Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


Emirati Arabi e Oman (2001)
il tè nel deserto
Mezzi di trasporto
Volo Alitalia Milano-Dubai.<br />
Abbiamo quindi utilizzato un auto a noleggio per tutto il giro. Le strade sono ottime, le autostrade esagerate. Aria condizionata abbastanza indispensabile.
Alloggio e pernottamenti
Al-Khaleej Hotel a Dubai. E' quello che ha sponsorizzato il nostro visto. Prenotato via Internet, si trova piuttosto in centro e non è male. Sullo standard degli Emirati non appartiene certo alle categorie top, ma è pulito e confortevole. Diciamo un buon 3 stelle.
Novotel Centre Hotel ad Abu Dhabi. Posizione perfetta, prezzo accessibile, standard medio-elevato. Insomma, è un classico Novotel.
Rotana Hotel ad Al-Ain. E' uno degli hotel più lussuosi nei quali siamo mai stati. Un nuovo 5 stelle costruito proprio nel centro di Al-Ain, con stanze "standard" da mille e una notte. Nonostante ciò, abbiamo contrattato sul momento un ottimo ed accessibile prezzo, come se fosse un qualunque hotel di media categoria. Probabilmente perché aveva aperto da poco ed era vuoto. Se passate da Al Ain, comunque, un tentativo fatelo (anche perché non ci sono molte alternative da queste parti: Hilton, Sheraton, ecc....).
Fujairah Beach Motel. Come suggerisce il nome, è più un motel che un vero e proprio hotel, ma comodo e, per una volta, davvero economico. Del resto, gli standard sono sempre quelli degli Emirati, elevatissimi.
Cose da non perdere e cose da lasciar perdere
Gli Emirates sono un viaggio che ricordiamo con molto piacere e nel quale ci siamo davvero rilassati. Il Paese offre, nel complesso, un mix quasi ideale di modernità ed efficienza mescolate con la tradizione e la cultura araba. Il tenore di vita è molto elevato, ma i prezzi, tutto sommato, non sono così elevati come ci aspettavamo. Noleggiare un'automobile, ad esempio, costa davvero poco, e se si considera che la benzina da queste parti è quasi regalata...
Detto questo, l'highlight principale è certamente Dubai, una città stupenda, viva, cosmopolita, da vivere fino in fondo. Indimenticabili le nostre traversate sul Creek con gli "abra" e i nostri tè in riva al mare a guardare le attività frenetiche del porto, i mercati, la gente.
Non perdete assolutamente una corsa di cammelli allo stadio appena fuori Dubai, nel deserto. E' un'esperienza irresistibile. Lo "stadio" si raggiunge facilmente in taxi.
Abu Dhabi è una città molto diversa da Dubai e molto più moderna. Apparentemente potrebbe quasi essere anonima, ma i colori dei nuovi grattacieli, le architetture incredibili - soprattutto se messe a confronto con il panorama circostante! - e gli shopping mall che nascondono le botteghe artigiane dei vicoli, meritano sicuramente un paio di giorni.
Il deserto nei pressi dell'oasi di Liwa è bellissimo e merita una giornata. Ad Al-Ain, è interessante lo sconfinamento omanita a Buraimi e non va assolutamente perso il mercato dell'oasi.
Fra gli emirati minori, vale la pena attraversare le montagne ed andare a Fujairah, anche per variare un po' il panorama.
Note
Ad Al-Ain Carlo si è fatto fare un abito pakistano su misura da un sarto afghano... Anche questa bisogna dire che è un'esperienza notevole...

orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2020 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo