Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


12 Giappone 2006 remastered
MAG Lavori in corso
E dopo un mese di lavoro anche il viaggio in Giappone del 2006 è finalmente al suo posto e lo potete trovare qui. Il viaggio invece era già stato a suo tempo ampiamente bloggato e documentato qua dentro.
Prossimo cantiere, l'inverno alle Åland, nello stesso anno.

Japan2006-1
Japan2006-2
Japan2006-3
Japan2006-4
Japan2006-5
Japan2006-6
Japan2006-7
Japan2006-8
TAG: Giappone, fotografie, archivio fotografico
21.23 del 12 Maggio 2018 | Commenti (0) 
 
11 Dell'altrove anche per poco
APR Mumble mumble, Spostamenti
Riflettevo sul fatto che lo scorso mese non mi sono nemmeno reso conto di aver messo piede negli Emirati Arabi e in Australia. È vero che sono stati solo dei brevi stop over di qualche ora trascorsi in aeroporto, giusto il tempo di orientarsi alla ricerca del gate per il volo successivo, un caffè, un giro per i duty free. Per non parlare poi della corsa a perdifiato attraverso i terminal dell’aeroporto di Los Angeles.
Ma insomma, a distanza di qualche settimana mi fa un po’ strano a pensarci e mi sembra un po’ alienante.

Anni fa il trovarmi in qualche posto agli antipodi, anche solo per ripartirne poco dopo, non mi sarebbe mai scivolato addosso così.
Nonostante quasi trent'anni di viaggi in giro per il mondo, mi ricordo ad esempio bene la sensazione di dislocamento estremo durante lo stop over a Seoul del 2011, in attesa del volo per le Hawaii, sebbene fra l'altro fossi stato nella capitale coreana proprio l’anno prima e l’atmosfera mi fosse dunque ben familiare.
Oppure la sosta a Singapore nel ’99, prima di ripartire per Sydney. Anche in quel caso non era una prima volta, ero stato a Singapore l’anno precedente per qualche giorno, e peraltro a quel giro non cambiai nemmeno aereo: semplicemente scendemmo per consentire il rifornimento di carburante, il tempo di un giro per lo scalo, e poi ripartimmo in piena notte alla volta dell’Oceania.
O ancora il passaggio da Bangkok andando a Kuala Lumpur, l’aria dolciastra dell’estremo oriente appena sceso dall’aereo.
Ma anche solo il semplice transito da Oslo nel 2015, sulla rotta dell’Islanda, e sì che conosco Oslo molto bene per esserci stato diverse volte; non ci tornavo però da qualche anno ed era quella la prima volta che passavo dall’aeroporto, per cui, in qualche modo, mi sentivo altrove eccome e la sensazione addosso era molto netta: eravamo in Norvegia, anche se solo per un'ora.

Nella mia mania ossessiva di tenere il conto delle cose, non ho mai considerato gli stop over nel numero di volte in cui sono stato in un Paese, ma ogni volta, durante il breve tempo dello scalo, mi sono sempre sentito addosso quella sensazione chiarissima del luogo in cui mi trovavo. Come piccoli segnali attorno, una qualche interferenza nello spazio tempo, volti esotici, alfabeti alieni, lingue non familiari, odore nell’aria, smarrimento, percezione del jet lag.

Ero già stato sia negli Emirati che in Australia, mi ci ero fermato in precedenza, erano destinazioni familiari, per quanto e ammesso che un viaggio di molti anni prima possa renderti familiare un qualunque luogo esotico. Forse è stato questo. Ma appunto era già stato così anche in tutte le occasioni precedenti.

Non so, sarà che quest'ultimo è stato un viaggio nato per caso all'ultimo momento e rocambolesco più del solito, sarà che negli ultimi anni ho viaggiato sempre più di corsa e girato sempre più per aeroporti, e che gli aeroporti sono sempre più tutti uguali, per cui ovunque tu sia in transito è sempre un unico, alienante e inquietante, deja vu.
Che tu sia a Tokyo, a Johannesburg, ad Atlanta, a Seoul, a Sydney, ad Abu Dhabi, in un qualunque scalo europeo o nell’ultima capitale africana, in fondo alla Siberia o in qualche metropoli sudamericana, passato il check-in entri in unico mondo uniforme, globale, ovunque perfettamente uguale a se stesso, con la stessa identica distribuzione degli spazi, colori, suoni, mescolanza di lingue, riti, procedure e tempi.
Mi sembra sempre più vero col passare degli anni. Uguali le lounge, i negozi, i bar e i fast food, le poltrone, i corridoi, la merce sugli scaffali, i tabelloni con gli orari. Se ti bendassero e ti abbandonassero in un qualunque aeroporto non saresti in grado in alcun modo di capire dove ti trovi.

Così, negli ultimi dodici mesi sono transitato dagli aeroporti di Lisbona, Madeira, Abu Dhabi, Sydney, Rarotonga, Los Angeles, Seattle, Vancouver, Minneapolis, Amsterdam e solo nel piccolo e remoto scalo di Aitutaki, per una volta, mi sono sentito “altrove”. Persino ai banchi del check-in di Rarotonga avrei potuto essere in mille altri posti.

E niente: sono stato in Australia e negli Emirati e mi sembra abbastanza impossibile. A distanza di un mese è come non fosse mai accaduto. Forse è normale per chiunque e solo a me appare piuttosto strano.
Eppure, nella mia linea temporale è rimasta traccia di un istante, quindi è accaduto davvero. Sono sbarcato a Sydney dopo venti ore di volo e mentre mi aggiravo per l’aeroporto mi è venuto in mente di mandare a mio figlio un messaggio per fargli sapere che stavo bene.
E, solo in quel momento, per un attimo, mi sono reso conto di dove ero, e sì: ero in Australia.

WASydney
TAG: aeroporti, viaggiare
16.46 del 11 Aprile 2018 | Commenti (0) 
 
03 Chiusura di stagione
APR Viaggi verticali, Diario
Complici la finestra di tempo splendido che si è aperta fra la domenica di Pasqua e il lunedì, e le straordinarie condizioni di innevamento, ne abbiamo approfittato per andare a chiudere la stagione e infilare così una sequenza Capodanno-carnevale-Pasqua che non ci riusciva da anni.
Un'annata con così tanta neve, soprattutto in condizioni pressoché invernali nonostante la primavera iniziata ormai da giorni, non si vedeva da parecchio tempo e il manto ha ancora una tenuta quasi perfetta perfino alle quote più basse nelle ore pomeridiane. Quest'anno rimpiango davvero di avere appeso le pelli al chiodo da diverse stagioni, perché avrei potuto approfittare di una primavera eccezionale. E in effetti potrebbe essere uno stimolo a riprendere anche questa attività, dopo essere tornato a correre.
Chissà.

E proprio la ritrovata ottima forma di questi ultimi mesi ha portato con sé anche il rinnovato piacere, dopo anni, di tornare finalmente a stare sulla neve ore e ore di fila, spingendo al massimo, come non accadeva davvero da troppo tempo. Mi sono persino riscoperto capace di affrontare dei bei muri di gobbe in assorbimento a velocità che ormai potevo solo sognare, con le gambe e i polmoni che tengono perfettamente anche al tardo pomeriggio, arrivando a chiudere la giornata senza averne ancora abbastanza.
Mi pare impossibile se penso allo sventurato scorso anno in cui riuscii a fare un'unica uscita molto a fatica, condizionata dalla paura per i problemi cardiaci che avevo appena attraversato, e alle ultime stagioni nelle quali inforcavo gli sci ormai di malavoglia, eccessivamente appesantito, portandomi appresso tutti i miei guai alla schiena, completamente senza fiato e allenamento, frustrato: salivo sempre in tarda mattinata, mi lasciavo trascinare demotivato giù da qualche pista, irrigidito e stanco, senza alcun entusiasmo, spinto solo dalla volontà di non cedere alla tentazione estrema di appendere definitivamente al chiodo anche i miei amati sci, dopo avere abbandonato già da tempo ogni altra velleità alpinistica.
Mi fermavo poi alla solita baita per il pranzo e chiudevo lì la giornata, affidando i ragazzi agli amici, ormai arreso a una condizione fisica e mentale in realtà inaccettabile alla mia età.

Sì, mi pare impossibile a ripensarci. Sono persino tornato a mettere le assi in neve fresca senza timore per i legamenti e la schiena, di nuovo in sintonia con me stesso e l'ambiente, in una situazione di ritrovato controllo, consapevolezza e serenità.
Come ho potuto davvero rischiare di rinunciare a quel che più amo nella vita, alle mie montagne, alla neve, l'elemento che mi appartiene da quando son nato?

E poi c'è questa cosa dei ragazzi ormai grandi, che van come treni. Per quanto io abbia ritrovato una forma tutto sommato non comune, per quanto abbia fiato e gambe ed esperienza da vendere, non riesco a star loro dietro: sono loro ad aspettare me. È una soddisfazione straordinaria.
Li inseguo quasi in apnea, li affianco, cerco di rimanere nella loro scia lasciando che siano loro a tracciarmi il pendio e penso che ho fatto un lavoro bellissimo questi anni, che il loro entusiasmo è benzina per tenere ancora ben in vita il mio. Adesso che andiamo davvero insieme, alla pari, mi diverto come forse mai mi sono divertito in vita mia, per quante stagioni abbia alle spalle e per quante ne abbia viste e fatte in montagna.
Rimango sempre più stupefatto e incantato a vederli filar via così sicuri e veloci, a loro agio, spensierati, su qualunque pendio e in qualunque condizione, perfettamente padroni della tecnica e degli attrezzi, concentrati, come pochi loro coetanei sono in grado, a parte i ragazzi delle scuole agonistiche che però hanno una preparazione specifica mirata alla competizione, mentre ai miei ho insegnato prima di tutto la montagna, l'ambiente, l'aria sottile: un contesto nel quale lo sci è solo uno dei mezzi possibili di esplorazione ed espressione, la neve un elemento al di là della superficie battuta di una pista.
Ora che son pronti ho voglia di portarli a scoprire e fare cose che ho fatto io alla loro età, aprirgli tutto un mondo, trasmettergli ancor più il mio entusiasmo e il mio amore per il mio universo verticale.

Dopo aver ripreso a macinare chilometri in strada mi chiedo se un po' alla volta potrei davvero riprendermi anche i miei passi in montagna, rispolverare i ferri del mestiere e qualche obiettivo lasciato indietro, chiuso nel cassetto del forse mai più.
Intanto potrei finalmente mettere in cantiere qualche piccolo progetto estivo coi ragazzi che in questi anni ho sempre rimandato a chissà quando.

Progetti futuri a parte, questa è stata probabilmente anche la nostra ultima volta sulle nevi di Madesimo, dopo otto anni consecutivi di presenza, e un capitolo significativo della mia vita coi ragazzi va forse in qualche modo a chiudersi.
Venni in Valchiavenna per la prima volta con loro nel 2010, proprio agli inizi di aprile, in occasione del terzo compleanno di Carola. Leonardo aveva solo sei anni. Anche quell'anno c'era molta neve e ne venne parecchia anche quei giorni.
Scelsi Campodolcino perché alcuni cari amici, fra cui un mio storico compagno di cordata i cui figli erano coetanei dei miei, avevano qui la casa da anni. Era una buona soluzione per trascorrere alcune giornate in montagna in compagnia, sia per me che per i bambini. L'hotel Europa era perfetto, proprio alla partenza della funicolare che porta agli impianti del comprensorio di Madesimo: da allora non lo abbiamo più tradito e nel corso degli anni ho fatto amicizia col proprietario, mio coetaneo.
Anche la compagnia col tempo si è via via allargata e ormai venire su era diventata anche l'occasione per ritrovarsi sulla neve anno dopo anno, condividere tavolate alla Baita del Sole, ritrovo fisso di tutti noi all'ora di pranzo, o uscire tutti insieme la sera a cena. E quante discese dal Canalone, e notti di San Silvestro, e giornate di neve e pioggia chiusi in baita a strafogarci di polenta e salsicce, e neve spalata per disseppellire l'auto a ogni nevicata eccezionale: quante ne ho viste quassù questi anni, alla faccia del riscaldamento globale.

Ma i ragazzi crescono, anche quelli degli amici, che alla fine, dopo anni, lasciano le case in affitto perché cambiano le esigenze familiari e vanno a loro volta verso nuove vite altrove. E così un po' viene a mancare la ragione principale per venire quassù, un po' anche io inizio ad essere stanco e un po' annoiato di percorrere a memoria sempre le stesse tracce da anni: ho voglia di mostrare ai ragazzi ormai grandi altri mondi verticali, altra neve, allargare i loro orizzonti.
E quindi forse basta Valchiavenna, basta Campodolcino, basta hotel Europa. È venuto anche per loro il momento di iniziare a zingarare un po' in giro per le Alpi.
Leonardo ha quattordici anni e all'improvviso mi viene in mente che avevo esattamente la sua stessa età ed era la stagione invernale quando i miei lasciarono la casa di Andalo, dove ero praticamente nato, dove per anni avevo trascorso gran parte dei weekend invernali e tutte le infinite vacanze estive, dove avevo imparato a sciare, a camminare in montagna, ad affrontare le mie prime vie ferrate e le prime facili arrampicate. Dove avevo conosciuto la mia prima fidanzatina e mi ero innamorato per la prima volta.
Per i miei primi quattordici anni di vita tutto il mio universo verticale (e non solo) era stato circoscritto ad Andalo: quella era la montagna per me, lì avevo imparato ad amarla e a conoscerla.
I miei lasciarono la casa un po' per le stesse ragioni per cui oggi io probabilmente non tornerò più a Campodolcino.

In qualche modo è uno strappo anche per me, ma è il momento giusto per farlo. Ogni tanto c'è bisogno di dare una svolta e cambiare un pezzo di vita, anche se col passare degli anni il solo pensarlo è sempre più faticoso: in fondo la mia routine quassù coi ragazzi è in qualche modo confortevole, rassicurante e riposante.
Ma è ora che li porti a conoscere l'altrove che io conosco già e far conoscere loro le grandi montagne.
Ciao Campodolcino.

MadesimoPasqua2018
TAG: madesimo, sciare, campodolcino, valchiavenna
23.41 del 03 Aprile 2018 | Commenti (0) 
 
09 Aitutaki cronicles /1
MAR Travel Log: Isole Cook ed RTW 2018
Ora, che posso dire io di Aitutaki? È così estrema, sotto ogni punto di vista, che non riesco nemmeno a fare ordine nei miei pensieri in proposito.
Questa mattina, di nuovo a Rarotonga dopo un paio di notti passate laggiù, stavo facendo colazione con una compagnia di neozelandesi e una signora mi ha detto “It’s the perfect postcard and that’s all about Aitutaki. There’s nothing else”.
Ecco, lo ha detto lei in due parole.

Se io non fossi quello dell’Everest, se non fossi un amante della montagna e del freddo (ma dopo anni che inseguo isole in giro per il mondo a caccia del buen retiro perfetto posso ancora sostenere questa parte?) - dicevo, se io non fossi questo, almeno finché me lo credo e lo racconto, direi che probabilmente Aitutaki è semplicemente il posto più bello che abbia mai visto in vita mia. Uso il termine bello, così riduttivo nel descrivere quello che è Aitutaki, perché qualunque altro aggettivo esagerato mi appare inadeguato e inopportuno.
Estrema, appunto. In ogni sua declinazione.

Io non ci vivrei ad Aitutaki, no. A proposito della questione di cui raccontavo, delle isole con la montagna, ha un bel dire Roberta che anche ad Aitutaki la montagna c’è. C’è una collina alta sì e no cento metri, sufficiente certo a metterti al riparo da uno tsunami, ma di certo non ci sopravvivi a lungo in caso di necessità.

Aitutaki è tutta lì: una striscia di corallo e palme di cinque o sei chilometri di lunghezza, larga un paio, piatta, sparata in mezzo al vuoto dell’Oceano Pacifico, a cinquanta minuti di volo da Rarotonga.
L’isola delimita uno dei lati di una laguna triangolare dipinta di blu, verde e turchese ampia qualche chilometro quadrato, il cui fondale, profondo al massimo una ventina di metri, è di un bianco abbacinante punteggiato qua e là da banchi di corallo affiorante, pericolosi in caso di navigazione disattenta, attorno ai quali nuotano milioni di pesci da documentario di tutti i colori e dimensioni, alcuni anche parecchio grandi. Non ci sono squali: per qualche motivo che nemmeno Puna, il mio capitano che mi porta in giro per la laguna è in grado di spiegare, gli squali non attraversano i passaggi nella barriera corallina che mettono in comunicazione la laguna con l’oceano aperto e se lo fanno ritornano subito indietro.

La laguna è sufficientemente grande, quando ci sei in mezzo, da farti appena vedere in lontananza la terraferma - se possiamo chiamarla così - e trasmetterti un senso assurdo di agorafobia e ansia, soprattutto se stai nuotando e la tua visuale è quella dal pelo dell’acqua.
Hai presente il film Deep water? Perché a un certo punto io mi sono sentito così.

È successo che Puna ha fermato la sua barca in mezzo a un punto qualunque della laguna e si è ancorato a un fondale di corallo piatto profondo circa un metro e mezzo. Sono sceso dalla barca e toccavo, con l’acqua sotto le spalle. Intorno il nulla. Blu, turchese, verde e questo fondale bianco per chilometri e chilometri attorno a me. Un paio di motu lontani all’orizzonte, i famosi banchi di sabbia coi ciuffi di palme, tipici degli atolli, che punteggiano i bordi delle lagune coralline. Niente altro. Ho infilato la maschera e mi sono allontanato di qualche bracciata, verso acque un po’ più profonde, all’inseguimento di un enorme branco di pesci. Con qualche ansia, ché non è proprio questo il mio ambiente, per quanto io sia un buon nuotatore.

Alzo la testa e vedo Puna che ha messo in moto la barca e si sta allontanando. Faccio a tempo a cogliere qualcosa del tipo che sta andando a cercare un posto migliore per ancorarsi. Si allontana lentamente, ma inesorabilmente, o almeno questa è la mia percezione dal pelo dell’acqua e io non sono affatto sicuro di aver capito esattamente cosa mi ha detto con quell’accento bastardo parente del neozelandese: dove cazzo sta andando?
Sarà forse qualche centinaio di metri, ma quanto basta perché mi assalga un’angoscia indescrivibile, anche perché dalla mia visuale non riesco a valutare bene né la distanza, né se si sia fermato o sia ancora in moto, né in generale riesco ad orientarmi. L’isola è a chilometri da me, questo è certo.
Inizio a provare a seguirlo ad ampie bracciate, cercando di rimanere calmo e di controllare la respirazione. Mi viene in mente che se mi prende un attacco di panico è troppo lontano per sentirmi e ormai non tocco nemmeno più da un pezzo. Nuoto, nuoto, nuoto, in mezzo a questo festival incredibile di pesci, sforzandomi di rimanere tranquillo. Sono anni e anni che non mi faccio una nuotata così, nel Mediterraneo poi, figurati qua in mezzo.
No, non è il mio ambiente, per nulla.

Mi bastano una decina di minuti per raggiungerlo. Ma sono lunghissimi.
Questa è Aitutaki, per me.
Un luogo di una bellezza sconvolgente, ma irrazionale. Non è come essere nel mezzo del deserto, perché nel deserto hai attorno terraferma all’infinito. Qui è acqua. È la stessa sensazione di vuoto e infinito del deserto senza avere i piedi, di fatto, per terra.
Nemmeno quando sei su un motu, o su un banco di sabbia affiorante in mezzo al nulla. Sono sceso su uno che sarà stato circa cento metri di lunghezza per trenta di larghezza. Solo sabbia. Sabbia piatta, compatta, corallina, affiorante dalla laguna. Null’altro, nemmeno una pianta. Qualche conchiglia, qualche pezzo di corallo, un granchio solitario. Sole a picco, sabbia abbagliante e acqua verde attorno.
Ho deciso di conquistarlo e dichiararne l’indipendenza. Terra mia. Magari un giorno si vedrà.

Aitutaki è meravigliosa arrivando in aereo - oddio, aereo: un coso a elica da una dozzina di posti, tenuto insieme con lo scotch, che ogni volta che sbatte contro una nuvola trema come avesse centrato un muro.
È meravigliosa quando navighi in mezzo alla laguna, senza un’anima attorno per chilometri e chilometri, cercando di non perdere di vista almeno una striscia di sabbia su cui poggiare i piedi. Ma come fanno i navigatori solitari, a pensarci? Io impazzirei.
Ad Aitutaki sono sbarcati Darwin e il capitano Bligh col Bounty diciassette giorni prima dell’ammutinamento.
Immagino di vederla coi loro occhi.

Ad Aitutaki, oggi, ci sono pochi ed esclusivissimi resort che costano un occhio, sufficientemente nascosti dalla poca vegetazione. Se poi capiti nell’isola in bassa stagione, come è il mio caso, non c’è davvero nessuno.
Non è un posto dove venire low budget se non hai fatto un po’ il pieno di spirito di adattamento, prima di atterrare: non potendo permettermi alternative più costose sono stato ospite di un autoctono che mi ha introdotto alla vita quotidiana di Aitutaki, ma ho dovuto fare i conti con l’acqua corrente pompata dai serbatoi domestici, l’isolamento quasi assoluto e una discreta fauna diurna e notturna a farmi compagnia, che nemmeno Noè.
Con galli e galline, maiali, capre e gatti nessun problema, per il resto grande uso di repellente e bombole di jungle formula contro zanzariere e fessure delle porte da cui, di notte, passava di tutto.
Notti difficili, caldissime e umide, senza nemmeno un ventilatore, popolate da sconosciuti oggetti striscianti e volanti che a un certo punto decidi di non voler sapere e basta.
Che poi, come cazzo ci sono arrivati, loro, fin qui?

Hai presente andare in giro di notte per Aitutaki - notte: sono solo le otto di sera, ma è buio pesto ovunque, non c’è nessuno in giro e in tutta l’isola ci saranno tre lampioni.
Andare in giro di notte, dicevo: con uno scooter in pezzi il cui sterzo rimane bloccato a destra mentre cerchi di andare dritto, alla ricerca non dico di un ristorante - scusi, dove posso trovare un ristorante? Mi spiace, non ce ne sono, l’unico che c’è questo mese è chiuso - ma almeno di uno spaccio dove poter trovare qualcosa per sopravvivere un paio di serate.
Alla fine mi imbatto in un mini market, dove riesco a comprare un paio di bottiglie d’acqua e due birre, delle arance, un paio di banane, dei biscotti al cioccolato, una scatoletta di tonno e un pezzo di formaggio.
Dall’altra parte della strada, avvolto dall’oscurità totale, un baracchino illuminato da una luce al neon. Chiedo se hanno qualcosa da mangiare. La tipa mi risponde, sorridendo, “tutto quello che desideri”.
L’unica cosa che non desidero, perché non mangio quasi altro da giorni e ho mangiato la stessa cosa a pranzo da un baracchino analogo, è anche l’unica che hanno: hamburger.

Mentre mi riaccompagna all’aeroporto Roro - Dr. Roro, come lo chiamano tutti - mi dice che lui è il pastore dell’isola. Mi chiede se so cosa è un pastore. Ci risiamo con l’evangelizzazione. Del resto anche Puna, ieri, mi ha fatto pregare prima di pranzare.
Mi dice che gli piace fare il pastore, perché così deve solo scrivere i sermoni e per il resto può dormire e non fare nulla.
Prima, mi dice, era in politica ed è stato ministro dell’agricoltura, ma era troppo faticoso. Prima ancora faceva il manager in una società di consulenza in Nuova Zelanda.
Lo osservo per un attimo: mi pare la cosa più incredibile del mondo. Potrebbe avere cinquanta o cento anni, boh. Indossa una camicia ridotta a brandelli, un paio di bermuda che hanno visto sicuramente il capitano Bligh, le infradito e guida una Nissan senza finestrini e con due portiere sfondate il cui contachilometri segna una cifra sopra i trecentomila chilometri che immagino non abbia fatto tutti qui.
Mi dice per quale società lavorava. Gli dico che ho lavorato per la stessa società, nello stesso periodo. Ci raccontiamo tutte le traversie di quella azienda che anni fa entrambi abbiamo abbandonato, lui per finire a fare il pastore ad Aitutaki, io per finire a combattere con i suoi insetti e il suo impianto di acqua corrente.
Scoppiamo a ridere insieme. Fine della storia.

RTW2018-23
RTW2018-24
RTW2018-25
RTW2018-26
La mia casa ad Aitutaki
RTW2018-27
RTW2018-28
RTW2018-29
RTW2018-30
RTW2018-31
RTW2018-32
RTW2018-33
RTW2018-34
rtW2018-35
TAG: aitutaki, cook, pacifico, oceano, Polinesia
18.14 del 09 Marzo 2018 | Commenti (0) 
 
27 Ignition
FEB Travel Log: Isole Cook ed RTW 2018
Chiudo il trolley con circa dieci chili, di meno è stato praticamente impossibile. Alla fine lascio a casa la Canon, come previsto, e mi preparo a fare i conti con Air New Zealand, che mi ha appena scritto avvisandomi che il check-in per Rarotonga chiuderà tassativamente centoventi minuti prima del volo.
Considerato che ammesso che il mio volo dagli Emirati sia perfettamente in orario arriverei comunque a Sydney solo novanta minuti prima, l'unica speranza è di riuscire a farlo durante lo stop over ad Abu Dhabi.

Osservo anche che le previsioni per giovedì mattina danno neve a palate su tutta la Lombardia, il che mi pone di fronte alla necessità di riorganizzare completamente la mia logistica per raggiungere l'aeroporto, prepararmi a combattere con Trenitalia e Trenord, e naturalmente sperare che i voli volino senza accumulare ritardi, altrimenti addio alla mia coincidenza ad Abu Dhabi e fine anche del problema del check in a Sydney.

Insomma, bene ma non benissimo.

zainoRTW
TAG: spostamenti, RTW
10.36 del 27 Febbraio 2018 | Commenti (3) 
 
07 Shots from my world
GEN Viaggi verticali, Fotoblog, Diario
E anche quest'anno lo abbiamo iniziato in Valchiavenna, nel nostro consueto rifugio di Campodolcino, che assieme all'Elba e a Valnontey disegnano un po' i punti cardinali della mia vita coi ragazzi.

È stata una settimana di neve, più degli ultimi due anni, ma non quell'esagerazione che ci si poteva aspettare, e finalmente di ritorno sugli sci a tempo pieno, con cuore, gambe e polmoni ritrovati dopo lo sventurato 2017, che oltre ai miei problemi di salute era iniziato con Carola sulle stampelle e di conseguenza, per la prima volta in assoluto, niente sci coi ragazzi per tutto l'anno e l'intera stagione praticamente saltata a piè pari, con la sola esclusione di un weekend da solo a marzo rubato apposta per non rimanere del tutto a secco e mettere almeno alla prova l'effetto dei betabloccanti.

Due anni dopo eccoci di nuovo qui: li ritrovo in forma smagliante, Carola per fortuna si è completamente lasciata alle spalle l'infortunio dello scorso anno senza nessuna conseguenza psicologica e ormai vanno entrambi più di me, sicuramente molto più di quanto andassi io alla loro età.
Li guardo scivolar via velocissimi, sicuri e felici, perfettamente a loro agio in mezzo alla nebbia e alla nevicata insistente, col ghiaccio e con la neve fresca, e sono orgoglioso del lavoro fatto in questi anni, di essere riuscito a trasmettere loro qualcosa di ciò che più mi appartiene, di condividerlo insieme.
Cerco di star loro dietro per quel che ancora posso, ma è quasi tempo di ritirarmi in baita davanti a un piatto di polenta e salsicce e lasciare che raccolgano il testimone di quella che per tutta la vita è stata la mia più grande passione. L'unica condizione che mi sia da sempre perfettamente appartenuta, come una seconda pelle.
La mia aria sottile.

madesimo2018-01
madesimo2018-02
madesimo2018-03
madesimo2018-04
madesimo2018-05
madesimo2018-06
madesimo2018-07
madesimo2018-08
madesimo2018-09
madesimo2018-10
TAG: madesimo, valchiavenna, campodolcino, sci, montagna
17.49 del 07 Gennaio 2018 | Commenti (0) 
 
02 #Newyearsday 2018 in Fraciscio, Valchiavenna
GEN Diario, Fotoblog, Viaggi verticali
Eravamo forse dieci anime, qualche grado sotto zero, una manciata di stelline scintillanti e un po' di neve per tenere in fresco bottiglie e bicchieri.
(Quasi) tutto quel che serve per iniziare un anno nuovo in serenità.

fraciscio1
fraciscio2
fraciscio4
Capodanno 2018 a Fraciscio, Valchiavenna
TAG: capodanno, valchiavenna, fraciscio
23.32 del 02 Gennaio 2018 | Commenti (0) 
 
31 A valigie chiuse
DIC Diario
E così si gira pagina un’altra volta, io per la cinquantatreesima. Mi lascio alle spalle un anno ambiguo, sofferto e impegnativo come gli ultimi tre, alla deriva senza timone e senza vela, nel quale però in qualche modo sono almeno riuscito a tenere la barca in rotta, un po’ per fortuna, un po’ con tenacia, un po’ grazie a qualche mano tesa al momento opportuno.

Nel 2017 sono tornato a viaggiare e, soprattutto, a volare. Che poi è l’essenza stessa della mia vita, o perlomeno quel che rimane delle mille passioni di una gioventù che mi ostino a chiamare “fino a qualche anno fa”, quando ormai quegli anni sono come minimo dieci, a voler essere generosi.
Nel 2017, per la prima volta, ho peraltro dovuto fare i conti davvero con l’età e con la salute, e ho avuto paura, più di quanta in realtà fosse ragionevole avere, ma tant’è, passare dal sentirsi immortale al rendersi conto di avere un cuore che può anche decidere, in un momento qualunque di una giornata qualunque, di fare un po’ il belino che crede, mi ha preso alla sprovvista e fatto prendere coscienza del fatto che sì, fra qualche giorno saranno cinquantatré, un’età alla quale può essere utile ricordarsi di avere un medico e all’occorrenza saper muoversi fra i meandri della sanità pubblica.

Nel 2017, così, ho tenuto fede alla promessa che mi ero fatto una sera uscendo dal medico, quando ho avuto paura, e dopo sette anni di quasi totale inattività sono finalmente tornato a correre un po’ seriamente. A quattro e mesi e mezzo dall’inizio di questa nuova avventura chiudo l’anno con quasi diciassette chili in meno [EDIT: alla pesata del 31 dicembre sono in realtà sedici scarsi, ché tener botta durante le feste è un’impresa] e i dieci chilometri in cinquantacinque minuti, che di per sé è un tempo ancora abbastanza lontano dalle mie prestazioni di qualche anno fa, ma certo quel pomeriggio di agosto, quando dopo anni ho infilato di nuovo le scarpette e mi sono avviato a camminare lungo la ciclabile che porta al parco, non pensavo che avrei davvero ripreso a correre sul serio in tempi così brevi e che sarei arrivato a questi numeri così rapidamente: mi ero dato almeno otto-dieci mesi di tempo per rompere il muro dell'ora e per la verità nemmeno ero certo che avrei tenuto abbastanza da scollinare l’autunno.
Invece son qui: ho corso con la neve e con la pioggia, ho corso la sera tardi uscendo dal lavoro e con temperature sotto lo zero, ho ricomprato dopo anni un paio di scarpette serie, una nuova maglia per il freddo, una giacca per la pioggia e qualche accessorio.
Ho anche scoperto che se mai volessi tornare a correre in qualche competizione dovrò studiarmi i nuovi regolamenti in vigore dallo scorso anno, ma la verità è che non so ancora quanto tutto sommato ne abbia voglia, quanto possa davvero ritrovare la motivazione necessaria e il tempo sufficiente per rispolverare anche uno solo di quegli obiettivi sfidanti che nel duemiladieci, dopo la maratona, mi sembravano tutti lì a portata di mano, a un passo dal poter essere afferrati e messi nel cassetto del “job done”, dell’anche questa è fatta.
Si vedrà. Intanto il primo obiettivo del 2018 sarà rientrare dalla montagna e riprendere a correre con regolarità anche dopo le feste, ché già, visto da qui adesso, sembra un appuntamento sufficientemente impegnativo.

Nel 2017 ho ripreso a leggere con una certa regolarità ed erano anni che non infilavo un po' di libri in sequenza: li compravo e li accumulavo fra i miei scaffali, in attesa che mi tornassero la voglia, la curiosità, la motivazione. Poi, una sera di un po' di mesi fa, a letto in attesa del sonno, ho messo giù il cellulare, annoiato, e ho preso dalla libreria uno di quei volumi impilati. E sono tornato alle buone vecchie abitudini.
Non tutti i libri che ho letto mi sono piaciuti, qualcuno anzi mi ha annoiato parecchio, ma ne annoto tre o quattro che mi hanno entusiasmato. Magari un giorno, se mi vien voglia, ne scrivo un po' qua dentro.

Nel 2017 ho cucinato tanto, o perlomeno molto più di quanto abbia mai fatto in passato, complice anche la dieta stretta che mi sono imposto di osservare parallelamente alla ripresa dell’attività fisica.
La verità è che mi piace cucinare, per quanto me lo sia sempre negato. Solo, vincono spesso la pigrizia e il fatto di essere perlopiù solo, per cui alla fine il piatto pronto e il microonde mi risolvono il pasto senza star troppo a perder tempo (per fare che, poi?) e, soprattutto, senza ritrovarmi con gli avanzi, che poi mi tocca mangiare la stessa cosa per giorni.
Però sì, cucinare mi piace. Non me la cavo nemmeno malaccio. Sto imparando a usare ogni angolo della mia cucina. E del resto che me la son fatta a fare la cucina a isola dei miei sogni se poi non la uso per cucinare?

Nel 2017, fra l’altro, ho vissuto il mio primo anno intero in questa casa nuova. Che sto imparando a conoscere e ad amare - ché sì, ho comprato questa casa perché ho immaginato che avrei potuto amarla, ma in verità non è stato un vero amore a prima vista: è stata un’opportunità, una scommessa, un calcolo. Uno spazio nel quale investire e costruire a mia misura, da modellare a mia immagine e somiglianza, che mi appartenesse, ma un colpo di fulmine no.
Ora, un po’ alla volta, sto imparando a sentirla mia, a riconoscerla come casa, a comprenderne la natura, gli umori e i punti deboli. A organizzarle all’interno, e spostarle attorno, la mia vita quotidiana.
È impegnativa, richiede attenzione costante, mi ha già dato anche qualche grattacapo imprevisto. Ma è il porto a cui tornare, nel quale rifugiarsi, o rinchiudersi alla bisogna. Le parlo, mi parla. Ci conosciamo.

Inizio il 2018 con un improvviso spazio da colmare, inatteso, non programmato. Per quanto. Ed è un problema.
Purtroppo. Come al solito, come sempre questi ultimi anni. Sembra ormai una regola maledetta. Dovrò riempire quello spazio il più rapidamente possibile.

Inizio il 2018 con un piccolo progetto a breve, che chissà. Avrei voluto lo stesso progetto in un altro modo, ma - se sarà - non sarà purtroppo possibile diversamente.
Non sarà - se sarà - un progetto comunque facile, anzi. Potrebbe forse essere uno dei più complicati che abbia mai messo in pista e farlo da solo lo renderà ancor più impegnativo per mille ragioni.
Vedremo. Vedremo anche quanta voglia ne ho davvero, ché proprio dovessi dire, così su due piedi, non è che la spinta di per sé sia proprio grandiosa, ma ho per le mani un'opportunità che proprio non voglio buttar via, ché sono quelle opportunità che non si buttano mai, per cui, intanto, ci lavoro, e poi si vedrà.
Nemmeno so se trolley o, dopo anni e anni, sarà bene riattrezzar lo zaino.

Intanto, come da tradizione, porto i ragazzi a far due curve, che quest’anno la neve è anche bella.
Dall’otto poi ne riparliamo.

strudel1
strudel2
TAG: capodanno, diario
19.29 del 31 Dicembre 2017 | Commenti (0) 
 
23 Pictures from Madeira and Porto Santo 2017
OTT Travel Log: Madeira e Porto Santo
Nonostante qualche imprevisto col quale ho dovuto confrontarmi negli ultimi due mesi, tipo il buon vecchio Mac defunto per colpa di una sciagurata cacciavitata alla scheda madre (e non chiedetemi come abbia fatto) e conseguente temporanea inabilità tecnologica, sono alla fine riuscito a fare ordine nell'eccessivo bottino fotografico del recente viaggio a Madeira e Porto Santo.
Come ormai d'abitudine, ho caricato le foto ad alta risoluzione sul mio account Smugmug.
Peraltro, allo stato attuale delle cose, difficilmente riuscirò ad aggiornare anche il database di Orizzintintorno, poiché per qualche ragione sconosciuta non riesco più a trasferire i file nell'archivio fotografico qua dentro (*).

A margine, continua purtroppo inarrestabile il lento processo di obsolescenza di questo sito web, senza che io riesca a trovare un rapido modo di migrare su un nuovo contenitore.

Su Smugmug trovate inoltre in formato ad alta definizione tutte le panoramiche che, al contrario, sono riuscito a caricare a risoluzione inferiore anche qui su Orizzontintorno, come quella qua sotto.
Non ci sono invece le bellissime foto di famiglia che quest'anno abbiamo riportato a casa: immagini davvero stupende che, per una volta, mi dispiace dover conservare nel cassetto dei ricordi privati.
Fra quelle che preferisco, un bellissimo sguardo fra padre e figlio catturato da Lilith.

Madeira100
Ponta do Pargo, Madeira
Madeira200
Father & Son taken by Lorenza, Madeira 2017

(*) Alla fine sono riuscito a caricarle e la scheda del viaggio è praticamente completa, a meno degli appunti che non ho preso.
TAG: madeira, porto Santo
16.27 del 23 Ottobre 2017 | Commenti (0) 
 
22 Madeira e Porto Santo (*)
AGO Travel Log: Madeira e Porto Santo
Dicono che nemmeno i portoghesi conoscano l'esistenza di Porto Santo. L'hanno ribattezzata "l'isola che non c'è".
Porto Santo esiste e si trova nell'Atlantico Settentrionale, circa 50km a nord di Madeira, poco più di due ore di navigazione, o una ventina di minuti con un piccolo aereo a elica.
Questo a condizione naturalmente di sapere dove si trovi esattamente Madeira: dovessi proprio dire, prima di partire non era così chiaro nemmeno a me. Figùrati Porto Santo.
Comunque entrambe fanno parte della Macaronesia (che esiste a sua volta, e c'eravamo già stati).

Questo blog e il suo team al completo sono dunque tornati a viaggiare e quest'estate sono stati a Madeira e Porto Santo.
Prossimamente su questi schermi (nel frattempo ho iniziato a caricare le foto qui).

CartaMadeira
Madeira01
Madeira02
madeira03
madeira04
madeira05
Madeira06
Shots from Madeira

(*) Doveva essere un viaggio alle Azorre. Per la verità, ancora prima, era un viaggio negli Stati Uniti programmato da due anni per vedere l'eclissi. Poi niente, (non) sono successe delle cose e non siamo stati né negli States, né alle Azorre, e per fortuna siamo stati a Madeira e Porto Santo, perché ci siamo divertiti moltissimo e ci siamo innamorati di entrambe.
TAG: madeira, porto santo
01.34 del 22 Agosto 2017 | Commenti (0) 
 
Pagina successiva >>


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2018 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo