Orizzontintorno Carlo Paschetto
Logo orizzontintorno Carlo Paschetto


Giappone (2006)
Japan off the beaten tracks
Giappone
Si tratta di un viaggio parecchio itinerante, nonostante una lunga sosta iniziale di quasi una settimana a Tokyo ed altre cinque notti spese a Kyoto. Il percorso che abbiamo seguito ha richiesto un mese di viaggio pieno, molto intenso, e ci ha consentito di girare in modo approfondito buona parte di Honshu, la principale delle quattro grandi isole che formano il Giappone, e di mettere piede anche a Kyushu, l'isola pi meridionale, visitando tutti i centri urbani pi noti ed allo stesso tempo alcune delle zone meno battute dal turismo, anche locale.

Dopo la settimana iniziale a Tokyo, della quale abbiamo approfittato anche per le escursioni giornaliere a Nikko e a Kamakura (Yokohama l'abbiamo visitata al nostro ritorno, prima di partire), invece di seguire la rotta turistica classica e meglio servita (Hakone, Nagoya, Takayama), ci siamo spostati nella zona del Monte Fuji raggiungendo la regione dei Cinque Laghi, Fuji Go-ko, e facendo base a Fujiyoshida, a pochi chilometri da Kawaguchi-ko, nostra destinazione programmata, ma dove invece non abbiamo trovato posto in albergo. Da Kawaguchi-ko siamo saliti alla stazione di quinto livello del Monte Fuji, a circa 2.300 metri di quota, da dove parte uno dei classici sentieri che porta in vetta.
Abbiamo poi proseguito lungo una rotta interessante e non scontata, raggiungendo Matsumoto, per visitare quello che ritenuto uno dei tre castelli pi belli del Giappone. A Matsumoto ci siamo fermati peraltro solo un paio d'ore, proseguendo poi in autobus attraverso le Alpi Giapponesi alla volta del distretto di Hida e di Takayama.

Da Takayama la nostra traversata della Alpi verso la costa settentrionale continuata visitando Shirakawa-go (in giornata da Takayama) e spostandoci poi nel distretto di Gokayama, ad Ainokura, uno sperduto e minuscolo villaggio fra le montagne, dove siamo stati ospiti presso una famiglia locale in una caratteristica fattoria in stile Gassho.
Scesi quindi a Takaoaka, affacciata sul Mar del Giappone, abbiamo proseguito per Kyoto, via Kanazawa. A Kyoto altra lunga sosta, cinque notti e quattro giorni, spendendone uno per l'escursione a Nara, che a meno di un'ora di treno. Va detto che mentre una giornata per Nara sufficiente, Kyoto meriterebbe tranquillamente una settimana e ancora ce ne sarebbe.

Lasciata Kyoto, ci siamo tuffati nella bella esperienza in Tango-hanto di cui si parla diffusamente anche altrove in questa pagina. Il Tango una regione battuta pochissimo dagli stessi giapponesi, piuttosto isolata e bellissima, caratterizzata da un mare stupendo, foreste (quasi) vergini e piccoli villaggi di pescatori.
Abbiamo fatto base nel minuscolo villaggio di Kurumidani disperso fra le montagne, ospitati presso una casa privata, ed abbiamo visitato la penisola in due giorni, toccando Amanohashidate, il villaggio sull'acqua di Ine, le spiagge di Kotobikki-hama, con il suo onsen naturale, e di Hei-Bama, e sostando infine anche nell'onsen di Yoshino no Sato.
Il percorso si snodato poi lungo la remota costa del San-in, per lunghi tratti incontaminata. Da Mineyama, dove ci siamo fatti accompagnare in auto, abbiamo seguito la linea ferroviaria costiera, continuando per Tottori, dove abbiamo visitato le rinomate dune sul mare, ed Hagi, famosa per le ceramiche. Via Asa, grazie al tunnel ferroviario sottomarino, abbiamo infine raggiunto l'isola di Kyushu, terminando la nostra corsa verso sud ad Hakata-Fukuoka.

Ritorno lungo la costa San-yo, sostando ad Hiroshima (da dove abbiamo fatto un'escursione giornaliera a Miyajima), Himeji ed Osaka.

Complessivamente l'itinerario lungo circa 3.000 chilometri, almeno ad occhio.

orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto orizzontintorno Carlo Paschetto
Copyright 2003-2017 Orizzontintorno   |   P. IVA 09609460960   |   Informazioni   |   info [at] orizzontintorno.com

Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo sito sono licenziati Creative Commons Copyright. Orizzontintorno è un sito web di proprietà di Carlo Paschetto e non è da considerarsi in alcun modo una testata giornalistica in quanto non prevede periodicità nell'aggiornamento. Il titolare non si assume alcuna responsabilità per quanto pubblicato all'interno dei commenti del blog.

logo