Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


03 Come la scia di una nave
NOV Running
Prologo: questo è uno di quei post che nessuno arriverà mai a leggere fino in fondo. Ma devo riassumere alcune cose mie, per fare un po' d'ordine. E dove lo faccio, se non sul mio blog?

Qualche giorno fa Calexandrìs ha scritto qualcosa che ha fatto un po' il giro di una certa parte dell'internet che corre con le scarpette, e non solo. È stata ripresa su Twitter, rilanciata su FriendFeed e credo sia arrivata anche dalle parti di Facebook.
Io ho corso con Calexandrìs e già solo questo la rende una persona speciale, perché non ho mai corso con nessun altro: sono un runner irrimediabilmente solitario, ma se sto scrivendo questo post, e se sono di nuovo in strada a macinar chilometri dopo due anni di stop, lo devo un po' anche a lei. Ma non è di questo che voglio parlare.
Quel che vorrei è prendere spunto da quel che ha scritto lei per spiegare perché corro io.

Quasi cinque anni fa raccontai proprio fra queste pagine la mia prima volta in tuta e scarpette e aprii una categoria nel blog per raccogliere i miei post sulla corsa. Il registro era volutamente autoironico: prendermi in giro, condividere pubblicamente quelle prime dannatissime settimane di assurda sofferenza mista ad esaltazione adolescenziale - o meglio, da quarantenne invasato - fu la chiave che nell'arco di due anni mi permise, partendo completamente da zero, di arrivare a correre una maratona in quattro ore preparandomi esclusivamente da solo.
Chi segue questo blog da tempo conosce l'epilogo: dopo la maratona di Milano dell'aprile del 2010, complice qualche problema fisico, un previsto calo motivazionale dovuto alla preparazione intensissima delle ultime settimane e alcune difficili vicende personali, un po' alla volta smisi di correre. All'inizio pensavo fosse solo un momento di pausa inevitabile dopo due anni continui e tiratissimi; pian piano diventò un tunnel dal quale non riuscii più a uscire, salvo due o tre tentativi di ripresa a distanza di mesi, andati presto a vuoto dopo solo poche settimane. Semplicemente, erano venute meno in un colpo tutte quelle ragioni che mi avevano portato a correre e solo il riverificarsi delle medesime condizioni avrebbe potuto rimettermi in moto una seconda volta.

Del correre ho dunque scritto tanto in passato. Quel che non ho mai scritto, però, è perché davvero io abbia iniziato a correre. E del perché, ancora oggi, corro - sì, ho ripreso ormai da un po', e ho corso (anche) con Calexandrìs. Ma a questo arrivo più avanti: se vi va di ascoltare questa storia, mettetevi comodi. ..
[Continua a leggere]

TAG: toorx, trx 90, running
00.28 del 03 Novembre 2012 | Commenti (1) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo