi a cane per mangiare a ufo, o un cane con antenati lupi marsicani, ci sta.

Comunque, quando dico "abbiamo avvistato" intendo una roba tipo questa, che per chiarirci è scattata con una reflex semipro, un sensore da 24Mp e una focale di oltre 1100mm. Praticamente ci sono due valli in mezzo di distanza.
Vatteli a trovare i sessanta orsi, così.

AbruzzoTip
"Papà, lo vedi laggiù l'erbivoro?"

Ma in fondo anche chissenefrega. Ci siamo divertiti? Sì, e i posti eran magnifici. Certamente indimenticabile è stata la serata soli nella foresta ad aspettare i lupi (che probabilmente erano sulle Alpi ad aspettare pecore): silenzio totale, frontali spente, buio assoluto, Via Lattea dipinta in cielo, non un'anima nel raggio perlomeno di venti chilometri, non una luce, non un sibilo, schiena sul prato della radura fra gli alberi, temperatura perfetta a millecinque suppergiù.
Pamir appunto, Mongolia, Patagonia, cose così per quel che ricordo. Certo non Europa.

E invece, Parco Nazionale d'Abruzzo, zona di riserva integrale (proibitissima, ha detto la nostra guida, prima di sgarrare).
Dove cammini sì per ore e ore senza incontrare anima, senza segnali che indichino il sentiero, che non è proprio detto che si intuisca sempre sempre dov'è, senza punti d'appoggio, nessun segno di antropizzazione, solo tracce (ed escrementi) di orsi e lupi. Quelle sì, magari anche fresche di qualche ora, che io mi sono immaginato per ore che camminassero in fila indiana dietro di noi mentre il capo branco spiegava la vita e i comportamenti degli umani.
Comunque ho fatto fatica. Sarà ormai l'età, sarà che sono allenato zero, sarà il mal di schiena, saran stati i chili sulle spalle del Bigma inutilizzato.

110202012
110202013
110202014
110202016
Trekking nel Parco Nazionale d'Abruzzo

In verità, ci sono poi gli oltre duecento scatti alla Via Lattea. Ché a quanto pare le montagne in quella zona sono fra le zone più buie d'Italia, una delle regioni del mondo più affette da inquinamento luminoso. L'Italia tutta, proprio.
Il nostro campo base, il rifugio della Cicerana, è un punto di osservazione perfetto per l'astrofotografia e dunque sì, la sera ne ho approfittato e ho estratto dagli zaini il Bigma, il treppiede gigante, l'intervallometro, la maschera di Bahtinov (no, la maschera di Bahtinov non l'ho tirata fuori, ché a quel punto mi pesava il culo), il moltiplicatore di focale e bla bla bla, e finalmente ho avuto tempo e modo per provare a mettere a frutto tutto quel che ho studiato la scorsa primavera.

110202007
Mappa dell'inquinamento luminoso in Italia
110202008
Parco Nazionale d'Abruzzo e Rifugio della Cicerana

A dire il vero, non tutto il tempo che avrei desiderato, perché mi sarebbe servita qualche ora per fare un lavoro fatto bene, ma la sveglia era alle cinque del mattino, i compagni di ventura si sono ritirati a nanna subito dopo il liquore alla genziana, provati dalla giornata al passo della nostra guida, e dunque mi scocciava irrompere in camerata in piena notte e svegliarli col mio trafficare. Così mi sono accontentato di un'oretta di sessione fotografica, il minimo per provare a fare le cose un po' seriamente.
E poi faceva anche piuttosto freddo, per dirla tutta.

[Nerd alert: qui inizia la parte più pallosa del post]

Se avessi fatto quel che dovevo fare, e perlomeno avessi prima calcolato correttamente i tempi di posa con la regola NPF, avrei scoperto che con la mia ottica, a quella latitudine e con l'altezza sull'orizzonte alla quale ho scattato le fotografie, avrei potuto usare tempi ben più lunghi, fino a sei-sette secondi, e guadagnare un'enormità in termini di luce. Invece ho fatto a cazzo caso e ho scelto di scattare, chissà poi perché, a 1"3 e 1"6.
Ho portato gli ISO a 1600, senza esagerare, per non rischiare di avere troppo rumore. Diaframma fisso a f/2.8.
Ho scattato tre serie da sessanta foto alla Via Lattea con Giove e Saturno, puntando la zona di cielo più buia in assoluto. Tecnicamente, con quei tempi di posa, circa un minuto e mezzo di integrazione. Pochissimo considerato che per ottenere risultati seri avrei dovuto mettere insieme almeno una mezz'ora di integrazione, che con quelle impostazioni avrebbe significato non meno di 1200 scatti.
Anche coi dark frame ho fatto casino e ne ho scattati solo una dozzina, ma almeno mi sono ricordato di farli. Ai flat frame ho rinunciato e mi sono riservato di prepararli a casa artificialmente, usando come al solito la luce dello schermo dell'iPad.

Per lo stacking ho usato Siril, la registrazione delle immagini è stata effettuata con l'algoritmo Global star, l'unico che con qualche ora di elaborazione sia riuscito ad allineare perfettamente le circa sessanta fotografie di ciascuna serie.
Poi, infiniti cicli di stretching dell'istogramma con Photoshop, ancora riduzione rumore e gradiente a più livelli, eccetera. Qualche giornata di lavoro e di prove varie, insomma.
Alla fine questo è il miglior risultato. Non sono soddisfattissimo, ma tutto sommato è stato il mio primo vero tentativo e una foto come questa era anche una delle ragioni di questo viaggio in Abruzzo.

110202098
Giove e Via Lattea

Comunque non è proprio vero che per tutto il resto del tempo il Bigma è rimasto nello zaino (perlopiù di Leonardo, povero!). Il mattino seguente all'alba, mentre ci incamminavamo per l'ennesima infruttuosa caccia all'orso, ho alzato il naso per aria.
E questa è fatta a mano libera, così al volo. Il Bigma è davvero un bel giocattolo, li ho spesi bene quei soldi.

110202011
La Luna all'alba dal Rifugio della Cicerana
TAG: astrofotografia, Abruzzo, pescasseroli
11.12 del 04 Settembre 2020 | Commenti (0) 
   
23 Storia delle mie notti ai tempi, eccetera /2: Neowise e oltre
AGO Fotografia, Fotoblog
Ne ho viste di bellissime, di foto di Neowise, persino fatte col cellulare. Avrei forse dovuto approfittare della prima metà di luglio, quando era possibile vederla prima dell'alba, ma non ce l'ho proprio fatta ad alzarmi alle tre del mattino per andare in cerca di un qualche luogo con l'orizzonte aperto verso nordest e mettermi lì a quell'ora assurda a montare tutta l'attrezzatura, farmi un'ora di appostamento, eccetera.
Così ho aspettato la seconda metà del mese, quando ha iniziato ad essere visibile anche dopo il tramonto, fra l'altro in una posizione potenzialmente per me più favorevole, perché in teoria avrei potuto fotografarla agevolmente dalla mia terrazza che guarda proprio a nord-ovest, sotto all'Orsa Maggiore.

In verità, attorno a Milano, è stato pressoché impossibile osservarla di sera a occhio nudo. L'inquinamento luminoso ha reso difficile persino trovarla con il sensore fotografico, senza considerare che nelle giornate teoricamente più favorevoli il cielo è stato nuvoloso proprio a nord-ovest.
Un paio di scarsi successi dalla terrazza sono riuscito lo stesso a portarli a casa, ma nulla di cui essere soddisfatti. Così ho cambiato strategia e per un paio di serate mi sono trasferito in alta Brianza, a Monticello, da cui si apre un ampissimo panorama che abbraccia tutto l'arco Alpino dal Monte Rosa alle Grigne, sul quarto di orizzonte ovest-nord. Non ho risolto il problema dell'inquinamento luminoso, ma almeno me ne sono stato appostato qualche ora in un campo all'aperto pressoché al buio, a farmi mangiare dalle zanzare e con il bonus di un paio di tramonti meravigliosi sulle montagne.

Cometa01
Appostamento a Monticello, Brianza

Detto che a occhio nudo era pressoché invisibile, a meno di non averla prima individuata in altro modo e dopo aver abituato gli occhi a guardare nell'oscurità per almeno un'ora, mi sono affidato ai sensori del cellulare e della macchina fotografica, spazzando con scatti casuali ad ampio campo visivo e ISO altissimi il settore di cielo dove Neowise avrebbe dovuto trovarsi ed esplorando con pazienza le immagini alla ricerca della scia della cometa. Una volta localizzata, l'ho puntata con lo zoom al massimo, ho messo a fuoco in manuale e dato il via alle sequenze di scatti per lo "stacking".
Ho scattato serie da 50 fotografie con tempi fra 1"3 e 1"6 e diaframma aperto al massimo, 5.6 o 6.3 a seconda della distanza focale, usando il Sigma 50-500mm. Tecnicamente, poco più di un minuto di integrazione per immagine. Ho impostato gli ISO a 640 e a 1600, a caso. Non volevo troppo rumore di fondo, ma d'altra con tempi di scatto così brevi avevo anche bisogno di guadagnare un po' di luminosità. Insomma, ho tirato a indovinare, da buon principiante.

Ho poi ripreso anche una cinquantina di dark frame per ciascuna immagine di riferimento, usando le stesse identiche impostazioni utilizzate per gli scatti alla cometa (i "light frame"), semplicemente coprendo la lente con il tappo copriobiettivo senza nemmeno tirar la macchina giù dal treppiede, come insegnano i manuali del bravo astrofotografo. Non avevo invece capito che avrei dovuto riprendere i "flat frame" allo stesso modo, a pari condizioni ambientali, così mi sono arrangiato e li ho preparati artificialmente a casa, fotografando lo schermo luminoso dell'iPad con le stesse impostazioni in macchina usate per fotografare la cometa.

Cometa02
Preparazione dei "flat frame"

Insomma, il risultato è qua sotto: non sono all'altezza di quel che si può vedere in giro per i social network (sui gruppi di astrofotografia di Reddit ho visto foto pazzesche) e soprattutto non sono riuscito a fotografare la doppia coda blu e gialla, che era la peculiarità di Neowise e che un po' tutti quelli che si sono messi di impegno han catturato, ma sono ugualmente soddisfatto. Considerate le premesse, non era un risultato scontato, né comunque facile.
Poi vabbè, ho visto in giro foto incredibili prese col cellulare, ma qua era davvero impossibile e peraltro va da sé che la risoluzione e la qualità di queste è ovviamente diversa.

Per lo stacking e la registrazione delle immagini ho usato Siril, praticamente l'unico software gratuito per astrofotografia disponibile su Mac OS. La post produzione l'ho fatta con Photoshop e Adobe Camera Raw, ed essenzialmente consiste nello stretching a più riprese dell'istogramma e nella rimozione del gradiente dall'immagine TIFF ottenuta dal procedimento di stacking.
Sul mio iMac di qualche anno fa, l'intero processo di registrazione e stacking di tutti i frame (bias, dark, flat e light), lavorando con 50 immagini e usando algoritmi di registrazione avanzati (la cometa si muove in modo differente e più rapido rispetto alle stelle e questo rende difficile il processo di registrazione), ha richiesto qualche ora.

Cometa03
Cometa04
C/2020 F3 (Neowise)

Alla fine ho impacchettato tutta l'attrezzatura e sono partito per una ventina di giorni di ferie. Durante la prima settimana all'Elba mi sono tenuto in allenamento approfittando di una bella Luna quasi piena, in attesa di misurarmi coi cieli limpidi e privi di inquinamento luminoso del Parco Nazionale d'Abruzzo.
Ma questa è un'altra storia.

Cometa05
TAG: astrofotografia, neowise, luna
15.59 del 23 Agosto 2020  
   
13 Storia delle mie notti ai tempi del lockdown /1
LUG Fotoblog, Fotografia
Cose che in questi mesi ho imparato scattando millemila foto alla Luna. Alcune elementari, altre ovvie - dopo averle lette da qualche parte; altre meno scontate, frutto perlopiù di tentativi e confronti.

Uno. Se il soggetto è solo la Luna, ovvero se rimaniamo nel campo dell'astrofotografia e non stiamo parlando di roba tipo "la Luna e il campanile", "la Luna e il mare", "la Luna, io e tu", il plenilunio è in assoluto il momento peggiore per tirar fuori delle foto decenti.
A pensarci, certo: quando è luna piena la luce del Sole colpisce perpendicolarmente la superficie, un po' come da noi a mezzogiorno, quindi niente ombre, niente rilievo, niente profondità. In qualunque altra fase l'illuminazione è più radente ed esalta crateri e rilievi, restituendole tridimensionalità. A margine, ho letto che i risultati migliori si ottengono con la luna calante, quando è circa fra il settanta e l'ottanta per cento. Confermo.
Mi sono anche scaricato una app che indica fase lunare e posizione nel cielo in base a calendario, ora e luogo, così posso programmare le mie serate fotonerd (ho scaricato anche altre app per altre cose che c'entrano in qualche modo con la Luna e più in generale con l'astrofotografia, ma ne parliamo alla fine).

Due. Il treppiede. E vabbè, ovvio. Ma c'è treppiede e treppiede, e non è vero affatto che uno qualsiasi va bene, perlomeno con la reflex e un'ottica pesante.
L'astrofotografia richiede la messa a fuoco manuale, soprattutto nel caso della Luna (o del Sole) usando lo zoom spinto a lunghezze elevate. Senza autofocus e comando a distanza, qualunque microvibrazione impercettibile trasmessa dalla mano alla macchina fotografica si propaga lungo le gambe del treppiede, che se è troppo leggero e poco stabile causa un'oscillazione tellurica dell'inquadratura, amplificata in modo proporzionale alla lunghezza della focale. Insomma, sembra di guardare un terremoto.
Quindi, meno il treppiede è solido e proporzionato alla macchina fotografica, più è impossibile mettere a fuoco in modalità manuale, più basterà poi un alito di aria fresca perché l'inquadratura rimanga irrimediabilmente microsfuocata.

Tre. La messa a fuoco, appunto. In modalità manuale, la precisione usando il live view batte dieci a zero quella ottenibile attraverso il mirino.
In genere con la Canon 80D questo è vero anche con l'autofocus, perché per la regolazione il live view fa uso di tutti i punti dello schermo LCD, mentre il mirino ottico utilizza al massimo quarantacinque punti AF. Nel caso di messa a fuoco manuale della Luna, il live view consente di procedere per step successivi, avvicinandosi in modo progressivo con lo zoom digitale e regolando la nitidezza passo per passo.
Con la visione attraverso lo schermo LCD è anche possibile verificare la simulazione dell'esposizione e avere un'idea abbastanza precisa del risultato finale.
Tutta l'operazione di messa a fuoco va fatta veloce, per via del punto Quattro.

Dunque, Quattro. La luna si muove, tanto. Sembra ovvio dirlo, è molto più strano vederlo davvero via via che ci si avvicina con l'inquadratura. Di conseguenza, più si spinge la focale verso lunghezze significative, più è complicato metterla a fuoco e più bisogna fare attenzione al tempo di scatto, perché se l'esposizione è troppo lunga la foto verrà - incredibilmente e per quanto appoggiati a un treppiede - mossa.
Inoltre, se una mossa non ve la date voi mentre mettete a fuoco e se usate una focale molto spinta, tipo 500mm e oltre, al momento di scattare la Luna non sarà più dov'era mentre trafficavate con la regolazione, e quel che è peggio a volte sarà addirittura uscita dall'inquadratura.

Cinque. Scattare ovviamente in modalità manuale, usando un tempo il più rapido possibile e cercando di tenere gli ISO non troppo elevati, perché Luna+atmosfera+luce diffusa+zoom uguale rumore, molto. Diffidate di coloro che consigliano di scattare a ISO 800 o 1600. (Perlomeno a me) vengono delle schifezze.
Dopo settordicimila tentativi a diverse distanze focali, con e senza filtri, ho appurato che per quanto mi riguarda il diaframma perfetto per la Luna è f/11. È vero a 500mm col Sigma 50-500mm e a 300mm col Canon 70-300mm e con il Tamron 16-300mm, con e senza moltiplicatore di focale.
A f/8 le foto sono sempre un po' meno nitide, a f/13 e oltre emergono troppe aberrazioni.
A f/11 si riesce a scattare a ISO100, sebbene abbastanza al limite col tempo di scatto.

Sei. Non è vero che coi filtri ND si ottengono risultati migliori, anzi.
Da qualche parte avevo letto che per fotografare la Luna è sempre consigliato montare un ND64, o addirittura un ND1000, e mi sono dunque procurato i filtri corrispettivi per il Sigma 500mm, spendendo un patrimonio. Non avendo mai usato filtri a densità neutrale, mi sono fidato, anche perché pare che siano gli unici filtri dei quali un buon fotografo non dovrebbe mai fare a meno.
In verità, poiché gli ND mangiano progressivamente una quantità di luce esagerata, gli eventuali vantaggi ottenibili in questo tipo di fotografia vanno inesorabilmente a discapito dei miei punti precedenti: preferenza a ISO bassi, velocità di scatto elevata, diaframma piuttosto chiuso, tutte condizioni che diventano impossibili con un filtro a densità neutrale di valore elevato montato sullo zoom. Con un ND64 e il diaframma a f/11, bisogna portare gli ISO almeno a 800 e il tempo di scatto attorno al secondo.
Portatemi una foto della Luna perfettamente nitida e luminosa, scattata con un ND64 o un ND1000, e sono pronto a ricredermi. Nel frattempo vendo serie di filtri a densità neutrale, praticamente nuovi, diametro 95mm.
(Magari poi basterebbe usare un ND8).

Sette. Scattare sempre in RAW, naturalmente. Usare Adobe Camera Raw per rimuovere foschia e aberrazione cromatica ai bordi e attorno ai crateri, e dare una limatina a rumore, nitidezza e contrasto. Ribilanciare il bianco. Fine.
Personalmente, se lo zoom è spinto (da 500mm in su) preferisco non croppare. È meglio una Luna un po' più piccola nel terzo in alto, che una Luna centrata a riempire tutta l'inquadratura. Questo naturalmente a meno di non essere capaci a fotografare la Luna allo stesso modo esponendo altrettanto correttamente altri soggetti nell'inquadratura. Io non sono (ancora) capace.

Comunque adesso sono pronto per la lunga eclissi del 27 luglio.
[Rettifica: ho letto tre minuti dopo aver pubblicato il post che il 27 non ci sarà alcuna eclissi, è una vecchia notizia del 2018 ripresa per sbaglio da parecchie testate. E vabbè.]

Moon2020
Sigma 50-500mm, focale a 500mm con Kenko 1,4x, ISO100, f/11, 1/15s

E insomma, non viaggio (ancora), non dormo, faccio poche cose. Così (di notte) studio quel che davvero mi piace, che è poi quel che avrei dovuto continuare a fare trent'anni fa, e vabbè. Meglio tardi che mai.
La cosa più interessante è che studio ciò su cui trent'anni fa, per l'appunto, ho fatto la tesi di laurea e su cui ho poi lavorato per ben cinque anni. Vedi la vita, a volte.

Guardo per aria, mi preparo, faccio prove.
Ho imparato la Luna, o almeno un po'.
Sono riuscito a fotografare (male) il transito solare della ISS, di cui ho brevemente raccontato qualche settimana fa.
Da qualche giorno sto tentando coi fulmini, ma i temporali di questi giorni han fatto solo un gran baccano e al massimo qualche bagliore diffuso in mezzo alle nuvole, e invece avrei bisogno di qualche bella scarica ramificata. Comunque tengo la macchina pronta, fissa sul treppiede davanti alla finestra di camera. In questo caso peraltro il filtro ND64, e forse anche l'ND1000, servono sì, ma quelli di diametro 77mm, che mi sono costati molto meno.
In agenda ho la cometa Neowise. Qualche chance ce l'ho: dovrebbe essere ben visibile dalla mia terrazza e starà in cielo ancora un po' di giorni. Ovviamente stasera è nuvolo a nord - nord ovest, dove si trova lei, e perfettamente limpido altrove.
Nel frattempo sto approfondendo le tecniche per l'astrofotografia. Studio parecchio e mi attrezzo di conseguenza comprando un sacco di cianfrusaglie e spendendo soldi per roba che potrei usare una sola volta in vita mia, o anche mai. Ad esempio, stasera ho comprato un inutile intervallometro, inutile perché tutto sommato ho già un telecomando e potevo benissimo usare quello, e ho messo nel carrello una maschera di Bahtinov.
Secondo me, quando ci si imbatte (prima) nell'esistenza della maschera di Bahtinov e (dopo) si decide pure di comprarla, ecco, quello è il momento in cui ci vorrebbe qualcuno al fianco che ti ama davvero, ti accarezza la testa, ti chiude il computer e ti prepara una tisana calda.
Poi ho iniziato a preparare i bias frame e i flat frame. Ho capito che i dark frame devo scattarli solo poco prima dei light.
Quando (a cinquantacinque anni) ci si imbatte (prima) nei bias frame e nei flat frame, e (poi) si decide pure di passare una serata a scattare quattrocento foto per prepararli, ecco, quello è il momento in cui si capisce che drogarsi seriamente a vent'anni avrebbe probabilmente fatto male, ma forse avrebbe aperto a una vita più frizzante.

Siccome non sono certo che userò mai davvero i miei bias frame (né che persevererò in questa faccenda), ne metto qui uno, così, perché è comunque bello.
Se sapete cosa sono i bias frame, sì, ho ovviamente alterato l'originale con Adobe Camera Raw portando esposizione e luce al massimo.

Bias
"Bias frame" estratto dalla Canon 80D

Infine ho scaricato sul cellulare anche una app per l'osservazione del cielo, una che localizza temporali e fulmini in tempo reale, un orologio atomico, una per l'analisi dell'inquinamento luminoso, una per il calcolo dell'NPF, una per il calcolo dei transiti astronomici e infine quella già citata per il calcolo dell'orbita lunare. Sul Mac invece mi sono installato un paio di app per lo stacking fotografico massivo.
Intervallometro, maschera di Bahtinov, bias e flat frame, app, eccetera, farebbero parte accessoria del programma in pista per il prossimo mese.
Si suppone che la Luna sia solo un esercizio e che questo post sia la prima puntata di una storia che continua.
Che davvero mi ci metta, è tutto da vedere.
TAG: Luna, astrofotografia, fotografia, Canon
11.21 del 13 Luglio 2020 | Commenti (0) 
   
07 Farsi un regalo. Anzi, due. [Parte 3/3: il "Bigma"]
GIU Fotografia
[Le prime due puntate di questa trilogia di post sono qui e qui.]

Ho impiegato del tempo a scrivere quest'ultima parte: alla luce dei primi scatti col Bigma, col dubbio di aver pagato un'autoradio ed essermi ritrovato con un mattone nella scatola, mi son messo a studiare e ad approfondire un po' di tecnica fotografica per capire perché mi venissero foto orribili, sovraesposte e terribilmente sfuocate. A conti fatti, è stato un po' come essere abituati a guidare un'utilitaria, salire per la prima volta su una fuoriserie e non riuscire nemmeno a partire perché ogni volta che molli la frizione ti si spegne il motore.

Il Sigma 50-500mm non è un obiettivo "turistico": è una lente importante, difficile da usare per un dilettante, perlomeno per me, che faccio foto un po' come se usassi sempre una compattina automatica e che fino ad oggi avevo usato solo ottiche amatoriali, salvo alcune eccezioni con focali molto più corte e maneggevoli.
Innanzitutto il Bigma fa onore al suo appellativo e pesa davvero tanto, soprattutto a confronto con i classici obiettivi da viaggio come il mio vecchio Canon 70-300mm, rispetto al quale pesa ben il triplo.
A mano libera affatica le braccia quasi subito ed è praticamente ingestibile, a meno di scatti in piena luce e con ISO elevati. E del resto è intuitivamente facile da capire: a 500mm si dovrebbe scattare almeno a 1/500, ma considerato che a quella distanza focale l'apertura massima del Bigma è f/6.3 bisogna per forza portare gli ISO come minimo a 400.
In verità è talmente faticoso da tenere in mano che volendo scattare a focali oltre i 300mm gli ISO 800 diventano pressoché indispensabili, soprattutto se il cielo è anche solo un po' nuvoloso, e a ISO 1200 si inizia a respirare. Non fosse che a quel punto si inizia anche a salutare la nitidezza delle immagini.
Insomma, senza un punto d'appoggio, un compromesso decente fra ISO, apertura e velocità di esposizione diventa dunque abbastanza complicato da trovare, già a distanze focali non estreme. In questo senso il classico ed economico Canon 70-300mm è tutta un'altra vita, non fosse altro perché ai 300mm è luminoso il doppio e pesa (e costa) un terzo.

La collocazione naturale del Bigma è dunque sul treppiede e in effetti ho ben dovuto acquistarne uno nuovo (*) per usarlo, perché quello vecchio non reggeva il peso: alla fine è pur sempre come prendere due bottiglie di acqua da (più di) un litro e mezzo e tenerle fra le mani fingendo che siano una macchina fotografica. Non so voi, ma io dopo cinque minuti ho i bicipiti affaticati e di certo non riesco a tenerle immobili.

La prima osservazione è che alla massima distanza focale, puntando l'obiettivo verso l'alto, proprio a causa del peso lo zoom tende a rientrare scivolando all'indietro e non è possibile bloccarlo. Un inconveniente non proprio irrilevante, ad esempio volendo fotografare la Luna. Scopro così perché alcuni zoom professionali hanno il blocco del cilindro non solo alla focale più corta, ma anche a quella più estesa.
La seconda osservazione, dunque, è che il Sigma 50-500mm non è proprio un obiettivo che semplicemente monti sulla reflex, scatti e via.
La terza è che non è vero che sei hai uno zoom da 500mm e gli agganci un moltiplicatore 1,4x ti ritrovi con uno zoom da 700mm che semplicemente monti sulla reflex, scatti e via. Quel che vien fuori è una schifezza inimmaginabile che nemmeno sto a dire.
Fra l'altro, probabilmente non riesci nemmeno a scattare, perché a quella distanza focale, con tutto quell'accrocchio da tre chili e passa montato sulla povera Canon, l'autofocus va completamente nel pallone ed è solo a quel punto che ti ricordi di una qualche nota in piccolo che forse avevi letto tempo fa sul foglietto di istruzioni del Kenko 1,4x, o forse fra le seimila pagine del manuale della 80D, o chissà dove altro: il moltiplicatore non trasmette tutti gli automatismi dei tele zoom oltre una certa apertura minima, e peraltro la già ridotta apertura del Bigma va - appunto - moltiplicata per il valore di ingrandimento del Kenko.
Insomma: ai 700mm ciao proprio, altroché. Perlomeno all'autofocus e in buona parte anche all'affidabilità delle letture dell'esposimetro.

Altra cose che ho imparato: col Bigma (a maggior ragione col moltiplicatore 1,4x innestato), è meglio disattivare le correzioni automatiche dell'obiettivo nelle impostazioni della macchina fotografica, come nel caso del Tamron provato la scorsa settimana.
Sebbene la Canon 80D riconosca l'ottica 50-500mm, sembra non avere in memoria i dati del Sigma e certamente si perde completamente una volta montato anche il Kenko.
Vanno dunque disattivati gli automatismi di riconoscimento della lente, che peraltro - scattando in raw - possono essere ripresi poi in ACR, che ha invece nel proprio database il profilo corretto dell'obiettivo.
E qui anticipo il primo vero riscontro del Sigma: non ho notato alcuna aberrazione cromatica, a nessuna distanza focale. Nemmeno andando a caccia di dettagli. Accidenti!
Infine, qualche dubbio su quel che avevo imparato in precedenza, ovvero sull'opportunità di disattivare lo stabilizzatore con la macchina montata sul cavalletto: a 500mm basta una minima bava di vento per osservare nel mirino una vibrazione significativa dell'apparecchiatura. Forse dovrei fare qualche scatto in più per mettere a confronto i risultati.

Comunque, per iniziare a far sul serio: col Bigma si possono ad esempio fare cose così:

Bigma301
500mm, ISO 400, f/11, t1/6, filtro ND64
Bigma302
Transito della ISS davanti al Sole (500mm, ISO 1250, f/6.3, t1/2000)

La foto del transito solare della ISS merita una breve storia a sé. Tanto che c'ero, i giorni scorsi avevo messo nel carrello di Amazon un filtro solare, non sapendo bene che farmene in realtà, a parte andare il 21 giugno in Etiopia a vedere l'eclissi anulare o aspettare quella prevista nel 2027 in Italia, per la quale però non c'è tutta 'sta fretta.
Poi mi sono imbattuto per caso in alcune foto del transito di Venere davanti al Sole e da lì a studiare la questione dei transiti astronomici è stato un attimo. È così che ho scoperto come calcolare i transiti della ISS davanti al Sole e alla Luna in funzione del punto di osservazione e, soprattutto, come imparare a fotografarli, considerato che sono eventi che durano solo pochi decimi di secondo, che è necessario trovarsi nella posizione geografica precisa e ovviamente centrare l'istante esatto, meglio servendosi di un orologio atomico.
Insomma, lascio a voi due affezionati lettori googlare tutti i dettagli tecnici del caso, ma sappiate che quel modestissimo, sfuocato e pur incredibilmente riuscito primo tentativo mi è costato ore di studio e preparazione e mi ha fatto felice come un bambino. Da oggi non solo so cosa farmene di un filtro solare, ma soprattutto ho un nuovo hobby: andare a caccia dei transiti della ISS e fotografarli decisamente meglio di quanto non sia riuscito col mio primo maldestro tentativo.

Torniamo dunque al nostro Bigma. Per dare l'idea del fattore di ingrandimento, qui sotto ho messo a confronto alcune fotografie scattate lungo tutta l'escursione dello zoom, ai suoi estremi e alle tipiche focali intermedie: 50mm, 75mm, 200mm, 300mm e 500mm. Le fotografie scattate a 700mm sono ottenute innestando anche il moltiplicatore Kenko Pro 300 1,4x.
Ad ogni distanza focale ho fatto due scatti, uno a f/8 e uno a f/11. Dopo qualche prova, confermo che sono le due aperture che garantiscono la migliore nitidezza, come avevo letto in giro: al di sotto di f/8 le foto sono sempre leggermente sfuocate, sopra f/11 bisogna alzare molto gli ISO e i risultati sono comunque inferiori.
Va inoltre ricordato che il sensore APS-C della Canon 80D introduce un ulteriore fattore di ingrandimento pari a 1,6x. A 500mm è quindi come scattare con un obiettivo di 800mm usando un sensore full frame, e col moltiplicatore 1,4x si arriva a una focale equivalente di ben 1120mm. Ovviamente montando il Kenko si perde molto in nitidezza e soprattutto in luminosità, perché l'apertura massima possibile, col Sigma a 500mm, diventa f/9. Senza un treppiede è praticamente inutilizzabile.

Bigma303
50mm
Bigma304
75mm
Bigma305
200mm
Bigma306
300mm
Bigma307
500mm
Bigma308
700mm (500mm + moltiplicatore Kenko Pro 300 1,4x)

Qui di seguito trovate i link a tutte le singole immagini originali in formato jpg, sviluppate dai rispettivi file raw applicando solo la correzione automatica di luminosità e contrasto in Adobe Camera Raw. Non ho applicato né la correzione dell'aberrazione cromatica, pressoché assente, né il profilo dell'obiettivo, che avevo disattivato anche dalle impostazioni della Canon 80D.

- 50mm: f/8, f/11.
- 75mm: f/8, f/11.
- 200mm: f/8, f/11.
- 300mm: f/8, f/11.
- 500mm: f/8, f/11.
- 700mm: f/8, f/11.

Via via che la distanza focale aumenta la fotografia scattata a f/8 è migliore e più nitida di quella scattata a f/11, fino ad arrivare a 500mm dove la differenza è decisamente netta, soprattutto nelle immagini raw originali. Alla massima estensione dunque il Sigma dà senza dubbio il meglio di sé ad f/8 e la nitidezza è davvero molto buona. Montando il moltiplicatore Kenko però l'effetto è invertito e il diaframma ad f/11 dà un risultato nettamente migliore rispetto ad f/8 (nota: mentre scrivo mi rendo conto che in effetti, come detto in precedenza, l'apertura massima consentita in questo caso sarebbe f/9, quindi ho forzato il limite senza rendermene conto. In più non mi sono accorto che a differenza dei casi precedenti ho scattato a ISO 100, fortunatamente favorito dal treppiede).
Come già osservato in precedenza, in nessuno scatto è inoltre visibile aberrazione cromatica: rispetto alle foto fatte un po' di giorni fa col Tamron è proprio un altro pianeta.

Metto quindi a confronto il fedele Canon EF 70-300mm f/4-5.6 IS USM con il Sigma 50-500mm f/4.5-6.3 DG APO OS HSM.
A 70mm il Sigma risulta decisamente più nitido del Canon, ma va detto che le foto col Canon sono scattate a mano libera, perché non avevo voglia di tirar giù il Bigma dal treppiede. Scatto però a 1/160, sto usando una lunghezza focale normale, c'è il sole e il 70-300mm è sufficientemente leggero da non aver bisogno di punti di appoggio in queste condizioni: non credo dunque che la differenza di nitidezza sia dovuta a questo fattore.
Ingrandendo le immagini al 300% il confronto è ancora più evidente.

Bigma309
70mm, ingrandimento 100%
Bigma310
70mm, ingrandimento 300%

Ancor più sorprendente è il risultato a 300mm, la massima distanza focale del Canon, alla quale peraltro è più luminoso del Sigma (f/5.6 contro f/6.3): il Sigma rende decisamente meglio e l'immagine è molto più nitida.
Potrei sempre imputare la differenza al fatto che gli scatti col Canon sono fatti a mano libera, ma osservo anche che le foto fatte col 70-300mm hanno una lieve aberrazione cromatica rispetto a quelle, perfette, fatte col 50-500mm.

Insomma, il Bigma è davvero un obiettivo eccellente, non fosse per il peso e le dimensioni che lo rendono pressoché inutilizzabile nelle situazioni tipiche in cui porto il Canon con me. Immagino di doverlo usare durante un Safari, a bordo di un fuoristrada in movimento, per catturare al volo immagini di mammiferi in corsa nella savana, oppure su un gommone oceanico all'inseguimento delle balene, come alle Azzorre: semplicemente improponibile.

Bigma312
300mm, ingrandimento 100%
Bigma313
300mm, ingrandimento 100%

Nota: i file raw originali di questi ultimi due scatti utilizzati per il confronto alla distanza focale di 300mm sono disponibili qui (Sigma 50-500mm) e qui (Canon 70-300mm).

Insomma, il Bigma è un grande acquisto, ma è chiaro che potrò portarlo con me solo in alcune circostanze, ad esempio durante i viaggi in auto e certamente non in aereo, considerati il peso e l'ingombro, e solo per far foto in circostanze particolari, sempre col treppiede (o almeno il monopiede) a disposizione. Magari situazioni come le vacanze in tenda nel parco del Gran Paradiso, o quando vado all'Elba, o ancora per qualche bella foto astronomica. E naturalmente per l'eclissi del 2027.
Diciamo comunque che trattandosi di un regalo consolatorio il suo lavoro lo ha già fatto egregiamente.

Un'ultima nota a riguardo del mio buon Canon EF 70-300mm. Questi giorni, in un ultimo lampo di follia, avevo quasi pensato di cambiarlo con l'equivalente "bianchino", il Canon EF 70-300mm f/4-5.6 L IS USM, o perlomeno col più nuovo ed ergonomico EF 70-300mm f/4-5.6 DO IS USM che usa l'elemento di diffrazione ottica.
Il bianchino costa una fucilata, ma francamente da quel che ho letto in giro non vale la pena spendere tutti quei soldi per una lente che, alla fine, ha la stessa luminosità del mio, per quanto la qualità costruttiva e dello stabilizzatore possano sicuramente essere migliori.
La caratteristica principale per la quale spendere in una buona ottica, almeno per me, sta soprattutto nella luminosità. Se proprio avessi quei soldi da buttare preferirei allora investirli in un "bianchino" serio, magari con la focale più corta, ma che mi permetta di guadagnare due o tre stop di luminosità, il vero tallone d'achille degli zoom come i miei.
Per quanto riguarda il modello a diffrazione ottica, invece, tutto sommato un pensierino lo farei: sebbene abbia la stessa luminosità del mio, è molto più piccolo e meno ingombrante, pur pesando qualche etto in più, e ha una resa qualitativa migliore (sulla carta) e tecnologia più nuova.
Sul mercato usato si trova a qualche centinaio di euro: non fosse che effettivamente non mi servirà a breve, che quest'anno non farò altri viaggi e che ho appena comprato il Tamron e il Sigma, farei l'investimento quasi certamente. Diciamo che lo metto nella lista dei prossimi acquisti.

(*) A proposito del nuovo treppiede: acquisto ottimo, rapporto qualità prezzo eccellente. Una volta tanto soldi spesi davvero bene. Ho preso questo.
TAG: Canon, Bigma, Sigma, Fotografia
17.53 del 07 Giugno 2020 | Commenti (0) 
   
25 Farsi un regalo. Anzi, due. [Parte 2/3: prova del Tamron]
MAG Fotografia
Fatta la cazzata, non resta che verificare quanto è grande. E quindi, prima prova in strada col Tamron 16-300mm Di II VC bla bla bla, nell'attesa che mi arrivino un paio di accessori utili a corredo del Bigma (ché si sa, una volta crollata la diga della resistenza all'acquisto compulsivo, la parte più difficile è poi arrestare lo tsunami conseguente).
Nota: per quei quattro due affezionati lettori a cui interessano (?) davvero queste logorroiche ed estemporanee derive nerd, la prima puntata è qui.

Dunque, confronto iniziale fra il Tamron 16-300mm e il fedele Canon 70-300mm che fino ad oggi ha fatto un buon lavoro, pur nelle mani di un incapace come me, e al quale devo alcune belle foto come ad esempio quelle dei delfini e delle balene alle Azzorre dello scorso agosto, o quelle alla Luna di un paio di settimane fa.
Alla massima lunghezza focale il Tamron è meno luminoso, con un'apertura massima di f/6.3 contro f/5.6, ma leggo che la miglior resa per entrambe le ottiche sta fra f/8 ed f/11 e mi regolo di conseguenza.
È una bella giornata, così faccio tutte le prove a mano libera, senza cavalletto. Mentre scatto con il Canon passa una nuvola davanti al sole e le foto risultano dunque leggermente meno contrastate di quelle fatte col Tamron, ma per la mia verifica poco importa.
La prima osservazione, abbastanza strana, è che a 300mm le lenti si comportano in modo decisamente differente: l'ingrandimento dello zoom Canon è visibilmente maggiore del Tamron. Mi chiedo se sia una cosa che accade normalmente fra ottiche di marca differente a pari lunghezza nominale, ma non ho voglia di mettermi a far prove tirando fuori anche il vecchio Sigma 28-300.
Segno il punto e fine lì, anche se il minor ingrandimento del Tamron, tant'è, un po' mi scoccia, per quanto irrilevante alla fine sia, e mi rimane la curiosità di sapere quale dei due sia il più preciso in rapporto alla lunghezza dichiarata.
Nelle due immagini seguenti il fenomeno è chiaramente evidente, soprattutto nella seconda.

Bigma04
1: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 300mm
Bigma05
2: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 300mm

Se volete fare qualche prova con Adobe Camera Raw, potete scaricare i file raw originali delle due foto a confronto qui (Tamron 16-300) e qui (Canon 70-300).
A parte la differenza di ingrandimento, a 300mm in prima battuta il Canon sembra essere meno nitido, soprattutto guardando il secondo accostamento, ma le prove successive dimostrano esattamente il contrario. Probabilmente nel secondo confronto il camino fotografato con la lente Canon (immagine a destra) è un filo sfocato per via della mano meno ferma e di una luce più velata al momento dello scatto rispetto a qualche minuto prima quando ho fatto la foto col Tamron.
Il confronto successivo (immagine n.3) è infatti è abbastanza impietoso e in questo esempio la foto fatta col Canon, ingrandita al 100%, a pari ISO, diaframma e tempo di esposizione, è assai più definita di quella scattata col Tamron, nonostante in quest'ulltimo caso lo scatto sia stato fatto in condizioni migliori di luminosità.
Le immagini sono state rielaborate in Adobe Camera Raw e ricontrastate. In quella fatta col Tamron ho provato anche a correggere la nitidezza, ma non è stato comunque possibile eguagliare quella nativa della foto fatta col Canon.

Bigma06
3: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 300mm
Bigma07
4: Tamron alla focale 300mm (jpg rielaborato da raw+ACR)
Bigma08
5: Canon alla focale 300mm (jpg rielaborato da raw+ACR)

Potete scaricare qui il file raw originale della foto numero 4 (Tamron 16-300) e qui quello della numero 5 (Canon 70-300).
Confrontando le immagini raw si nota che la distorsione prospettica introdotta dal Tamron è lievemente maggiore di quella del Canon, ma finché si fotografano paesaggi anche questa differenza è tutto sommato irrilevante. Il database dell'attuale versione di ACR ha comunque i profili di entrambi gli obiettivi e dunque la correzione automatica delle immagini ristabilisce facilmente la giusta prospettiva con un semplice click.
Lipperlì, a prima vista, non mi sembra di vedere nemmeno particolari effetti di aberrazione cromatica, né nelle foto fatte col Tamron, né in quelle scattate col Canon. Continua solo a infastidirmi il differente ingrandimento.

Bigma09
6: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 300mm

Ingrandendo le immagini al 100% sul monitor del computer e andando a caccia di dettagli, nitidezza a parte, alcune differenze a livello di aberrazione invece compaiono, tuttavia ancora poco significative. Anche in questo esempio il Canon si rivela migliore, ma come nel caso della distorsione l'applicazione in ACR del profilo di correzione sistema automaticamente lo scatto del Tamron, rendendo la differenza fra le immagini pressoché impercettibile, almeno a questo livello di ingrandimento.
Aumentando ulteriormente al 300% si nota come in realtà l'aberrazione cromatica introdotta dal Tamron sia piuttosto significativa, mentre nell'immagine scattata con il Canon sia abbastanza irrilevante. A questo fattore di zoom si vede però anche che la correzione automatica in ACR sistema l'immagine del Tamron quasi perfettamente.
In termini di nitidezza osservo invece che nell'immagine scattata con il Canon le mollette sono assai meglio definite, ma per contro il tubo di alluminio dello stendibiancheria appare molto più sfocato. Pareggio dunque, almeno a questo giro.

Bigma10
7: Confronto aberrazione cromatica fra Tamron 16-300 e Canon 70-300
Bigma11
8: Confronto aberrazione cromatica fra Tamron 16-300 e Canon 70-300

La maggiore aberrazione cromatica del Tamron è comunque via via più evidente facendo qualche altra prova e ingrandendo le immagini. In certi casi, ad esempio nel confronto dell'immagine n.10, la differenza di qualità fra le due lenti è parecchio significativa. Di nuovo, selezionando il corrispondente profilo dell'obiettivo, la correzione automatica fatta in post-produzione con ACR sistema le cose.

Bigma12
9: Confronto aberrazione cromatica fra Tamron 16-300 e Canon 70-300
Bigma13
10: Confronto aberrazione cromatica fra Tamron 16-300 e Canon 70-300

Insomma, in prima istanza si può convivere in pace con la minor qualità del Tamron, ma va detto che queste sono normali fotografie di paesaggi scattate in pieno giorno e con luce normale. Fino ad ora, più che l'aberrazione cromatica e la differenza di ingrandimento alla massima focale, a preoccuparmi un po' è la scarsa nitidezza del mio nuovo 16-300mm.

Faccio qualche confronto alla focale di 70mm, che per il Canon è la lunghezza minima. La scala del Tamron non è molto precisa e dunque regolo la lente un po' a spanne. I dati EXIF mi diranno poi che ho scattato a 73mm.
Già ingrandendo le foto al 100% e affiancandole è abbastanza netta la maggior nitidezza dell'obiettivo Canon e in generale un contrasto e una resa cromatica migliori. Mi accorgo però che in questo caso ho scattato con diaframmi differenti, f/11 col Tamron ed f/8 con il Canon: può essere che parte della differenza sia dovuta ai diversi parametri di scatto, ma comunque la foto di destra è decisamente migliore.
L'ottima definizione del Canon è chiaramente visibile mettendo a confronto le scritte sulla parabola.

Bigma14
11: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 70mm

Ingrandendo le immagini al 300% e andando a caccia di dettagli, le differenze in favore del Canon sono riscontrabili a maggior ragione. In particolare il Tamron è anche più rumoroso, come è possibile osservare chiaramente nello striscione dell'immagine numero 12.

Bigma15
12: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 70mm
Bigma16
13: Tamron 16-300 e Canon 70-300 a confronto alla focale 70mm

Anche in questo caso potete scaricare i file raw originali delle due foto a confronto qui (Tamron 16-300) e qui (Canon 70-300).
A conti fatti, diciamo che dovendo scegliere fra le due ottiche non partirei col Tamron per un safari, ma è tuttavia vero che non è per questo che l'ho comprato. Sarei anche curioso di metterlo a confronto col Sigma 28-300mm, paragone peraltro che sarebbe forse più appropriato, ma un po' non ho voglia di mettermi lì a fare tutte le prove, un po' forse non voglio nemmeno sapere quanta differenza ci sia in realtà.
Il mio scopo era avere un'unica lente da abbinare alla reflex, ad ampia escursione focale, che mi coprisse la maggior parte delle esigenze di viaggio, ovvero di seguirmi in tutte quelle occasioni in cui da una parte è un peccato partire col solo cellulare, ma d'altro canto non ho voglia/spazio/necessità specifiche per portarmi dietro la macchina fotografica con due ottiche e tutto il relativo peso e ambaradan.

La scelta era dunque fra spendere i circa millecinquecento euro necessari per acquistare la Sony RX10 IV o investire un terzo per il Tamron. Certo: la Sony è una full frame con obiettivo 24-600mm f/2.8, una lente davvero eccezionale, probabilmente la migliore in assoluto nella sua categoria, nonché la prima ragione per cui puntavo all'acquisto; la mia soluzione di compromesso è un equivalente 26-480mm (calcolato rapportando il 16-300mm al fattore 1,6 del sensore APS-C Canon) f/3.5-6.3. Parliamo dunque di pianeti decisamente diversi, ma la differenza di spesa giustifica anche la differenza di qualità e la qualità minore dell'abbinamento reflex + Tamron è (per me) accettabile nei contesti in cui penso di usarlo.

Alla fine quel delta prezzo risparmiato è andato dentro il Sigma 50-500mm e di questo parliamo al prossimo giro. Devo aspettare che mi arrivi il nuovo treppiede, perché quello che ho a disposizione non regge il peso del Bigma + Canon 80D e far le prove a mano libera col Bigma richiede un allenamento fisico specifico focalizzato su bicipiti e pettorali.
TAG: Tamron, Canon, Bigma, Sigma, Fotografia
20.24 del 25 Maggio 2020 | Commenti (0) 
   
23 Farsi un regalo. Anzi, due. [Parte 1/3]
MAG Fotografia
E niente. Il Covid, la mia vita in viaggio azzerata a tempo indeterminato, il lockdown, il nulla dietro, il vuoto davanti.
Condizioni ideali per la tempesta perfetta, il crollo della diga. Lo shopping compulsivo in rete come risposta all'isolamento coatto, in alternativa a una terapia post traumatica alla quale tanto mai accederemo davvero. Il pulsante che per mesi non hai osato schiacciare. Il carrello, ogni volta riempito e regolarmente, saggiamente, irrimediabilmente svuotato un attimo prima di far danni.
Quell'acquisto innegabilmente inutile, al quale sei riuscito fino ad oggi a rinunciare con perseveranza e senso di responsabilità.

Alla fine, settantacinque giorni fan settantacinque serate di zero, l'iPad a cena con te e internet sempre lì, inesorabile come il pusher in attesa sotto al lampione, con le sue vetrine, le schede tecniche, gli unboxing, le recensioni su YouTube che scavano e scavano e scavano, goccia dopo goccia, serata dopo serata.
C'è sempre quell'idea che mi gira in testa da tempo, mai sopita, di alleggerirmi, abbandonare una volta per tutte la reflex e il circo di ferraglia che tocca sempre trasportare, proposito al quale non ho mai davvero rinunciato e di cui avevo già scritto qui un anno fa a luglio, prima di partire per le Azzorre. C'è ancora quella Sony DSC RX10 IV che costa sempre un patrimonio, rimasta dove l’avevo lasciata allora, nel carrello di Amazon, a un passo dall'acquisto, abbandonato sul filo di lana in favore di un più ragionevole (ed economico) (e già abbastanza inutile) aggiornamento della mia Canon. Ci avevo rinunciato anche in Giappone, a gennaio, di nuovo a un pelo dallo strisciare la carta di credito, fermandomi solo all'ultimo istante davanti alla cassa di quel negozio a Tokyo, mentre ormai tenevo la scatola fra le mani.

Comunque no. Non l'ho comprata nemmeno a 'sto giro la Sony.
Non l'ho fatto e questo non è dunque un post sull'inutile e compulsivo acquisto della RX10 IV e sulla rivoluzione copernicana.
Ci ho definitivamente ripensato e ho svuotato il carrello: non abbandonerò la reflex per viaggiare con una bridge, nemmeno per la migliore bridge sul mercato.
Alla fine mi son detto, una volta per tutte, è una cazzata dài. Costa una fucilata, hai appena comprato l'ennesimo corpo macchina e nemmeno puoi viaggiare. Suvvia, accidenti. Vediamo di essere adulti per una volta.
Solo che non è finita lì. È iniziata una nuova storia e l'età adulta temo debba aspettare ancora parecchio.

Lipperlì, per gratificarmi giustamente della decisione responsabile, mi si è subdolamente insinuata in testa una nuova idea assurda: spendere la metà rispetto alla Sony e cambiare di nuovo il corpo Canon, passando dalla 80D acquistata a luglio 2019 alla nuova 90D, uscita da poco. Ma a nemmeno dieci mesi dall'aggiornamento precedente, dopo aver usato la 80D solo alle Azzorre e in New Mexico (con ottimi risultati), e avendo peraltro tuttora nel cassetto la 60D del 2014, mi è sembrata effettivamente ancor più una cazzata inaccettabile, perfino come terapia consolatoria anti-Covid.
Così ho riflettuto un po' e mi sono chiesto in cosa avrei potuto invece buttar via soldi investire con una certa sensatezza, puntando allo stesso obiettivo che mi ero proposto con l’idea originaria di passare a una bridge: viaggiare leggero senza arrendermi al cellulare e rinunciare a far davvero fotografie; liberarmi degli obiettivi nello zaino, dei chili supplementari, della noia del dover cambiare continuamente lente, mettere lo zoom, togliere lo zoom, mettere lo zoom, togliere lo zoom, la borsa sempre piena di roba, l'irritante attenzione continua nel passare da una lente all'altra in mezzo alla sabbia, sotto la pioggia, con le mani occupate, l'ottica sempre sbagliata al momento sbagliato.

Ho fatto un po' il punto sulla mia situazione attuale. Alle Azzorre avevo portato i due fidi obiettivi Canon stabilizzati, l'ottimo 17-55mm f/2.8 (che continua ad essere il mio preferito) e il buon 70-300mm f/4-5.6, che però messi insieme fanno un chilo e mezzo di roba. In New Mexico avevo scelto di viaggiare più leggero, contando sulla luce del deserto, e avevo portato il vecchio ed economico Sigma 28-300mm e il discreto Sigma 17-70mm, che complessivamente fan poco più di un chilo insieme. Il minimo sindacale insomma per tirar fuori delle buone foto e ricordarsi ogni tanto che il cellulare no, fa un altro mestiere: telefona.
Però, ancora, la rottura, la noia.
Così queste settimane mi sono rimesso a studiare, complici il Covid, la clausura, il trauma, eccetera. Cosa di meglio che comprare attrezzatura fotografica esattamente nel mezzo di una pandemia mondiale che potenzialmente potrebbe non consentire più di viaggiare per anni.
Dove buttar soldi più inutilmente, perfettamente in linea con la patologia da stress traumatico, se non in qualcosa di totalmente superfluo e inutilizzabile perlomeno per un tempo indeterminato a venire, così insensato da rischiare pure di essere obsoleto nel momento in cui, in un futuro più o meno prossimo, quel qualcosa potrebbe uscire dalla confezione per essere finalmente usato.

È stato nel corso di questa caccia a un'effimera soddisfazione del mio io ferito che mi sono imbattuto nel Tamron 16-300mm Di II VC PZD Macro, uno zoom stabilizzato con un'escursione davvero notevole per il segmento a cui appartiene: poco più di sei etti di peso e un prezzo assai contenuto considerate le caratteristiche.
Qualche perplessità me la davano proprio il prezzo e il fatto che non sia un granché luminoso. Nessun dubbio però che potesse certamente sostituire da solo le due ottiche Sigma economiche di cui sopra e, a meno di safari in Ruanda, o caccia alle orche in Antartide, anche l’accoppiata delle lenti Canon, pur sacrificando qualcosa in qualità delle immagini, ma regalandomi per contro qualche grado in più di apertura grandangolare che coi sensori APS-C non è mai abbastanza.
Esattamente il mio obiettivo dunque: un'unica lente adatta a tutte le situazioni, che possa seguirmi pressoché ovunque, consentendomi di viaggiare leggero come se avessi una bridge, ma con tutti i vantaggi della reflex e di una flessibilità focale davvero ottima.

Così, un po' di serate trascorse a leggere recensioni, giusto per convincermi, ché comunque fan pur sempre alcune centinaia di euro; una invitante offerta su Amazon scontata del 30%, apparsa quasi per magia proprio al momento (meno) opportuno, ed ecco dunque il Tamron in attesa nel carrello, come si conviene di regola prima di ogni acquisto compulsivo.
Poi, una saggia notte a dormirci sopra, ché l'idea dell'inutile cazzata, tant'è, circola in testa.
Infine la sveglia, il carrello riaperto davanti alla colazione, la sorpresa di scoprire che nella notte il prezzo è sceso di un altro 5%.
È evidentemente un segno che a quel punto non posso più ignorare.
Pigio il bottone di riflesso mentre giro lo zucchero nel caffè e il primo Tamron della mia vita è sulla via di casa: è un brand che avevo onestamente sempre un po' snobbato, ma negli ultimi giorni ne ho letto invece molto bene (o forse volevo solo convincermi).

Bigma01
Tamron 16-300mm f/3.5-6.3 Di II VC PZD Macro

A questo punto avrei potuto godermi l'effetto terapeutico perlomeno fino alla prossima quarantena, direte voi, o miei quattro affezionati lettori, evitando di farmi travolgere dall'immediato e frustrante senso di insoddisfazione e colpevolezza, come il più classico dei tossici a rota un istante dopo essersi sparati in vena la dose quotidiana.
E invece.
Cosa di meglio che curare il medesimo senso di insoddisfazione e colpevolezza, eccetera, lasciando nuovamente cadere l'occhio su internet senza nemmeno il tempo che Bartolini abbia citofonato recando il conforto della prima dose.

Navigo sui miei siti di riferimento che trattano di fotografia professionale. In testa ho quella Luna piena fotografata l'altra sera, che non mi ha proprio proprio del tutto soddisfatto.
È che dovrei sempre ricordarmi di disattivare lo stabilizzatore quando ho la macchina sul cavalletto.
E non eccedere con la chiusura del diaframma quando uso il 70-300, attestandomi su un f/8, al massimo f/11.
E poi mi ci vorrebbe un bel filtro neutro potente.
Certo, altra cosa sarebbe avere un vero telezoom pro, di quelli belli pesanti, con un'escursione davvero estrema: altro che il mio pur volenteroso 70-300, che anche moltiplicato dal sensore APS-C e dall’anello 1,4x rimane comunque sempre una soluzione amatoriale di compromesso; oppure un "bianchino", epperò i bianchini non hanno delle focali lunghissime.
Non sono aggiornatissimo sul mercato, è una vita che non guardo più a 'ste cose, da quando mi son fissato con la storia della bridge e dello star leggero, ma a questo punto alla bridge ho rinunciato, e quindi un’occhiata in giro potrei anche darla; al problema peso penserò caso mai poi, ché intanto l’ho comunque risolto col Tamron appena acquistato.
Così, solo per guardare, giusto un attimo...

Scopro che Sigma ha in catalogo un esagerato 60-600mm, che però è enorme e costa una fucilata, anche usato e anche se tutto sommato su eBay alcune offerte non hanno prezzi proprio così inavvicinabili (oddio...). È pur vero che in fondo quest'anno non andrò nemmeno in vacanza e dunque non spenderò altri soldi (ma se non vado in vacanza perché accidenti spendere in attrezzatura fotografica? Ok, vabbè, andiamo oltre...).
Approfondendo la questione mi accorgo che il Sigma 60-600, una vera bestia le cui recensioni dicono peraltro meraviglie, pesa ben due chili e settecento grammi.
Due chili e settecento grammi. Fan tre chili e mezzo circa con la macchina fotografica, il filtro, il paraluce, ecc.
Prendo due bottiglie di minerale in mano e provo ad immaginare che siano una macchina fotografica.
Il Sigma 60-600mm, i suoi 2700 grammi, i suoi 120mm di diametro per 300mm di lunghezza (da compresso) e i suoi quasi duemila euro, anche usato, ritornano nella lista delle cose davvero inutili. Perlomeno del tutto ingestibili.
Sembra quindi finalmente finita lì.
Ma purtroppo mi cade l'occhio sulla riga sottostante del catalogo.

Il Sigma 50-500mm DG APO OS HSM è il modello precedente, il fratellino minore. È più vecchio di qualche anno, ma l’ultimo aggiornamento sembra avere uno stabilizzatore ottico eccellente e molte recensioni ne parlano addirittura meglio rispetto al più recente 60-600mm.
È innanzitutto un po' più "piccolo" e maneggevole (finché uno non lo vede dal vivo...), e pesa mezzo chilo in meno. Non che quasi due chili e due siano uno scherzo, ma insomma. E poi il prezzo è anche decisamente inferiore. Oddio, da nuovo passa pur sempre abbondantemente i mille euro, ma per un'ottica del genere non è affatto caro e sul mercato dell'usato si può spuntare a cifre interessanti.
In effetti usato non è così semplice da trovare, a differenza del fratello maggiore, e questo per la verità è un ottimo segno, perché significa che chi lo ha non lo vende facilmente. Promette davvero bene, insomma.
Finisce che passo due giorni a studiarmelo. A tratti chiudo tutto e mi convinco a lasciar perdere, ma tant'è poi sempre lì torno.
Ne punto un paio su eBay. Uno ha un ottimo prezzo ed è praticamente nuovo, ma è in Giappone e rischio di spendere una fortuna con l'importazione. L'altro è qui in Italia: è usato, ma dalle foto sembra in condizioni eccellenti.
La grande cazzata è ormai lì a un passo dietro l'angolo, la carta di credito non abbastanza fuori portata.

Il punto è cosa accidenti me ne faccio, a parte tutto.
È evidente che non è un affare che uno si infila nello zainetto e poi ci viaggia assieme. E poi com'era tutta quella storia del viaggiare leggeri, il Tamron al posto della bridge, bla bla bla?
Il Sigma 50-500mm DG APO OS HSM è più piccolo del 60-600mm, ma fra gli appassionati è noto come "il Bigma" e il soprannome è tutto un programma già di per sé.
Resta il fatto che del Bigma parlano tutti un gran bene e ne spendono le lodi ovunque. Sembra davvero un'ottica eccellente. Con un cannone del genere la Luna la fotografi eccome, tanto più che montato sulla 80D, con il sensore APS-C, alla focale massima diventa un 800mm e se gli monto anche il moltiplicatore 1,4x si arriva a ben 1120mm, praticamente un telescopio.
Leggo anche che in condizioni di luce piena, tipo safari, lo stabilizzatore funziona egregiamente ed è possibile usarlo a mano libera senza troppi problemi, peso a parte, garantendo ottimi risultati fra f/8 ed f/11.
Sul web è pieno di scatti dimostrativi fatti col Bigma e sono davvero notevoli.
Ma la vera tentazione, lunghezza focale a parte, è dovuta al fatto che al momento il mio migliore obiettivo è il Canon 17-55mm f/2.8, al quale il Bigma si accoppierebbe perfettamente, a differenza del mio attuale Canon 70-300mm, permettendomi di coprire con due sole ottime lenti tutte le focali da 17mm fino a 500mm. Certo, trascurando il peso complessivo dell'attrezzatura, quasi 4kg a questo punto, ma parliamoci chiaro: dovessi andare a fotografare i gorilla in Ruanda ci andrei mai con due vetri da quattro soldi per risparmiare sul peso?
Il punto caso mai è togliere il condizionale e partire per il Ruanda.

E niente. Non so come sia potuto accadere, ma in poche ore di nulla e di Covid, mesi e mesi di menate e pontificati sull’apologia della leggerezza e dell’inutilità di smazzarsi chili e chili di costosissima ferraglia si sono disintegrati in un istante davanti a un’offerta scontata a tradimento per un Bigma usato, pervenutami via email da un negozio di apparecchiature fotografiche.
Ventiquattr’ore dopo, un corriere SDA ha depositato Little Boy davanti al cancello di casa mia.

Il solo filtro protettivo per il mostro, che ha una lente da 95mm, costa più di 100 euro, anche perché se spendi [censura] per un obiettivo del genere non è che poi gli proteggi l'occhio con un vetro cinese da quattro soldi.
Ho anche acquistato un filtro solare e due filtri ND, un 1000 ed un 64, ché magari in Ruanda non andrò mai, ma a maggior ragione a questo punto voglio perlomeno andare a passeggiare nel Mare della Tranquillità come fossi lassù.
Adesso ho solo bisogno di una bella Luna e di una giornata di macchie solari, e posso affrontare un altro giro di quarantena comodamente appollaiato sulla terrazza di casa, col naso per aria e il cannone puntato verso il cielo.
Perlomeno finché non mi verrà voglia di dare un'occhiata alle mirrorless.

Nelle prossime puntate le prove in strada del Tamron e del Bigma.

Nota: ho pesato l'arma completa, Canon 80D + Bigma + moltiplicatore 1,4x + filtro pro UV 95mm + paraluce.
Fan 3097 grammi.
Dieci scatti a mano libera sono circa mezz'ora di pesi in palestra.

Bigma02
Il “Bigma”, ovvero il Sigma 50-500mm DG APO OS HSM
Bigma03
Le mie attuali lenti a confronto (in blu le new entry)
Bigma17
Il Bigma montato sulla Canon 80D
TAG: Tamron, Canon, Bigma, Sigma, Fotografia
17.40 del 23 Maggio 2020 | Commenti (0) 
   
Pagina successiva >>


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2020 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo