Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


02 Where I belong
APR Amarcord, Blog e luoghi
A volte, senza un motivo particolare, mi capita all'improvviso di fermarmi a pensarci e mi rendo conto che io, a O'ahu, ho lasciato il cuore.

Io sono quello che non torna mai, soprattutto nei luoghi che ho davvero amato. Chiudo le porte alle spalle, catalogo, metto via. Preferisco ricordare piuttosto che riscoprire, scontrarmi col tempo che passa, travolge e cambia.
Tutto sommato non sono molti i luoghi dove io abbia pianto davvero, per quanto mondo abbia girato. Potrei contarli sulle dita di una mano. Mi è capitato spesso, sì, di emozionarmi, di vivere profondamente la mia condizione di eterno zingaro, ma le lacrime, la commozione incontenibile e insostenibile, il senso di appartenenza profondo a un luogo, quella sensazione estrema di fine corsa che ti si rompe in gola fino ai singhiozzi, per la quale ti ritrovi senza più energie a pensare sono arrivato, ecco, quella no, quella mi ha travolto in pochissime occasioni.
In Patagonia nel '90, in tenda da solo al campo base del Cerro Torre. E ancora ai campi base dell'Everest e dello Shisha Pangma nel 2002, quante lacrime nascoste. E nell'87 di fronte alla banchisa polare. O ancora l'alba a Sossusvlei nel '98. E poi al Muztagh Ata, in qualche modo, e nel nulla inesorabile di Mandal Ovoo. E la scorsa estate sul volo per Yerevan, che però erano lacrime di liberazione. E sì, Panama anche, durante l'attraversamento delle chiuse di Pedro Miguel: un'emozione così forte che mi si ruppe la voce mentre commentavo il filmato che stavo girando.

Ma O'ahu.

O'ahu è andata penetrando sotto alla mia pelle giorno dopo giorno, per mesi, e la cosa più strana è che vi ero capitato senza alcuna aspettativa, nemmeno con particolare entusiasmo. Era solo la tappa intermedia del mio giro del mondo, uno scalo che per mesi avevo tentato di evitare in favore di altre mete che mi interessavano maggiormente, ma al quale mi ero infine arreso per sola convenienza logistica.
Mi scocciava pure l'idea di dovermi fermare una settimana intera laggiù. Avrei voluto più tempo per il Centro America, o uno stop over più a sud, e invece niente. Mesi a combattere con il call center di cinque compagnie aeree diverse per chiudere la rotta transpacifica, ma nulla da fare: O'ahu non era possibile evitarla in nessun modo.

Se ci sono stati giorni di serenità totale nella mia vita, davvero totale, quello stato di grazia nel quale ti senti in equilibrio con l'universo intero, non hai un pensiero al mondo se non quello di respirare l'aria che ti circonda, di vivere istante per istante la tua dimensione interiore e la sensazione di appartenenza al mondo, di camminare con la pelle d'oca e i brividi per l'emozione che ti accompagnano ad ogni passo, quelli sono stati i miei giorni a O'hau. Le mie lunghe passeggiate e le serate di Waikiki. I miei chilometri in macchina verso le deserte spiagge settentrionali, a caccia di onde monumentali. L'isolamento e lo smarrimento totali di Kae'na Point. Quel senso di vuoto assoluto, su uno scoglio in mezzo al Pacifico, a migliaia di chilometri da qualunque altra terraferma, così sperduto da filmarmi da solo e mettermi a parlare con la telecamera. E i rientri a Honolulu al tramonto, con l'autoradio che trasmette da stazioni d'oltreoceano, o gli Eagles in cuffia che mi cantano Love will keep us alive e New York minute. Così struggenti, quei ricordi, che non posso più ascoltarle, quelle canzoni, senza che mi venga da piangere.

Così, un giorno io tornerò ad O'ahu. E, di nuovo, ogni mattina verrò svegliato dall'ukulele di quel ragazzo che suonava nascosto da qualche parte fra le palme e mi sederò ancora sulla spiaggia di Waikiki al tramonto, a guardare le onde e a fotografare i surfisti contro il sole che si immerge nell'oceano.
Poi mi alzerò, mi scrollerò la sabbia di dosso e mi avvierò con calma per le vie del lungomare alla ricerca di un posto dove mangiare qualcosa, scrivere il mio travel log e sorridere nel trovarmi a pensare a quanto sia lontano, maledettamente lontano, tutto, da laggiù.

Così lontano che per arrivarci devi pure viaggiare nel tempo.
TAG: oahu
21.39 del 02 Aprile 2012 | Commenti (2) 
 
09 O'ahu/8: cast away
MAG Travel Log: Round the World
Metto ordine fra gli appunti, cerco di fissare immagini prima che si allontanino sfuocate davanti a me. O'ahu.
Ho lasciato O'ahu ormai dieci giorni fa e ci son stati altri due continenti in mezzo. Mi sembra già passata una vita. Mi aggrappo ad ogni frammento cercando di non lasciarmelo sfuggire, trovo spazi per le dozzine di cianfrusaglie che, come ogni volta, mi hanno seguito fino a casa.

Ho già scritto di O'ahu, ma non ho scritto nulla di quel che volevo scrivere, perché non ho avuto mai tempo e quando ne ho avuto, talvolta dopo cena, mi son messo a letto, il portatile sulle ginocchia, con l'intento di aggiornare il mio consueto travel log, ma sono sempre crollato immediatamente addormentato, senza nemmeno accorgermene. Un paio di volte almeno mi è capitato di svegliarmi in piena notte, con la luce dell'abat-jour ancora accesa al mio fianco, lo schermo illuminato del netbook piegato sulle mie gambe, il ronzio della ventola di raffreddamento del disco che riempie la stanza.
E' così strano questo travel log in differita, per quanto lieve sia, per quanto ancora non abbia scrollato via tutta la sabbia di O'ahu dalle mie cose.

Seleziono le immagini da mettere nell'archivio fotografico e scelgo qualche campione qua e là per il blog. Pensavo di raccontarvi della vita di O'ahu e del pomeriggio speso a cercar le tartarughe verdi spiaggiate a Laniakea, fra il quarto e il quinto miglio della North Shore diceva il mio libro, lungo una costa che si sviluppa per oltre sessanta miglia fin da Windward O'ahu, dove i segnali chilometrici, anzi, miliari, sono quasi del tutto assenti, e dunque che ne so io di qual è il miglio che mi interessa? E soprattutto, misurato da dove? Da Waimea, o dall'incrocio con la Pali highway?
Senza considerare che pare che le tartarughe vengano a spiaggiarsi a Laniakea solo una volta ogni quattro anni ed è noto che io non sia particolarmente fortunato, né sincronizzato, con le stagioni migratorie degli animali che inseguo per mezzo mondo.
Senza considerare che il mio terno al lotto lo avevo già vinto con le balene qualche giorno prima.

Così ad O'ahu tenevo l'obiettivo puntato verso l'alto, con poca soddisfazione peraltro.

Oahu17
Oahu18
Hanauma bay, O'ahu - Hawaii
Oahu19
Laniakea beach, O'ahu - Hawaii

Eh già, bingo. Precise, fra il quarto e il quinto miglio, misurati da Waimea per la cronaca. Ché quando ormai ci avevo rinunciato ho intravisto a bordo strada, un po' arrugginito dietro una siepe, un cartello verde che segnalava Mile 4. Eccetera.

Pensavo anche di raccontarvi dei colori meravigliosi della natura tropicale, ma quel che è strano è che tutto sommato O'ahu è meno colorata di altri analoghi luoghi oceanici e più vi ci addentrate più vi rendete conto che sì, quei colori ci sono, ma sono mimetizzati, non esplodono come altrove, non siete alle Seychelles, per dire, né a Mauritius e nemmeno a Lifou. Eppure.

Eppure i colori ci sono e quando ci sono c'è sempre il mare a fargli da contrasto. Non ci riuscite a vedere un rosso pieno senza il blu dietro che spunta in qualche modo. Non ci sono le cascate di bouganville a dipingere ogni angolo dell'isola, ma quando ci sono la striscia blu fa irrimediabilmente da sfondo.

Eppure il colore dominante di O'ahu è il verde e il verde avvolge tutto. Sono verdi i fianchi dei coni sventrati degli antichi vulcani dell'isola e il verde ricopre il nero della lava di cui tutta l'isola è fatta, assumendo di conseguenza una tonalità spesso cupa ed inquietante.
Come a Waimea valley, dove si trova la fonte misteriosa di Lost, nel senso che è qui che han girato i relativi episodi. Anche di Lost vi ho già raccontato altrove, ma il punto è che a Waimea valley l'incredibile vegetazione sembra inghiottirvi ad ogni passo e un senso di inquietudine si fa inevitabilmente strada dentro di voi, per cui sì, vi aspettate che il mostro di fumo nero stia per avvolgervi all'improvviso.
E se non avete visto Lost, che ve lo racconto a fare?

Oahu20
Waimea valley, O'ahu - Hawaii
Oahu21
Sunset beach, O'ahu - Hawaii

L'ho scritto altrove: O'ahu ricorda parecchio Reunion, a meno di Francia, a più di America. Basta abbandonare i grattacieli di Honolulu per sentirsi davvero sperduti nell'oceano, ad ore ed ore di volo da qualunque altra cosa. Solo vent'anni fa in Patagonia ho provato quella medesima sensazione di isolamento e di abbandono che ho avvertito nel percorrere da solo il trail verso Kaena point. Tre ore di solitudine totale fra la lava, il verde di O'ahu e l'oceano...
[Continua a leggere]

TAG: oahu, hawaii
10.37 del 09 Maggio 2011 | Commenti (0) 
 
07 O'ahu/7: Matsumoto
MAG Travel Log: Round the World
Se siete alle Hawaii, farsi almeno uno shave-ice al giorno è un must. Lo shave-ice sta alle Hawaii come, chessò, il caffè ad un napoletano. E siccome, per quanto in mezzo all'oceano, sempre in America siete, lo shave-ice standard è sufficiente a dissetare un ippototamo, ma loro di solito prendono quello maxi.

Ad O'ahu shave-ice è sinonimo di Matsumoto. Nel senso, ovviamente potete farvi uno shave-ice dove credete, lo vendono ad ogni angolo, ma se chiedete a chiunque dove si possa provare il miglior shave-ice delle Hawaii vi risponderanno all'unanimità di andare da Matsumoto, che ovviamente sta in culo ad O'hau, sulla North Shore, a circa quaranta miglia da Honolulu.

Io ho provato un solo shave-ice e naturalmente sono andato a farmelo da Matsumoto. Non avendo metro di paragone non so se sia il migliore delle Hawaii: quel che che so è che ho affrontato un'ora di coda per conquistarmelo e che la fila di persone si dipanava perlomeno lungo duecento metri di strada.
La lista degli sciroppi era infinita: quando mi han chiesto come lo volevo ho risposto che l'importante era che fosse molto colorato perché dovevo fotografarlo. Si sono molto divertiti.
E no, non ce l'ho fatta a finirlo, anche se ho preso quello piccolo e faceva molto caldo.
Non ho filmato come lo preparano ed è un peccato, perché metà del fascino dello shave-ice di Matsumoto sta proprio nell'efficientissima catena umana di produzione organizzata per smaltire l'elevatissima richiesta.

Per inciso: lo shave-ice, per quanto particolare, è pur sempre una normalissima granita. Ma vaglielo a spiegare a quelli in coda da Matsumoto.

Matsumoto1
Matsumoto2
Matsumoto3
Un'ora di coda per conquistare il mio shave-ice da Matsumoto!
TAG: hawaii, oahu, matsumoto, shave ice
10.27 del 07 Maggio 2011 | Commenti (0) 
 
06 O'ahu/6: still surf
MAG Travel Log: Round the World
Sto preparando l'archivio fotografico e completando il travel log. Nel frattempo, vi avevo promesso qualche altra foto di surf.
Ecco un'anteprima delle fotografie alle quali sto lavorando in questo momento.

surf0A
Surf0B
Surf0C
Wawamalu Beach, O'ahu - Hawaii
TAG: surf, oahu, hawaii
00.28 del 06 Maggio 2011 | Commenti (0) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo