Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


22 Non ci sono più le stagioni /reloaded
MAR Pollice verde
Lo scorso autunno ho messo su una piccola serra. La stagione precedente aveva visto l'avvicendarsi di un assurdo anticipo di primavera che aveva innescato la fioritura di alcuni bulbi già a febbraio, seguito da gelate e nubifragi tardivi che per contro avevano di fatto causato la morte prematura di tutto quel che avevo piantato nei miei poveri vasi, con la conseguenza di ritrovarmi già a fine aprile con la terrazza completamente spoglia.
Così, per questa stagione avevo deciso di premunirmi e fare le cose per bene.

E niente, non sono capace. Nonostante la serra, alla fin fine ho ottenuto risultati migliori gli scorsi anni.

Questa volta non ho dissotterrato i bulbi per ripiantarli nella terra nuova. Semplicemente, alla fine della scorsa stagione ho lasciato tutto com'era e che la natura facesse il resto da sola.
Al primo freddo vero, verso fine novembre, ho messo i vasi al coperto nella serra. Le prime settimane ho notato che la terra rimaneva sempre umida grazie al microclima sviluppatosi all'interno della serra e non sono dunque intervenuto. A gennaio tutto sembrava filare per il meglio, i bulbi avevano iniziato a germogliare bene, tutto procedeva regolare.
Poi, di nuovo, verso fine febbraio è basta una settimana di temperature anomale e sole pieno perché buona parte dei germogli rimanesse letteralmente bruciata dal calore della serra, senza nemmeno arrivare a inizio fioritura. Come un'improvvisa ondata di siccità: foglie completamente secche. Due vasi completamente morti e il resto delle piante in sofferenza avanzata.

Quando me ne sono accorto ho immediatamente tirato fuori i vasi dalla serra, ho innaffiato e qualcosa sono riuscito a salvare, ma il risultato complessivo è per ora davvero povero. Pochi fiori sbocciati mosci, qualche spruzzata di colore qua e là.
Qualcosa comunque deve ancora venir fuori, speriamo bene nelle prossime settimane.

Il risultato della mia prima fallimentare esperienza con la serra è che paradossalmente i vasi vanno seguiti ancor più che lasciandoli esposti all'aperto tutto l'inverno. Finché le temperature sono rigide (dove peraltro il concetto di rigido, negli ultimi due anni almeno, andrebbe completamente rimodulato) la terra rimane umida da sola, i germogli vengon su bene e non c'è praticamente nulla da fare.
Appena però la temperatura si alza di qualche grado sopra la media stagionale e fa sole per quarantott'ore di fila, se ci si dimentica di dare acqua e aprire la serra, il Darfur.

Fiori2015-1
Fiori2015-2
Fiori2015-3
Fiori2015-4
TAG: vasi, iris, narcisi, fiori
23.38 del 22 Marzo 2015 | Commenti (0) 
 
07 Saldi di fine stagione
APR Pollice verde
È andata un po' così, alla fin fine non male, ma è stata comunque una stagione molto anticipata e a rate, nel senso che son venuti su come cavolo pareva loro e nessuno è durato più di una settimana. Ma vabbè, non ci son più le mezze stagioni, si stava meglio quando si stava peggio, eccetera. Diciamo che in anni passati abbiamo fatto di meglio.

Il periodo di massima fioritura è coinciso proprio con le settimane in cui son stato via, dunque nemmeno me li sono goduti. Posso anche salutare definitivamente la speranza di una bella terrazza colorata a primavera.
Va comunque detto che son stati mesi così anomali che il risultato qua sotto l'ho ottenuto senza praticamente muovere un dito: ha piovuto talmente tanto e le temperature sono state per tutto l'inverno così miti che madre natura ha pensato a ogni cosa.

Alla fine, a parte aver visto i narcisi in fiore a gennaio, direi che tutto sommato ci siamo difesi bene.

Fiori2014-1
Fiori2014-2
Fiori2014-3
Fiori2014-4
Fiori2014-5
Fiori2014-6
Fiori2014-7
Fiori2014-8
Fiori2014-9
TAG: narcisi, iris, giacinti, tulipani, giardinaggio, fiori
21.27 del 07 Aprile 2014 | Commenti (0) 
 
15 Season IV, a.k.a. non ci son più le stagioni signoramia, eccetera
NOV Pollice verde
E insomma, dopo una disastrosa stagione 2013 dedicata a nuovi e ambiziosi esperimenti, inesorabilmente terminati con un'ecatombe invernale dovuta in parte al gelo, ma soprattutto a una strategia errata di riempimento dei vasi (bulbi mescolati a piante da interrare), trascorsa di conseguenza l'intera estate con la terrazza completamente spoglia, siamo tornati alle origini e qualche settimana fa abbiamo fatto provvista di ogni specie di bulbi nota al genere umano agricolo, nonché della solita camionata di terra nuova.
Per metter giù i vasi ho poi aspettato ancora qualche giorno ché, nonostante avessimo scollinato i primi di novembre, le temperature si ostinavano a rimanere su livelli abbondantemente primaverili e volevo evitare sorprese, tipo cuccioli di giacinti che festeggiano sotto i primi fiocchi di neve e un nuovo prematuro genocidio vegetale.

Infine, un paio di domeniche fa, mi son messo lì e in quattro e quattr'otto ho preparato gli undici vasi di rappresentanza della terrazza Maison Paschetto, sparpagliando tulipani, narcisi di ogni specie, iris, giacinti e sa il diavolo che altro. Ho persino recuperato qualche bulbo di muscari armeniacum vecchio ormai di tre stagioni, ché son praticamente indistruttibili quelli, puoi abbandonarli nella terra secca per mesi e mesi e invariabilmente puff!, all'improvviso eccoli lì che nel bel mezzo dell'autunno di colpo ti ributtano i germogli.
Così, appena ho visto quelle foglioline verdi che per il terzo anno consecutivo spuntavano dalla Valle della Morte nell'angolo a sinistra della terrazza, ho dato loro nuova terra e le ho affiancate ai nuovi arrivi.
Insomma, tutto pronto per affrontare un nuovo inverno di pazienza, in attesa di vedere i primi germogli fra febbraio e marzo e puntare per il 2014 a una rinnovata primavera fiorita e colorata, come nelle prime due stagioni di successo.

Solo che questa mattina, 15 novembre, otto gradi Celsius, pioggia battente e vento di tramontana, cime prealpine imbiancate e Corriere che intitola "L'Italia stretta nella morsa del gelo", mi sono affacciato sulla terrazza e ho visto questo. Due sole settimane dopo aver interrato i bulbi.

Io non ci capisco più nulla.

vasi2013-01
vasi2013-02
vasi2013-03
TAG: vasi, iris, narcisi
23.50 del 15 Novembre 2013 | Commenti (0) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo