Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


08 Duemilasedici, quindi
GEN Amarcord
Duemilasedici, quindi. Trentasei anni dal mio primo bacio. Trentacinque che sono iscritto al CAI. Trentaquattro dalla prima volta. Trentatré anni dal mio primo viaggio a Capo Nord da solo. Trentuno dal mio primo quattromila. Ventinove dalla mia spedizione alle Svalbard. Ventisei dalla laurea e dalla mia Patagonia in solitaria. Quattordici dal sabbatico in Asia e dall'Everest. Undici dalla fine della mia vita con un contratto a tempo indeterminato e dall'inizio della vita di eterno precario ad alto rischio, rischio a crescere di anno in anno, intendo (e certo quest'anno è iniziato nel peggiore dei modi). Otto da quando ho lasciato Varsavia. Sette dal mio ultimo quattromila e dal mio primo libro (magari questo è l'anno del secondo). Sei dalla separazione, dalla mia ultima maratona e dall'inizio della mia nuova vita, qui. Cinque dal mio giro del mondo, da O'ahu e dal Canale di Panama. Quattro già alle spalle con lei. Saranno due senza papà, quest'anno. Un anno fa a quest'ora pensavo di avere chiuso un cerchio definitivamente, e invece no.

Il mio passato si allontana davanti a me, inesorabile, sempre più rapidamente, sempre più sfuocato. Il futuro mi arriva alle spalle improvviso, e non lo vedo.

Da lunedì devo inventarmi una nuova vita. Poi, a giorni, saranno cinquantuno.
TAG: vita, anniversari
22.28 del 08 Gennaio 2016 | Commenti (2) 
 
13 Undici
SET Diario
Ieri pomeriggio, erano circa le diciassette, ho messo una firma importante su un foglio. Una firma che ha richiesto che prendessi un po' di coraggio. Una firma che ormai da qualche mese avevo deciso di arrivare a mettere, per arrivare alla quale negli ultimi tempi mi ero dato piuttosto da fare con speranze alterne, non sempre del tutto convinto di quel che stavo facendo, e che credevo non sarebbe forse mai più accaduto che avessi la possibilità di arrivare nuovamente a mettere.
È stata la terza volta nella mia vita che ho messo una firma analoga e ogni volta è stato - inevitabilmente direi - un momento di svolta significativo: la prima ormai ventidue anni fa, la seconda undici. Sembra quasi che i cicli della mia vita siano di undici anni.

È una firma che, in qualche modo, significherà (speriamo, perché la firma in sé non è sufficiente, è solo un primo passo) ricominciarla da capo, per l'ennesima volta, una nuova vita. A cinquant'anni suonati. Considerando che ne ho già in mente un'altra a sessanta (sessantuno?), potrei quasi dire che è solo un'altra boa fra le tante di un'esistenza zingara per definizione.
Comunque, intanto, vediamo se questa svolta si concretizza del tutto.

È anche una firma che, ci fosse stato ancora papà, non sarebbe stata possibile. E che purtroppo è stata possibile solo perché lui non c'è più. Ieri, prima di firmare, sono passato a trovarlo per dirglielo.
Chissà cosa ne avrebbe pensato lui, se avrebbe pensato che ho fatto bene o meno. Io credo di sì, anzi, ne sono certo.
E poi penso anche che è stata una firma possibile non solo perché non c'è più papà, ma per tutto quello che è successo da inizio anno in avanti, che non era affatto previsto e che, visto da un'angolazione diversa, era apparso come una sciagura. Solo un anno fa a quest'ora ero lontanissimo dal pensare che oggi, ieri, avrei messo una firma del genere. Anzi, i miei progetti erano orientati completamente altrove. Poi, improvvisamente, a fine febbraio mi sono trovato nella condizione di poterci mio malgrado pensare davvero per la prima volta, in mezzo a tutto quel che mi stava accadendo e, ancor più strano, proprio per quello.
E così ho rimesso in pista questo progetto, che avevo ormai accantonato da anni e che pensavo non avrei più potuto realizzare.

Saranno - speriamo, ché appunto mancano ancora alcuni dettagli per poter dire che è proprio fatta - un autunno e un inverno molto impegnativi e frenetici.
E intanto, contemporaneamente, c'è da cercare di fissare altri due punti importanti della mia vita.

Sì, saranno mesi molto difficili e faticosi.
Fra quattro giorni sarebbe stato il tuo compleanno.
TAG: vita
13.39 del 13 Settembre 2015 | Commenti (0) 
 
11 Crazy Ivan
FEB Diario

È difficile capire quando fermarsi in una gara di resistenza.


[Bart Mancuso, capitano del sottomarino Dallas]

TAG: vita
22.05 del 11 Febbraio 2015 | Commenti (0) 
 


orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo